Il reddito di cittadinanza è una cosa seria: l’ebook gratuito di Valigia Blu

[Tempo di lettura stimato: 2 minuti]

Da qualche anno il tema del “reddito di cittadinanza” è entrato nel dibattito nazionale politico in Italia. Tra i più grandi sostenitori della misura c’è il Movimento 5 Stelle, che l’ha lanciata prima nella campagna politica del 2013 e poi ha presentato un progetto di legge nel corso della scorsa legislatura. Recentemente la proposta è stata inserita anche nell'accordo di governo stretto tra Movimento 5 Stelle e Lega.

In realtà, come avevamo già specificato a suo tempo, quello proposto dal M5S non è un “reddito di cittadinanza” – erogato in modo incondizionato a tutti cittadini di un paese, su base individuale, senza alcuna verifica della condizione economica o richiesta di disponibilità a lavorare –, ma un “reddito minimo garantito”, cioè limitato nel tempo, a cui si accede solo in base a specifici criteri.

Per capire e chiarire quelle che sembrano solo piccole differenze di termini, mentre invece segnano un approccio totalmente differente al welfare e alla società, lo scorso anno abbiamo pubblicato un approfondimento sul “reddito di cittadinanza”. Un tema al centro del dibattito internazionale che pone questioni e sfide importanti per le nostre società – disuguaglianze economiche e sociale, povertà, automazione del lavoro e innovazione tecnologica – e impone una riflessione collettiva anche al di là di posizioni ideologiche.

Da questo approfondimento abbiamo realizzato un ebook (scaricabile gratuitamente in versione pdf e epub e mobi). Il lavoro, suddiviso in 6 capitoli, ripercorre la storia dell’idea, spiega perché è ritornata attuale, ricostruisce il dibattito mostrando le posizioni a favore e quelle contrarie e presenta i casi pilota nel mondo.

All'interno dell'ebook si trova anche un link all'intervento (con sottotitoli in italiano) di Guy Standing, tra i massimi esperti di "basic income", tenuto al Festival Internazionale del Giornalismo 2018 di Perugia.

Scarica l'ebook:

 

Segnala un errore

LINEE GUIDA AI COMMENTI