Fuori da qui Post

Grecia, il campo profughi di Moria in fiamme è il fallimento dell’Europa

10 Settembre 2020 3 min lettura

author:

Grecia, il campo profughi di Moria in fiamme è il fallimento dell’Europa

2 min lettura

Il campo profughi di Moria a Lesbo è in fiamme, così come il concetto di asilo dell'Unione europea. È tempo che l'UE fornisca infrastrutture sostenibili per i rifugiati, scrive Jannis Papadimitriou su Deutsche Welle. Con il permesso di DW, abbiamo tradotto il suo articolo.

Il campo profughi di Moria sull'isola greca di Lesbo aveva già preso fuoco due volte, nel 2016 e nel 2019, ma questa volta, alimentato da venti che superavano i 70 chilometri orari, il campo è andato a fuoco completamente. I vigili del fuoco erano occupati a spegnere le fiamme di un incendio in una foresta della regione.

Non sappiamo ancora se è stato incendio doloso, frutto dell'incuria o semplicemente un altro crudele scherzo del destino per le migliaia di persone che sono state costrette a considerare Moria la loro casa. Ma abbiamo sempre saputo che stipare 13.000 persone in uno spazio pensato per contenerne massimo 2.500 era una scelta destinata a finire in un disastro.

Leggi anche >> Moria, il campo profughi in Grecia dove i piccoli migranti tentano di togliersi la vita

I rifugiati e chi li aiuta chiamano da tempo Moria "la vergogna dell'Europa"; è anche la vergogna della Grecia. Moria è sempre stato un problema spinoso per i governi di Atene. Ma chiudere Moria significava collocare i rifugiati del campo altrove. A quanto pare, non c'era la volontà di farlo, anche se la Grecia ha ricevuto miliardi di aiuti dall'Unione europea da utilizzare per sostenere i migranti che arrivano nel paese.

Nonostante varie promesse, nessun governo di Atene è riuscito a stabilire una procedura di asilo. I nuovi arrivati devono aspettare circa un anno prima di prendere appuntamento con le autorità responsabili di esaminare la loro richiesta d'asilo.

Il fallimento dell'UE

La Grecia non è l'unica responsabile. Il resto dell'Unione europea ha osservato passivamente per troppo tempo. Ci si potrebbe chiedere: cosa fa esattamente l'UE? Al momento, nonostante alcune indicazioni della Commissione Europea, gli Stati membri si rifiutano di conformarsi alle decisioni concordate dal resto del blocco. L'effetto è che i governi degli Stati membri possono semplicemente ignorare le decisioni e le sentenze a livello dell'UE della Corte di giustizia europea, rivendicare i successi come propri e incolpare Bruxelles dei fallimenti.

Leggi anche >> Le condizioni devastanti dei migranti in Grecia e l’indifferenza dell’Europa

Sebbene le immagini trasmesse da Moria nel corso degli anni siano state scioccanti, chiunque abbia trascorso del tempo in questo inferno sulla Terra sa che ciò che era peggio delle immagini era l'odore. Il tanfo di Moria era composto da immondizia in decomposizione, fumo, sudore e vomito; è l'odore della morte. Ed è un odore che migliaia di persone sono state costrette a sopportare.

Leggi anche >> Emergenza COVID-19: nei campi profughi in Grecia una possibile catastrofe annunciata

Era forse questo il piano? Forse l'intenzione dei funzionari dell'UE era che il campo fungesse da deterrente per gli sfollati che stavano considerando il pericoloso viaggio attraverso il Mar Mediterraneo: queste condizioni disagevoli sono ciò che li attende.

Se doveva essere un deterrente, non ha funzionato. Le persone coinvolte nelle guerre in Siria, Afghanistan o altrove non avevano altra scelta che un'attesa infinita su un'isola greca - per quanto disagevole, per quanto puzzasse.

(Foto via Franziska Grillmeier

Iscriviti alla nostra Newsletter

  Consenso all’invio della newsletter: Dai il tuo consenso affinché Valigia Blu possa usare le informazioni che fornisci allo scopo di inviarti la newsletter settimanale e una comunicazione annuale relativa al nostro crowdfunding.
Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore