Sul Corriere della Sera ancora un caso di disinformazione sul clima

[Tempo di lettura stimato: 3 minuti]

Ieri è apparso sul sito del Corriere della Sera un articolo, firmato da Mauro della Porta Raffo.

Il pezzo già dal titolo (“Riscaldamento antropico: la verità”) manifesta l'intenzione di svelare ai lettori una presunta (nascosta?) verità sul riscaldamento globale che è in atto sulla Terra. Per farlo però l'autore sposa uno degli argomenti più in voga tra chi nega l'esistenza di questo fenomeno. O, meglio, che intende dimostrare che le attività umane non ne sono responsabili:

Il riscaldamento climatico attuale è del tutto naturale facendo storicamente seguito, non solo alle naturalissime variazioni poco fa ricordate, altresì alle infinite precedenti almeno a far luogo da 10700 anni fa, inizio teorico dell’attuale «periodo interglaciale.

Della Porta Raffo sostiene quindi che, dato che già in passato si sono verificati cambiamenti del clima, anche quello in corso sarebbe “naturale”, «facendo storicamente seguito», scrive, a variazioni precedenti (cita il Periodo Caldo Medievale e la successiva Piccola Era Glaciale).

Anche l'ex direttore del Corriere Paolo Mieli, in un editoriale del 7 novembre 2016, aveva sostenuto una tesi simile, e proprio in quell'occasione su Valigia Blu avevamo smontato questa opinione, ricordando le evidenze scientifiche sul riscaldamento globale e sui cambiamenti climatici. E il consenso raggiunto all'interno della comunità dei climatologi, che da tempo concordano su una specifica affermazione, riportata anche nel rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change: è estremamente probabile che l'influenza umana sia stata la causa dominante del riscaldamento osservato dalla metà del XX secolo (dove "estremamente probabile" esprime una probabilità del 95-100%).

L'attuale riscaldamento si distingue da variazioni, anche importanti, avvenute nel passato per la sua rapidità, soprattutto se si considera l'accelerazione che si è verificata nell'arco di pochi, recenti, anni. I dieci anni più caldi finora registrati si concentrano dal 1998 a oggi.

Ma si distingue anche per le sue cause, appunto. C'è una stretta correlazione infatti tra l'aumento della concentrazione atmosferica dei gas serra (in particolare anidride carbonica), dovuto a numerose attività umane, e le anomalie termiche che si registrano sul pianeta. Già nel 1896 lo scienziato svedese Svante Arrhenius stimò l’effetto sulla temperatura globale di un aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera. Scrive poi della Porta Raffo:

Se l'effetto serra non esistesse la temperatura media sul pianeta sarebbe decisamente inferiore e la vita avrebbe avuto molte difficoltà a svilupparsi.

Il naturale effetto serra dell'atmosfera terrestre ha contribuito a creare le condizioni ambientali per lo sviluppo della vita almeno per come si è evoluta e per come la conosciamo. Ma ciò non significa che l'attuale riscaldamento non sia un problema. È un'argomentazione fallace. Ciò che è accaduto è che le emissioni causate dalle attività umane hanno accentuato questo effetto, e in tempi rapidi.

L'autore aggiunge:

Devo qui infine ripetere che non esiste dimostrazione alcuna del fatto che il Buco dell’ozono esista da sempre visto che non era scientificamente possibile rilevarlo, che so?, ai tempi dei Romani o anche solo cento anni fa.

Si tratta di una affermazione davvero poco sensata, specialmente se riferita a quanto appena detto in precedenza. Riscaldamento globale e buco dell'ozono sono problemi diversi.

Avviandosi alla conclusione del pezzo (che peraltro è privo di ogni riferimento a sostegno di quanto scritto), della Porta Raffo scrive:

L’inquinamento antropico ha niente o pochissimo a che fare col riscaldamento globale (naturale) ma moltissimo, tutto, a che vedere con il degrado della Terra.

Ma di nuovo: inquinamento dell'aria, dei suoli e delle acque sono problemi gravi, ma che sono diversi dal riscaldamento globale e dai cambiamenti climatici. E l'autore non sembra conoscere la differenza tra questi fenomeni.

“E se cominciassimo a ripulire gli oceani? E se eliminassimo la plastica, flagello dell’umanità?” (...) È per combattere tale degrado che si deve agire. Non lo si fa assolutamente essendo, risultando più facile, economicamente e politicamente assai più remunerativo sbraitare ed agitarsi demagogicamente senza senso.

Quello della presenza della plastica nei mari è un problema ambientale serio, ma nulla c'entra con il riscaldamento globale. L'esistenza del primo, e la necessità di affrontarlo, non nega il secondo. È assurdo contrapporre un problema a un altro (arrivando a scrivere che «l’uomo è il peggiore degli esseri viventi») soprattutto se si è appena negata la gravità (e le responsabilità umane) di uno di questi. Si tratta di un argomento retorico e pretestuoso.

E se educassimo con la sferza e il bastone le nuove generazioni? Sogno. Quando si raggiunge il fondo qualcuno comincia a scavare!

Una conclusione priva di senso.

Quello di della Porta Raffa, pubblicato sul sito del Corriere, si rivela essere un misto di cattiva retorica e disinformazione.

Immagine in anteprima: NASA Scientific Visualization Studio/Goddard Space Flight Center.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Segnala un errore

LINEE GUIDA AI COMMENTI