I miei 2 cent bucati su #Elezioni2013, la vita, tutto quanto


[Tempo di lettura stimato: 3 minuti]

A un certo punto ho pensato che questa cosa del voto è come il tizio che va a messa la domenica e morta lì, la faccenda dello scegliere è risolta e viviamo nel migliore dei mondi detraibili. Il tizio fa finta che non siano importanti gli altri sei giorni, si convince e prova a convincere che sia importante andare a messa la domenica: non importa se si è tornati a casa all'alba, devi andare a messa la domenica!

Allo stesso modo il tizio che dice "eh, devi votare", rimette al seggio i propri debiti come noi non li rimettiamo ai nostri debitori. Perché contano le scelte che compi in quegli altri 364 giorni o giù di lì. Contano i compromessi che non riesci a rifiutare, e per cui ti incazzi, contano le cucchiaiate di merda di fronte a uno che ti osserva per sentirti dire "buonissimo!", e dopo aspetta che tu sorrida ringraziando. Conta se quel voto lo vendi per cinquanta euro ("tanto fanno schifo tutti"), o se nella tua azienda il capo ha deciso che dovete votare tutti per un partito, e allora devono uscire fuori cinquanta voti, e se non escono pochi cazzi, tanto si viene a sapere chi ha fatto il furbo. Conta se quel diritto lo eserciti, a costo di pentirtene in seguito.

(Dice:
"Ok, ma te per chi hai votato?"
Mi sa che mi sto spiegando male)

Il problema è sempre e comunque la scelta, e la scelta non la puoi sublimare davvero nel mito della "cosa giusta" che ti protegge dall'errore o dal misurarti con le conseguenze. O nel mito della "parte giusta", che guarda caso è sempre quella dove ti trovi, pure se ti sposti da una parte all'altra, come un rabdomante delle più meglio cose nella terra dell'ignoranzità che ti disgusta. Pure se è una parte così piccola da essere grande come il tuo ego, che però ti sembra immenso.

Ecco, c'è questa idea che ho afferrato a un certo punto nella vita, un punto tra l'altro assai trascurabile, secondo cui non è vero che il fine giustifica i mezzi. Perché il fine non ce l'hai davanti, è un'idea in testa, e per quell'idea magari schiacci e fai soffrire delle persone, e dopo aver percorso molta strada diventa difficile ammettere che per un'idea in testa si è provocata della sofferenza reale senza che quell'idea raggiunga mai nemmeno l'anticamera di una forma concreta, e allora finisce che diventi sempre più cieco e sempre più causi dolore, finché nemmeno ti ricordi più qual era esattamente quell'idea. Oppure raggiungi qualcosa che è simile a quel fine, e allora devi raccontarti un'orribile menzogna, magari assistito da chi hai intorno: che tutta quella sofferenza alla fine è stata giusta, o che se hai dato bastonate erano leggere, e la colpa è stata delle schiene troppo fragili e schizzinose.
Il problema è che le menzogne sono un cancro che divora il cervello: ma di questo, ho notato, le persone parlano poco.

Ecco allora quest'idea che ho afferrato dice invece che i mezzi sono fini. Che non ho ben capito che forma abbia, però intanto che cerco di capirlo le persone attorno a me soffrono meno, e pure io sto un po' meglio dentro, pure se c'è un sacco d'ignoranzità in giro.

Per cui, appurato che Craxi rubava, appurato che Berlusconi è il male, che la Lega so' fascisti e che l'ideologia franchising del MoVimento 5 Stelle e certi gagliardi e virtuali squadrismi so' tutto tranne democratici, che famo? Stiamo seduti a commentare quello che succede accumulando per anni analisi esatte e perfette, ci diamo pacche sulle spalle mentre va in onda Tutto lo sfascio minuto per minuto, con telecronaca di Santoro e Travaglio?

Oppure vogliamo renderci conto che la pars costruens non è qualcosa che si può delegare in base alla nostra capacità di esprimere sdegno. La pars costruens mica è solo economia: questo è un mito borghese, anche perché mi pare che questa epoca stia mostrando come molti economisti, più che analizzare, tirino a indovinare mentre sventolano il curriculum (al netto dei master a Chicago).

Sono anni che leggo o ascolto persone dire "non ce la faccio più".
Mo non vorrei che sulle loro tombe si leggesse, tra vent'anni, "l'avevo detto che non ce la facevo più!".

Iscriviti alla nostra Newsletter

Segnala un errore

LINEE GUIDA AI COMMENTI