In breve Post

Il nuovo campo dei rifugiati in Grecia è “peggiore di quello di Moria”. L’impegno dell’UE per accoglienza e richieste di asilo

1 Ottobre 2020 5 min lettura

author:

Il nuovo campo dei rifugiati in Grecia è “peggiore di quello di Moria”. L’impegno dell’UE per accoglienza e richieste di asilo

5 min lettura

«Questo campo è peggiore di quello di prima. Qui non abbiamo bagni o servizi igienici puliti». Con queste parole alcuni richiedenti asilo in Grecia hanno denunciato a Deutsche Welle le condizioni del nuovo campo profughi a Kara Tepe creato dopo l’incendio che la notte tra l’8 e il 9 settembre ha distrutto quello sovraffollato di Moria, sull’isola di Lesbo, e lasciato circa 13 mila persone – tra cui più di 4.000 bambini – senza alcuna protezione, acqua, cibo e assistenza. Per quanto successo quattro migranti afgani sono stati formalmente accusati di incendio doloso. 

Secondo Caroline Willemen, coordinatrice sul campo di Medici senza frontiere (MSF) per COVID-19 a Lesbo, il luogo dove sorge il nuovo campo che può ospitare fino 8mila persone – un ex poligono di tiro situato vicino al mare Egeo – «al sole sembra un bel posto dove i bambini possono fare una nuotata. Ma è estremamente esposto alle intemperie e quando il tempo cambia e inizia a piovere e il vento inizia a soffiare le persone avranno i piedi nell'acqua». 

Leggi anche >> Grecia, il campo profughi di Moria in fiamme è il fallimento dell’Europa

Dopo la distruzione del campo profughi in Grecia, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, lo scorso 16 settembre ha dichiarato, durante il discorso sullo stato dell’Unione europea, che «le immagini del campo di Moria sono un doloroso promemoria della necessità che l’Europa si unisca» e annunciato che la Commissione sta lavorando «a un piano per un progetto pilota congiunto con le autorità greche per un nuovo campo a Lesbo. Possiamo assistere con le procedure di asilo e rimpatrio e migliorare significativamente le condizioni dei rifugiati». 

Pochi giorni dopo, il 23 settembre, Ylva Johansson, commissaria europea agli Affari interni, ha denunciato che le “condizioni a Moria, sia prima che dopo l'incendio, erano inaccettabili. Uomini, donne e bambini che vivono in campi sovraffollati con scarsa igiene e scarso accesso all'assistenza sanitaria”, aggiungendo che una task force inizierà a lavorare con le autorità greche “per costruire nei prossimi mesi nuove strutture di accoglienza con standard europei, con accesso a cure mediche e servizi igienici adeguati” e che per evitare nuovi sovraffollamenti saranno avviati i “trasferimenti delle persone vulnerabili sulla terraferma e quello di minori non accompagnati e famiglie con bambini in altri Stati membri”.

Leggi anche >> Le condizioni devastanti dei migranti in Grecia e l’indifferenza dell’Europa

Intanto, le persone presenti nel nuovo campo manifestano timori e angosce per il proprio futuro, racconta ancora DW: “L'iniziale speranza di cambiamento dopo la distruzione di Moria si è trasformata in paura per coloro che vivono all'interno del nuovo campo. Temono di essere finiti in una nuova Moria che è molto peggio, con la pandemia globale di coronavirus che si aggiunge alle loro preoccupazioni. Molti pensano che non saranno mai in grado di uscire da quella che sembra una disavventura senza fine. (...) Secondo i nuovi residenti del campo, le file per il cibo sono infinite e le provviste insufficienti”. Il 30 settembre il Dipartimento federale svizzero degli Affari esteri in aiuto in Grecia ha comunicato la riattivazione dell'erogazione di acqua potabile nel nuovo centro. 

Il governo greco guidato dal conservatore Kyriakos Mītsotakīs ha sostenuto che si tratta di una sistemazione temporanea in attesa della realizzazione di nuovo campo. Ma il quotidiano locale di Lesbo Sto Nisi, in base a documenti ottenuti, ha scritto che quello sarà comunque il luogo dove sorgerà la nuova struttura permanente di accoglienza. Il ministro per le Migrazioni, Notis Mitarakis, ha inoltre annunciato la chiusura nei prossimi tre mesi di due strutture minori attive da tempo sull’isola, una delle quali chiamata PIKPA e autogestita da volontari. Quest’ultima era attiva dal 2012 e nel tempo ha offerto rifugio a decine di migliaia di persone comprese famiglie, disabili e donne incinte. Medici senza frontiere si è attivata, insieme ad altre organizzazioni locali di solidarietà, per chiedere che questa realtà, ritenuta un modello positivo di aiuto e accoglienza, non chiuda.

A inizio settimana, oltre 700 persone – in particolare soggetti vulnerabili, tra cui donne sole o incinte, disabili e anziani – sono state trasferite dall’isola Lesbo verso la Grecia continentale. Altre 500-600 persone saranno trasferite lunedì prossimo. Obiettivo del governo è alleggerire la presenza di richiedenti asilo e migranti sull’isola di Lesbo (attualmente sono ufficialmente presenti oltre 10mila persone).

Nel frattempo, un'indagine del Guardian denuncia che la guardia costiera ellenica ha più volte operato dei "respingimenti" nei confronti di migranti. Secondo testimonianze e video analizzati dal quotidiano britannico si tratterebbe di una "pratica organizzata e sistemica nel negare l'ingresso ai richiedenti asilo". "Spesso i respingimenti – si legge – coinvolgono squadre di uomini non identificati in divisa nera che intercettano le barche di rifugiati che sono arrivati ​​nelle acque greche e le riportano forzatamente nelle acque turche, lasciandole alla deriva dopo che i motori sono stati distrutti o in zattere di salvataggio. In alcuni casi, le vittime sono arrivate in terra greca prima di essere rimandate in mare aperto dalle autorità, dopo averle minacciate con percosse, colpi di arma da fuoco e creando grandi onde tramite movimenti di barche veloci. In un caso, i rifugiati sono stati lasciati su una minuscola isola tra la Grecia e la Turchia per due giorni senza cibo prima di essere soccorsi".

Esperti di diritto internazionale hanno dichiarato che queste attività violano il diritto internazionale, compresa la Convenzione relativa allo status dei rifugiati e quella europea sui diritti umani. La prossima settimana diverse ONG ed enti di beneficienza – come Human Rights Watch e il Border Violence Monitoring Network – pubblicheranno una lettera di condanna di queste pratiche e chiederanno al governo greco e alla Commissione europea di agire contro le persone coinvolte in "tali atti illegali".

Foto in anteprima via Swiss Humanitarian Aid Unit

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

  Consenso all’invio della newsletter: Dai il tuo consenso affinché Valigia Blu possa usare le informazioni che fornisci allo scopo di inviarti la newsletter settimanale e una comunicazione annuale relativa al nostro crowdfunding.
Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore