Fuori da qui In breve Post

Quando le donne guidano i movimenti di protesta

21 Settembre 2020 6 min lettura

author:

Quando le donne guidano i movimenti di protesta

6 min lettura

Nelle proteste che ormai da più di un mese vanno avanti in Bielorussia, le donne hanno un ruolo fondamentale, che ha catturato l’attenzione dei media di tutto il mondo. È donna Sviatlana Tsikhanouskaya, che ha sfidato alle elezioni il presidente Alexander Lukashenko, e che insieme a Maria Kolesnikova e Veronika Tsepkalo, altre due figure femminili dell’opposizione, è diventata simbolo del movimento del dissenso nel paese. E sono state le donne a organizzare alcune delle prime manifestazioni contro il risultato delle elezioni, scendendo in piazza vestite di bianco, reggendo nelle mani fiori e striscioni.

Leggi anche >> Proteste in Bielorussia: l’Unione Europea chiede il rilascio di tutti i prigionieri politici e prepara le sanzioni

Secondo la giornalista bielorussa Hanna Liubakova, Lukashenko stesso, forse involontariamente, ha aiutato con il suo atteggiamento fortemente misogino la crescita di queste figure e del supporto nei confronti di Tsikhanouskaya.

A maggio, ad esempio, aveva dichiarato che la società bielorussa non era abbastanza matura per eleggere una donna. “Molte donne e molti uomini mi hanno detto prima delle elezioni che trovavano scandaloso il suo atteggiamento irrispettoso nei confronti di una leadership femminile. Ed è per questo che hanno scelto di sostenere Tsikhanouskaya”, ha scritto Liubakova su Twitter.

Tichanovskaja e Tsepkalo sono in seguito fuggite dalla Bielorussia per paura di ritorsioni nei confronti dei loro familiari. Kolesnikova è rimasta nel paese, è stata arrestata al confine con l’Ucraina il 7 settembre, è detenuta a Minsk, la capitale, è stata incriminata per aver incitato “azioni volte a minare la sicurezza nazionale” - accusa che prevede una pena massima di cinque anni di carcere. Ma questo non ha fermato i movimenti.

La giornalista Yasmeen Serhan nota su The Atlantic come la forte presenza femminile non sia una prerogativa solo della Bielorussia, ma che anzi ci sia una tendenza “in atto nei movimenti globali di massa: le proteste alle quali partecipano le donne sono di solito più grandi, meno violente e più versatili rispetto alle altre. E, cosa più importante, hanno maggiori probabilità di successo”.

Nell’ultimo decennio le donne sono diventate simboli in movimenti di protesta in diverse parti del mondo, come Algeria, Sudan, Stati Uniti, o hanno avuto un ruolo fondamentale nell’animare manifestazioni. È accaduto ad esempio nel 2019 in India per quanto riguarda la legge sulla cittadinanza, o l’anno prima in Brasile, nelle proteste contro il presidente Jair Bolsonaro. In Libano, le voci di protesta contro il governo e la corruzione della classe dirigente sono in prevalenza femminili. “Il grande numero di donne coinvolte è impressionate”, si legge su Deutsche Welle, “le donne nel movimento di potresta mostrano un coraggio e una forza particolari, e spesso sono in prima linea nelle manifestazioni”. Come ha affermato Laila Zahed, 60 anni, che ha partecipato a quasi tutti i cortei dall'inizio delle proteste in Libano il 17 ottobre dello scorso anno, «la rivoluzione era ed è donna».

La ragione di questa maggiore visibilità risiede in parte nel fatto che i movimenti non violenti di tutto il mondo sono più inclusivi, scrive Serhan, che cita una ricerca dell’università di Harvard condotta dalle docenti Erica Chenoweth e Zoe Marks. Secondo lo studio, fino al 70% delle proteste non violente dal 2010 al 2014 hanno visto “un numero contenuto o molto vasto di donne in prima linea”: si è trattato di movimenti più inclusivi e aperti, ma anche più efficaci nel raggiungere gli obiettivi che si erano prefissati.

La questione però non è solo l’apertura dal punto di vista del genere e dunque la maggiore partecipazione, ma anche le tattiche usate nelle manifestazioni. «Quando c’è un alto numero di donne partecipanti, è più probabile che il movimento mantenga un’attitudine non violenta», ha affermato Chenoweth, secondo cui un'ipotesi è che le donne abbiano sulle spalle la responsabilità di più persone rispetto agli uomini, e che questo le motivi a stare più lontane da ulteriori pericoli.

Serhan scrive che i movimenti guidati da donne o con un grosso contributo femminile “tendono a essere meno violenti, in parte perché è più difficile reprimere con la forza manifestazioni in cui ne sono presenti molte, soprattutto in società patriarcali come quella bielorussa”. Questo di certo non significa che le donne non subiscano repressioni violente.

Secondo Amnesty international, anche prima delle proteste nate dopo il voto di quest’estate, in Bielorussia le attiviste venivano colpite in maniera sproporzionata da persecuzioni di natura politica, intimidazioni e molestie.

Sabato 12 settembre, la polizia bielorussa in assetto antisommossa ha arrestato usando la violenza decine di donne che erano scese in piazza per una protesta pacifica per le strade di Minsk per chiedere il rilascio di Maria Kolesnikova. Come riporta Al Jazeera, alcuni filmati trasmessi dai canali bielorussi Belsat e Tut.by, mostrano agenti in assetto antisommossa che spingono brutalmente delle manifestanti dentro i furgoni della polizia.

La scena si è ripetuta il sabato successivo, 19 settembre, quando circa 2mila persone, di cui la maggioranza donne, hanno partecipato all’ennesima manifestazione contro il governo Lukashenko, indossando lustrini e sventolando le bandiere rosse e bianche. In un comunicato ufficiale, la leader dell’opposizione Tsikhanouskaya le ha definite le “donne coraggiose della Bielorussia”, che continuano a “marciare nonostante siano continuamente minacciate e messe sotto pressione”.

https://twitter.com/VoicesBelarus/status/1307272723706544129?s=20

«Il simbolismo di queste proteste incoraggia davvero le persone a uscire fuori. Le donne erano insieme ad altre donne e i loro bambini e mostravano che essere coinvolti nell’attività politica non deve essere una cosa spaventosa. È sicuro», ha detto il corrispondente di DW da Minsk, Nick Connolly. Ma, ha aggiunto, «ci sono anche crescenti minacce verso i bambini dei manifestanti, le autorità suggeriscono che se vieni arrestato per questo tipo di attività, i servizi sociali potrebbero intervenire e portare tuo figlio in una casa famiglia».

Secondo il giornalista bielorusso Franak Viačorka, ci sono state più di 250 donne arrestate. Tra queste anche Nina Bahinskaja, 73 anni, diventata un'icona del movimento di protesta, poi rilasciata. “Lukashenko si sente invincibile perché ha ottenuto soldi e sostegno politico da Putin. Ma si sbaglia se pensa che le proteste spariranno”, ha scritto Viačorka su Twitter, notando come la sollevazione in Bielorussia stia diventando “sempre più donna. Queste donne sorridenti disarmano il regime”.

Per Viačorka le manifestanti “incarnano una Bielorussia nuova, moderna ed europea. Creano cultura, sviluppano l’economia, costruiscono potenziale intellettuale per la nazione. Le persone in uniforme difendono il regime autoritario post-comunista, e trascinano il paese nel passato”.

Secondo la Commissione per l'eliminazione delle discriminazioni contro le donne (CEDAW) delle Nazioni Unite, le donne bielorusse hanno combattuto coraggiosamente per i diritti umani nel paese: "È ampiamente riconosciuto che la continua lotta per la democrazia in Bielorussia ha un volto femminile". Le donne, prosegue il comunicato "giocano un ruolo cruciale nelle proteste politiche in giro per il mondo. Le loro voci non sono marginali ma centrali nel chiedere diritti, inclusione sociale e partecipazione pubblica".

Una caratteristica dei movimenti non violenti negli ultimi anni, spiega Serhan su The Atlantic, è stata la capacità di diversificare le proteste rispetto a semplici manifestazioni di piazza. E anche in questo le donne hanno rivestito un ruolo cruciale, nell’inventare metodi innovativi di protesta. Basti pensare a boicottaggi, scioperi e altre forme di pressione verso il potere.

Questo, secondo la ricercatrice di Harvard Chenoweth, dipende anche dal fatto che grazie al loro ruolo nella società, le donne hanno un certo senso nel riconoscere i migliori strumenti da utilizzare per realizzare il cambiamento sociale. Ad esempio, il primo episodio documentato di resistenza non violenta in Nord America fu da parte di donne irochesi, una popolazione di nativi americani, nel XVI secolo che chiesero il diritto di veto alle dichiarazioni di guerra. Si sono rifiutate di raccogliere i raccolti e nutrire gli uomini e di costruire scarpe, finché non hanno guadagnato quel diritto dai capi tribù.

«Abbiamo molti esempi di donne che sfruttano effettivamente i loro ruoli di genere per costruire potere sociale», ha aggiunto Chenoweth. Serhan su The Atlantic ricorda le madri di Plaza de Mayo, un movimento nato nel 1977 da un gruppo di donne argentine i cui figli erano scomparsi a causa della dittatura militare: le loro rivendicazioni hanno avuto effetto anche “grazie alla capacità delle partecipanti di fare leva sulla loro condizione di madri in lutto. Sebbene il governo abbia cercato di dipingerle come las locas, ossia ‘le pazze’, alla fine ha preferito non reprimere il movimento per timore di possibili reazioni”. Sebbene il contesto sia diverso, le proteste in Bielorussia pongono una sfida simile alle autorità. Secondo Serhan, per il semplice fatto di essere lì, donne come Bahinskaya, la 73enne arrestata sabato diventata uno dei simboli delle proteste, “sono state capaci di sfruttare a loro vantaggio stereotipi tradizionali e di genere”.

Immagine anteprima via Voices from Belarus

Iscriviti alla nostra Newsletter

  Consenso all’invio della newsletter: Dai il tuo consenso affinché Valigia Blu possa usare le informazioni che fornisci allo scopo di inviarti la newsletter settimanale e una comunicazione annuale relativa al nostro crowdfunding.
Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore