Post

Nelle ultime 24 ore tre donne uccise e un tentativo di strangolamento. Nel 2018 un femminicidio ogni 3 giorni

24 Dicembre 2018 3 min lettura

author:

Nelle ultime 24 ore tre donne uccise e un tentativo di strangolamento. Nel 2018 un femminicidio ogni 3 giorni

3 min lettura

Solo nella giornata del 23 dicembre, l’anti-vigilia di Natale, tre donne sono state uccise da mariti, compagni, conviventi o ex. Le motivazioni sono sempre le stesse: gelosia, "non accettava la fine della relazione", "non sopportava che lei stesse con un altro". È il medesimo copione che si ripete, e che ancora viene troppo spesso raccontato come "omicidio al culmine di una lite", di una "separazione dolorosa" o "raptus".

Leggi anche >> Contro la violenza sulle donne: media, scuola, diritti #nonunadimeno

Ieri sera ad Alghero, in Sardegna, Michela Fiori, di quarant’anni, è stata strangolata in casa dal marito, Marcello Tilloca, di 42. Michela era dipendente di una cooperativa che cura l'assistenza domiciliare per conto dei Servizi sociali del Comune di Alghero e aveva due figli di 11 e 13 anni. Si stava separando dal marito, l'udienza in tribunale era fissata per il 15 gennaio.

Intorno alle 19 Tilloca ha chiamato il suo avvocato, dicendogli di aver ucciso Michela. Poi è andato in caserma. «Ci stavamo separando, abbiamo discusso, l'ho strangolata con le mie mani», ha detto al magistrato. Secondo quanto riportato dalla stampa locale, una ventina di giorni fa Michela si era rivolta a un centro anti violenza per raccontare i maltrattamenti subiti dal marito. A novembre, invece, aveva denunciato alla polizia una tentata estorsione subita: il figlio più grande aveva perso il cellulare, e alla donna era arrivata da un numero sconosciuto una richiesta di riscatto di 300 euro. Le indagini avevano poi fatto scoprire che il responsabile era il marito da cui si stava separando.

Leggi anche >> Caso Cisterna di Latina: cosa avremmo potuto e dovuto fare per salvare Antonietta e le sue bambine?

In provincia di Cosenza, a Scalea, il corpo di una donna di origine dominicana di 36 anni è stato ritrovato da una vicina di casa nel cortile del palazzo in cui abitava. Nonostante in un primo momento si fosse pensato a un suicidio, in seguito alle indagini è stato fermato il convivente della donna, un uomo di 26 anni, con l'accusa di omicidio. I vicini avrebbero riferito di aver sentito delle “voci piuttosto agitate” provenire dall’abitazione della coppia. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, l’uomo avrebbe prima tramortito la donna, per poi scaraventarla da una finestra del quarto piano dell’edificio. I giornali parlano di un “litigio per ragioni di gelosia”.

Leggi anche >> Raptus, gelosia, sensazionalismo e morbosità: i media e la violenza sulle donne

Leggi anche >> Come i media dovrebbero coprire i casi di violenza sulle donne

A Davoli Superiore, vicino Catanzaro, Francesca Petrolini di 53 anni è stata uccisa a colpi di arma da fuoco all’interno della sua tabaccheria insieme al nuovo compagno, Rocco Bava. Le indagini anche in questo hanno seguito la pista del femminicidio: gli inquirenti hanno portato in caserma Giuseppe Gualtieri, cognato ed ex fidanzato di Francesca, con la quale aveva iniziato una relazione dopo la morte del fratello. La storia era poi finita, e da alcuni mesi la donna aveva un nuovo compagno. Di fronte al sostituto procuratore Chiara Bonfadini e ai carabinieri, Gualtieri ha confessato di essere stato lui ad uccidere l'ex compagna e il suo nuovo partner.

Secondo il Corrirere della Sera, da quando era terminata la loro relazione l'uomo tormentava la sua ex. Francesca aveva anche segnalato più volte alle forze dell’ordine alcuni atteggiamenti provocatori. Le minacce poi erano diventate più pesanti da quando la donna aveva iniziato a vedere Bava. L'ipotesi è che Gualtieri domenica sera abbia atteso nascosto l’arrivo del nuovo partner in tabaccheria, per poi entrare e aprire il fuoco contro Francesca e il compagno, uccidendoli.

Un altro femminicidio stava per essere commesso a Lattarico (Cosenza). Un uomo di 63 anni si è presentato in caserma dicendo di aver cercato di strangolare la moglie con un cavo elettrico, lasciandola ferita sui pavimento di casa. L’uomo ha raccontato ai carabinieri di non aver ucciso la donna solo perché nella stanza sarebbe entrata la figlia di 9 anni, che piangendo l’avrebbe fermato.

Leggi anche >> Sicurezza: calano omicidi, furti, rapine. Ma aumenta, in proporzione, la violenza sulle donne

Secondo i dati raccolti da EURES, nei primi 10 mesi del 2018 i femminicidi sono stati 106, uno ogni 72 ore.

Iscriviti alla nostra Newsletter

  Consenso all’invio della newsletter: Dai il tuo consenso affinché Valigia Blu possa usare le informazioni che fornisci allo scopo di inviarti la newsletter settimanale e una comunicazione annuale relativa al nostro crowdfunding.
Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore