Post

Muslim iCondemn: l’app per dissociarsi dal terrorismo

11 Gennaio 2015 4 min lettura

author:

Muslim iCondemn: l’app per dissociarsi dal terrorismo

3 min lettura

In questi giorni Piero Ostellino scrive sul Corriere della Sera che qualsiasi tentativo di "trovare una qualche forma di conciliazione" con l'Islam si rivelerebbe "illusorio", in ragione del fatto che "noi siamo anche migliori" e che l’estremismo “naviga nel mare delle collusioni e delle complicità con l’islamismo che chiamiamo ostinatamente moderato”. Ma facciamo un passo indietro.

21 agosto, ore 21.01 CET. Il torpore tipico delle serate estive della nostra penisola viene interrotto da un tweet di Christian Rocca, nota ex firma del Foglio e attuale direttore del mensile del Sole24Ore “IL”.

È sera, ma c’è ancora un po’ di luce. Le fiammelle ai bordi dei sentieri sterrati dei centri vacanza ondeggiano nel crepuscolo, intorno neanche l’ombra di un “musulmano moderato” pronto a dissociarsi in quanto musulmano dalla decapitazione di James Foley da parte dei combattenti dello Stato Islamico. Christian Rocca pretende il flash mob, allude a un certo tipo di complicità e non sarà il solo.

Certo, pensare che una persona debba necessariamente dirsi “contro” un evento a lui totalmente estraneo per il solo fatto di credere a vario titolo in un determinato dio, e doverlo dimostrare a Christian Rocca, sembra una richiesta un po’ troppo pretenziosa. Bisognerebbe per esempio accedere alla propria mail (o creare un account nuovo, se non si vuole lasciare il proprio contatto), cliccare su “crea” e scrivere tipo

Egregio dottor Rocca,
In data odierna ho dimostrato il mio orrore contro il terrorismo e sono lieto di renderLa a parte.

Con immutata stima
Ahmed

Tuttavia, dimostrazioni contro l’IS da parte dai musulmani ovviamente disgustati da quella violenza non sono affatto mancate, e uno strumento come quello della segnalazione via mail finirebbe per intasare la casella di chi vuole gli vengano segnalate proteste simili. Per fortuna quella stessa modernità che ci permette di twittare nel crepuscolo agostano e pubblicare editoriali di Ostellino ci offre oggi anche una soluzione più comoda - o meglio, ve la offre se siete musulmani MODERATI che devono discolparsi per qualcosa in quanto musulmani.

Si tratta di iCondemn, un’app che faciliterà* il processo di dissociazione dal terrorismo. La si scarica sul proprio smartphone, si tappa veloci e si adempie alla richiesta in modo semplice e intuitivo, provando la propria distanza dalla violenza con un solo click . “Non sono d’accordo con te, ma darei la vita affinché tu possa prendere le distanze da un atto terroristico a caso”, dice il saggio. E così il feedback diventa immediato.

Utile per velocizzare condanne a caso e a scanso di equivoci,

l’applicazione sarà molto utile anche per chi va alla ricerca di dimostrazioni di dissenso dagli atti terroristici: una volta effettuato l’accesso, il guest non-musulmano col tweet reazionario in bozza potrà controllare in presa diretta quanti musulmani hanno effettivamente denunciato il proprio orrore nei confronti di barbarie di varia natura, e così evitare di twittare a caso.

L’utente alla ricerca di condanne potrà conseguentemente stabilire una propria “scala di condannabilità”, per decidere se la comunità musulmana sia da assolvere in pieno oppure no: i più teneri, per esempio, potrebbero dirsi soddisfatti al commento numero 70mila, oppure censurare i fedeli del mondo intero per non aver raggiunto i 400mila “not in my name”, o la fatidica quota “800 milioni più uno” - che rappresenterebbe la maggioranza qualificata dei musulmani. Insomma, ognuno potrà applicare il sistema elettorale che preferisce, e decidere se scagionare o condannare una comunità di 1 miliardo e 600 milioni di persone seduto comodamente sulla poltrona in vimini del proprio centro vacanze.

In attesa che gli sviluppatori regalino al mondo questo meraviglioso strumento, si potrebbe pensare di non chiedere a persone estranee a cose di protestare per quelle cose - pena l’accusa di connivenza -, perché io sono calabrese e non ho intenzione di chiedere scusa per Mino Reitano.

 -

*PS= Non esiste niente di tutto questo. È un’idea di muslimmatters.org ed è s.a.t.i.r.a.

Iscriviti alla nostra Newsletter

  Consenso all’invio della newsletter: Dai il tuo consenso affinché Valigia Blu possa usare le informazioni che fornisci allo scopo di inviarti la newsletter settimanale e una comunicazione annuale relativa al nostro crowdfunding.
Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore