Fuori da qui Post

Donald Trump potrebbe aver compromesso la sicurezza nazionale: il caso dei documenti classificati presi dalla Casa Bianca e la perquisizione dell’FBI

29 Agosto 2022 5 min lettura

author:

Donald Trump potrebbe aver compromesso la sicurezza nazionale: il caso dei documenti classificati presi dalla Casa Bianca e la perquisizione dell’FBI

Iscriviti alla nostra Newsletter

4 min lettura

di Clark D. Cunningham*

Il 26 agosto 2022 il Dipartimento di Giustizia americano ha diffuso la dichiarazione scritta sotto giuramento (affidavit) di un agente speciale dell'FBI, utilizzata per ottenere un mandato del tribunale per permettere all'FBI di cercare nella tenuta in Florida dell'ex presidente Donald Trump documenti relativi alla difesa nazionale e altri documenti governativi.

Ampie parti dell'affidavit sono state oscurate, lasciando aperte molte domande sui dettagli dell'indagine. Tuttavia, ciò che è visibile dimostra che l'FBI aveva solide prove sul fatto che Trump aveva portato nella tenuta di Mar-a-Lago documenti critici per la sicurezza nazionale.

Il 22 agosto 2022 il giudice federale della Florida, Bruce Reinhart, ha ordinato la pubblicazione dell’affidavit - che di solito contiene i dettagli chiave di un'indagine per giustificare un mandato di perquisizione - a seguito di una causa intentata da organi di informazioni e altri gruppi. Ma Reinhart ha anche detto nell'ordinanza che avrebbe permesso al Dipartimento di Giustizia di oscurare prima alcune delle informazioni più critiche dell'affidavit, come "le identità dei testimoni, degli agenti delle forze dell'ordine e delle parti non accusate... la strategia, la direzione, la portata, le fonti e i metodi dell'indagine e... le informazioni del Gran giurì".

Secondo quanto riporta l'affidavit, si tratta dell'ultimo sviluppo del conflitto legale sui documenti governativi, tra cui il materiale sulla sicurezza nazionale, che Trump ha conservato in violazione della legge. Il documento dell'FBI mostra come sussista quella che la legge chiama "probabile causa" per credere che Trump abbia commesso vari reati, tra cui la violazione della legge sullo spionaggio (l'Espionage act).

Il sito The Conversation ha chiesto a Clark D. Cunningham, studioso di diritto della Georgia State University ed esperto di mandati di perquisizione, di rispondere a cinque domande chiave per spiegare questo nuovo sviluppo.

1. Che cos'è l'affidavit di un mandato di perquisizione?

Cominciamo dal mandato di perquisizione, che è un'ordinanza del tribunale che autorizza gli agenti governativi a entrare in una proprietà senza il permesso del proprietario per cercare prove di un reato. Il mandato autorizza inoltre gli agenti a sequestrare e portare via tali prove se le trovano.

Per ottenere un mandato di perquisizione, il governo deve fornire al tribunale una o più dichiarazioni rese sotto giuramento che spieghino perché il governo ritiene che sia stato commesso un reato, stabilendo che vi è una giustificazione sufficiente per emettere il mandato. Se la dichiarazione è scritta, prende il nome di affidavit. Per questo motivo, la prima frase dell'affidavit reso pubblico riporta le parole "debitamente giurato" dopo il nome oscurato dell'agente che ha rilasciato la dichiarazione.

2. Qual è l'aspetto più importante dell'affidavit?

Poiché molte delle informazioni che riporta sono state oscurate, probabilmente la novità più importante è che l'agente dell'FBI afferma che da un controllo dei documenti di Mar-a-Lago che il governo aveva già ottenuto nei mesi scorsi, tramite Gran Giurì, questi risultavano contrassegnati in modo da indicare chiaramente che la sicurezza nazionale era a rischio.

3. In che modo l'affidavit dimostra che la sicurezza nazionale era a rischio?

L'affidavit rivela che alcuni dei documenti conservati a Mar-a-Lago erano contrassegnati con la sigla HCS, usata per documenti di intelligence derivata da fonti umane clandestine - quelle che noi considereremmo informazioni segrete di intelligence fornite da agenti sotto copertura o da fonti all'interno di governi stranieri. Se l'identità degli agenti o delle fonti viene rivelata, il loro valore come fonti di intelligence è compromesso e, addirittura, la loro vita può essere a rischio.

C'erano anche documenti contrassegnati dalla sigla FISA, ovvero raccolti in base al Foreign intelligence surveillance act, documenti contrassegnati dalla sigla NOFORN, usata per quelle informazioni che non possono essere divulgate in alcuna forma a un governo straniero, e documenti contrassegnati dalla sigla SI, che indica informazioni derivate dal monitoraggio delle comunicazioni di governi stranieri.

4. È prassi comune per un tribunale decidere che venga reso pubblico un affidavit mentre è in corso un'indagine?

Poiché l'affidavit di un mandato di perquisizione di solito espone il caso del governo e rende identificabili i testimoni, è molto raro che sia reso pubblico se c'è un'indagine penale in corso. È per questi motivi che la versione rilasciata presenta molte informazioni oscurate. Se un affidavit di questo tipo è reso pubblico, il più delle volte accade in una fase successiva del processo, quando sono effettivamente presentate le accuse penali.

5. Cosa ci dice questo sull'indagine e sulla gravità dei presunti crimini di Trump?

Le informazioni rivelate nell'affidavit indicano che la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e l'incolumità degli agenti dell'intelligence sono state potenzialmente messe in serio pericolo, una volta che i documenti della difesa nazionale sono stati apparentemente conservati in una stanza di una tenuta in Florida.

C'è stata un po' di confusione su questo aspetto - i media hanno parlato molto di informazioni classificate. Ma anche se l'archiviazione impropria di informazioni classificate è un reato, non è questo il punto su cui si sta indagando. È in ballo un reato molto più grave, previsto dalla legge sullo spionaggio (l'Espionage act).

Anche un ex presidente inizialmente in possesso di informazioni sulla difesa nazionale commette un reato, se conserva tali informazioni dopo che il governo ne ha richiesto la restituzione. Trump non può conservare i documenti della difesa nazionale, nemmeno se si tratta di documenti da lui "declassificati", come sostiene di aver fatto.

È stato documentato che una spia cinese è penetrata nella tenuta di Mar-a-Lago mentre Trump era presidente. Si tratta di un luogo non protetto. Se una spia straniera entrasse in quella stanza e ne uscisse con informazioni che rivelano la presenza di agenti americani sotto copertura in tutto il mondo, o il modo in cui abbiamo monitorato e raccolto informazioni classificate in tutto il mondo, a mio avviso il danno potenziale sarebbe sconvolgente.

*Clark D. Cunningham è titolare della cattedra W. Lee Burge in diritto ed etica, ed è direttore del National institute for teaching ethics & professionalism (NIFTEP) presso la Georgia State University

Questo articolo è una traduzione dell'originale pubblicato in inglese su The Conversation con licenza Creative Commons.

(Immagine in anteprima via msn.com)

Iscriviti alla nostra Newsletter


Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore