Post

“Si credeva immortale”: i mercenari del Gruppo Wagner parlano dell’uccisione di Yevgeny Prigožin

26 Agosto 2023 8 min lettura

author:

“Si credeva immortale”: i mercenari del Gruppo Wagner parlano dell’uccisione di Yevgeny Prigožin

Iscriviti alla nostra Newsletter

8 min lettura

di Meduza

Lilia Yapparova, inviata speciale di Meduza, ha parlato con membri ed ex mercenari del Gruppo Wagner, e con altre persone che conoscono bene l'impero commerciale di Yevgeny Prigožin. Ha parlato con loro delle conseguenze che la morte di Prigožin avrà per la compagnia mercenaria. L'opinione generale è che Prigožin controllasse personalmente la maggior parte delle attività del Gruppo Wagner, dalle missioni in Ucraina e Africa alle finanze e all'organizzazione generale. Senza di lui, sostengono le fonti, la compagnia militare privata sembra destinata a crollare. Alcuni ex combattenti del Gruppo Wagner sono rimasti sorpresi da come Prigožin abbia prestato più attenzione alla propria sicurezza. Altri vorrebbero vendicarsi del ministero della Difesa o di Vladimir Putin, considerati responsabili dell'abbattimento o dell'esplosione del jet privato di Prigožin, anche se giunti a questo punto dubitano che una vendetta sia attuabile. Il sito indipendente russo Meduza ha riassunto nella sezione in inglese le risposte di ex mercenari e di fonti vicine al ministero della Difesa russo sulle eventuali conseguenze della morte di Prigožin e dei membri della sua cerchia più ristretta.

La sera del 23 agosto, i residenti del villaggio di Kuzhenkino, nell'oblast' di Tver', hanno visto qualcosa "brillare nel cielo". Nel giro di pochi minuti alcuni "pezzi di ferro" sono caduti a terra, emettendo un fumo nero. Erano i rottami dell'aereo che trasportava il fondatore del Gruppo Wagner Yevgeny Prigožin e il comandante del cartello mercenario, Dmitry Utkin. I loro sottoposti e colleghi non hanno rilasciato alcuna dichiarazione sull'incidente, anche se in varie città russe sono stati improvvisati dei memoriali per le vittime.

"Sembra che i comandanti vogliano rilasciare una dichiarazione, ma sarà indirizzata principalmente ai combattenti", ha detto a Meduza un wagnerita appena rientrato dall'Ucraina. "Alcuni di noi sono stati presi dal panico, altri hanno pregato. Ora siamo tutti un po' fuori di testa. Molti sono arrabbiati, vogliono vendicarsi. Cosa non sono disposti a fare! Lo capisce chiunque che si è trattato di una vendetta. Il presidente non permette certe cose, andare verso il Cremlino armati".

L'aereo è esploso esattamente due mesi dopo la ribellione lanciata da Prigožinn contro i vertici militari della Russia. "Aspettavamo tutti questo momento", ha detto un veterano wagnerita attualmente sotto contratto con l'esercito russo, ma che mantiene ancora i contatti con i vertici della compagnia. "L'unico dubbio era su quando sarebbe successo. Credevo che l'avrebbero fatto fuori in Africa, ma è andata diversamente. Con quella marcia ha firmato la sua condanna. Avrebbe dovuto continuare fino alla fine o non iniziare affatto".

I combattenti e i veterani in attività del Gruppo Wagner riconoscono quanto sia improbabile una loro azione in risposta alla morte di Prigožin. "È triste, ovviamente. Yevgeny Viktorovich era un tipo serio, lo chiamavamo papà", ha spiegato un mercenario, recentemente invitato a lavorare con il contingente della compagnia in Africa. "Ma il momento è già passato, capisci? Se fosse successo il 27 giugno, subito dopo la marcia, ci sarebbe stata una reazione. Ma ora? Alcune persone sono in vacanza, altre si stanno facendo una vita. Altri ancora sono andati a lavorare per il ministero della Difesa".

"Non c'è da preoccuparsi, sui social rimugineranno su questa merda per due settimane e poi se ne dimenticheranno", ha aggiunto un veterano wagnerita che ha firmato un contratto con l'esercito regolare. "Alcuni dei ragazzi sono ora bloccati in Bielorussia, ora in Africa, gli altri sono sparsi sul territorio della Federazione Russa. Tutti sono stati dislocati in anticipo - la leadership del paese si è protetta. Alcuni mi hanno chiamato per chiedere come unirsi a me".

I wagneriti ancora attivi sono d'accordo. "In realtà ora mi trovo in ospedale", dice uno di loro. "Non ho ricevuto alcuno stipendio o pagamento dell'assicurazione per il mio servizio in Ucraina con la compagnia. E non riesco a contattare nessuno, hanno i telefoni sono spenti".

Prigožin aveva già inscenato la propria morte due volte, nel 2019 e nel 2022. Ma la sua cerchia ristretta ha smesso di credere che l'abbia fatto per la terza volta già dopo poche ore dall'incidente aereo.

"Per entrambi i precedenti avevamo protocolli specifici su dove pubblicare le informazioni e come archiviarle", ha spiegato una fonte che ha familiarità con i meccanismi dell'impero di Prigožin. "E alla fine, tutto passava attraverso le strette reti del boss. Questa volta non c'è stato nulla di preparato. Per farla breve, è stato completamente fregato. E non è per niente chiaro cosa accadrà ora".

“Si credeva chissà chi”

Il 23 agosto Prigožin e i suoi più stretti collaboratori stavano tornando a San Pietroburgo dall'Africa dopo una sosta a Mosca. Due giorni prima, dall'Africa, Prigožin aveva inviato l'ultimo video: nelle sue parole il Gruppo Wagner avrebbe reso la Russia "ancora più grande in tutti i continenti".

Le conseguenze della ribellione di giugno e del disastro aereo non hanno finora influenzato il lavoro del Gruppo Wagner in Africa, stando a quanto riferiscono tre fonti diverse a Meduza. "Sono stato chiamato alla fine di luglio", riferisce un combattente in attività. "Hanno promesso di pagarmi come prima, anche il lavoro era lo stesso di prima, cioè senza il ministero della Difesa". Ma un veterano ha osservato che "i ragazzi si lamentano del fatto che siamo stati in Ucraina fin dall'inizio dell'operazione militare speciale, abbiamo gettato le basi per tutto il lavoro, e poi ci hanno mandato nella cazzo di Africa per degradarci di nuovo".

Secondo una fonte del ministero della Difesa, dopo la ribellione al Gruppo Wagner non sarebbe stato permesso di continuare a lavorare in Africa. "Li sostituiremo, ci sono le persone per farlo!". Secondo la testata indipendente iStories le autorità russe stavano cercando di sostituire le persone di Prigožin in Africa con due diverse strutture: una società militare privata chiamata Convoy, creata dal capo della Crimea annessa Sergey Aksyonov, e un'altra chiamata Redut, controllata dall'esercito russo. "Shoigu voleva assumere il controllo in prima persona", riferisce un veterano della campagna di Wagner in Siria.

Diverse fonti hanno detto al giornalista di Bellingcat Christo Grozev che Prigožin ha provato a interferire con questi piani, motivo per cui si è recato in Mali. Il canale Telegram VChK-OGPU ha sostenuto la stessa versione.

"Si credeva chissà chi", sostiene una fonte del ministero della Difesa russo. "Ma continuava a rimpinzarsi e a sventolare la bandiera russa. Senza la bandiera, lui e i suoi mercenari non sono nessuno".

I vertici della Repubblica Centrafricana, dove i gruppi di Prigožin erano più forti, hanno dichiarato di non vedere la morte dell'uomo come un problema particolare. "Le autorità russe stanno mantenendo il controllo. La nostra partnership è con lo Stato russo", ha dichiarato al Wall Street Journal Pascal Koyagbele, ministro degli Investimenti Strategici del paese.

"Il paese ha perso la sua élite militare"

L'aereo di Prigožin è precipitato a 50 chilometri dalla residenza di Vladimir Putin a Valdai. Al momento dell'incidente, il presidente stava consegnando dei premi ai dipendenti del ministero della Difesa, in occasione dell'anniversario della battaglia di Kursk. Durante la cerimonia, i canali Telegram RSOTM e Grey Zone, affiliati al Gruppo Wagner, hanno scritto che "a causa delle azioni dei nemici della Russia" il paese ha "perso la sua élite militare", chiarendo che si trattava della vera élite e non di "quelli che si comprano titoli e posizioni".

Secondo i testimoni, da terra è sembrato che una delle ali dell'aereo sia volata "di lato" e che il jet stesso abbia iniziato a "oscillare" verso il basso "a poco a poco", "come una foglia". Alcuni esperti che hanno studiato le riprese video dell'evento hanno notato che, dopo un'esplosione a bordo, tutti i sistemi di controllo del jet avrebbero potuto cedere all'istante.

Tre canali Telegram collegati ai servizi di sicurezza russi affermano che quest'ultimi stanno indagando su un attacco terroristico a bordo. Secondo un testimone sarebbe stata caricata una cassa di vino costoso sull'aereo poco prima del decollo. Oppure potrebbe essere stata piazzata una bomba nel vano del carrello di atterraggio. Una fonte del ministero della Difesa sostiene che l'aereo non sia stato abbattuto, ma sia esploso in volo.

Tuttavia ci sono alcune prove che contraddicono questa versione dei fatti. Uno dei video dell'incidente mostra una nuvola che ricorda la scia di un missile e i testimoni a terra hanno riferito di due esplosioni in aria che hanno preceduto lo schianto. Lanciare due missili contro un bersaglio è una pratica standard, che aumenta le probabilità di successo dell'attacco. Anche un funzionario occidentale che ha parlato con il Financial Times ritiene che l'aereo di Prigožin sia stato abbattuto.

Se l'aereo è stato davvero abbattuto, vorrebbe dire che non c'è stata alcuna esitazione nel personale che lavorare alle difese aeree. La possibile dinamica dell'attacco è stata descritta così:

Le persone sedute alla console di lancio erano pronte a colpire un aereo civile. Altrimenti ci sarebbe stata una discussione via radio, che non avrebbe permesso loro di sparare in tempo: ci vogliono quattro o cinque minuti per aprire il fuoco. Perciò, pensiamo che l'equipaggio della difesa aerea fosse "nostro", preparato in anticipo per l'attacco e composto da ufficiali fedeli, che avevano capito chi volava da dove a dove. Quando l'aereo di Prigožin è entrato nel raggio di tiro, è stato distrutto.

Alla domanda dell'inviata speciale di Meduza su chi abbia potuto impartire un simile ordine, la fonte del ministero della Difesa ha risposto così: "Nessuno lo sa, e nessuno lo scoprirà mai".

Un uomo dal destino complesso

Le fonti tra i wagneriti sono sorprese che il fondatore della compagnia sia stato così incauto. "È colpa sua, stava viaggiando per tutta la Russia!", sostiene uno di loro.

Non hanno inoltre un'alta opinione delle misure di sicurezza personali di Prigožin. "Tutto era incasinato e totalmente improvvisato", riferisce un'altra fonte. "Per esempio, c'era la regola che Prigožin e Utkin - i due leader principali - non dovevano volare insieme".

Ma alcuni dei suoi ex sottoposti pensano che ci fosse un'altra ragione per la negligenza di Prigožin:

Subito dopo la ribellione, quando lui e i comandanti sono stati convocati al Cremlino per incontrare Putin, il presidente ha urlato contro di loro per tre ore. Dritto in faccia, senza mezzi termini. Ma poi non li ha toccati! Forse Prigožin ha pensato che a Putin fosse passato di mente, si sarà detto “Non ci ha ucciso subito, quindi non ci ucciderà mai”. Si considerava indistruttibile. Si è convinto di essere immortale.

Le fonti ascoltate da Meduza non sono ottimiste su ciò che accadrà al Gruppo Wagner ora che Prigožin non c'è più. Indipendentemente da chi finirà al comando, sono certi che non ci sarà futuro per la compagnia.

"Non vedo un degno sostituto per la coppia Prigožin-Utkin", ha dichiarato l'ex wagnerita Marat Gabidullin. "Sarà un movimento basato sull'inerzia di persone che non possono vivere in un altro modo. Che hanno dimenticato come vivere una vita diversa".

La sera del 24 agosto, Vladimir Putin ha offerto le sue condoglianze alle famiglie delle vittime dell'incidente. Di Prigožin ha detto che "era una persona con un destino complesso" che "ha ottenuto i risultati necessari", anche quando gli è stato chiesto direttamente dal presidente.

Articolo originale pubblicato sul sito indipendente russo Meduza con licenza CC BY 4.0. Per sostenere Meduza si può donare tramite questa pagina.

(Immagine anteprima: grab via YouTube)

Iscriviti alla nostra Newsletter


Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore