In breve Post

Nuova Zelanda, approvata la legge per azzerare le emissioni di CO2 entro il 2050: “Siamo dalla parte giusta della storia”

9 Novembre 2019 3 min lettura

author:

Nuova Zelanda, approvata la legge per azzerare le emissioni di CO2 entro il 2050: “Siamo dalla parte giusta della storia”

3 min lettura

In Nuova Zelanda il Parlamento ha approvato una legge che impegna il paese ad azzerare entro il 2050 le emissioni di anidride carbonica (CO2). La proposta, lo scorso 7 novembre, ha avuto 119 voti a favore su 120. Il voto contrario è arrivato dall'unico membro del partito di destra ACT New Zeland presente in Parlamento.

La prima ministra Jacinda Ardern ha dichiarato che la Nuova Zelanda, con questa decisione, è dalla «parte giusta della storia», sottolineando che il cambiamento climatico è «la più grande sfida del nostro tempo».

“È innegabile, i nostri livelli del mare stanno aumentando e, è innegabile, stiamo vivendo eventi meteorologici estremi - sempre più spesso. "È innegabile, la scienza ci avverte dell'impatto che ci sarà sulla flora e sulla fauna, e anche della diffusione di malattie in aree in cui non ne avevamo mai viste in precedenza".

Il disegno di legge era stato presentato dal ministro dei Cambiamenti Climatici, James Shaw. Durante l'iter per la sua approvazione, sono stati ascoltati i pareri di genitori, studenti, scienziati, agricoltori, accademici, professionisti della salute, attivisti e molti altri soggetti, scrive il media neozelandese News Hub. La legge prevede inoltre l'istituzione di una commissione per i cambiamenti climatici che avrà il compito di stabilire obiettivi e fornire consulenza al governo su altre questioni che riguardano l'impatto ambientale.

Anche se la Nuova Zelanda è responsabile dello 0,17% di emissioni di anidride carbonica a livello globale, per Shaw è importante creare un esempio da seguire e mostrare l'impatto delle decisioni dei singoli paesi nelle scelte collettive dei governi mondiali perché «i paesi si guardano l'un l'altro».

La misura è inoltre una parte di un pacchetto di varie norme ambientali in cantiere a cui il governo guidato da Ardern sta lavorando, come ad esempio l'annuncio di nuove sanzioni finanziarie nei confronti degli agricoltori che entro cinque anni non ridurranno le loro emissioni di carbonio. L'obiettivo di riduzione avrà due piani separati. Uno per il metano biogenico, o quello che viene prodotto dagli organismi viventi, e un altro per tutti gli altri gas serra.

In base a quanto scritto da Sandra Laville sul Guardian, la crescente preoccupazione per l'impatto del cambiamento climatico, unita a un "effetto Greta Thunberg", sta spingendo sempre più persone e imprese a investire in progetti di riduzione delle emissioni nei paesi in via di sviluppo.

ONG e organizzazioni impegnate nella compensazione delle emissioni di carbonio hanno visto un aumento imponente degli investimenti da parte di chi vuole cercare di compensare le proprie emissioni di carbonio. Le agenzie che lavorano con grandi aziende hanno anche visto un picco negli investimenti nella compensazione del carbonio negli ultimi 18 mesi.

"Compensazione" significa calcolare le emissioni e quindi acquistare "crediti" equivalenti da progetti che impediscono o rimuovono le emissioni di una quantità equivalente di gas serra altrove. La compensazione del carbonio è però controversa, alcuni rimangono critici verso questa modalità perché consente a grandi inquinatori e individui di acquistare crediti di carbonio in cambio di una coscienza pulita continuando a usare combustibili fossili. Ma, come spiega il Guardian, negli ultimi 10 anni sono stati creati mercati globali altamente regolamentati del carbonio e delle energie rinnovabili e le società partecipanti e le ONG sono teoricamente sottoposti a standard internazionali da verificatori indipendenti.

Alcuni nostri approfondimenti sul cambiamento climatico:

Cambiamento climatico: vademecum contro la disinformazione

Cambiamento climatico, disuguaglianze sociali, crisi economica: l’utopia del Green New Deal

Clima, i giovani si stanno organizzando globalmente come mai nessuna generazione aveva fatto prima

Come la nostra produzione alimentare, non solo la carne, sta distruggendo il pianeta

Foto in anteprima via Ladbible: l'abbraccio in Parlamento tra la prima ministra Jacinda Ardern e il ministro dei Cambiamenti Climatici, James Shaw

Iscriviti alla nostra Newsletter

  Consenso all’invio della newsletter: Dai il tuo consenso affinché Valigia Blu possa usare le informazioni che fornisci allo scopo di inviarti la newsletter settimanale e una comunicazione annuale relativa al nostro crowdfunding.
Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore