Post Scienza

Legge 40: dieci anni di sofferenze inutili

10 Aprile 2014 7 min lettura

Legge 40: dieci anni di sofferenze inutili

6 min lettura

Era il lontano dicembre 2003 quando, nel bel mezzo del dibattito in Senato sulla famigerata Legge 40, il senatore Francesco D’Onofrio (l’allora capogruppo dell’Udc) incitò i suoi colleghi a votare il testo con queste parole: «Facciamo un regalo al Papa per Natale!». Il «regalo» – una delle norme più sconclusionate e oscurantiste mai licenziate dal Parlamento italiano – venne poi consegnato a Giovanni Paolo II nel marzo del 2004.

Peccato che, a dieci anni di distanza dalla sua approvazione, la Legge 40 si sia rivelata per quella che è veramente: un autentico pacco, più che un regalo. La Corte Costituzionale, infatti, ieri ha definitivamente polverizzato il divieto di fecondazione eterologa, ossia il tipo di riproduzione assistita che utilizza i gameti di un donatore esterno alla coppia sterile.

Il divieto – uno dei più odiosi e ipocriti dell’intera norma, giustificato dal fatto che i figli nati da eterologa sarebbero tutti «infelici e traumatizzati» – non solo è entrato in modo brutale nelle vite di migliaia e migliaia di coppie, ma le ha forzate a fuggire all'estero, con il conseguente strascico di diritti negati e storie strazianti.

Come prevedibile, le reazioni apocalittiche delle frange ultraconservatrici non si sono fatte attendere. Rocco Buttiglione ha avvertito esplicitamente che, a causa di questa sentenza, l’Italia ha praticamente perso la «sovranità popolare». Eugenia Roccella, deputato del Nuovo Centro Destra, ha affermato che la decisione della Consulta «apre nuovi gravi problemi» e rischia di creare «un mercato del corpo umano […] analogo a quello che già esiste a livello internazionale, con gravi forme di sfruttamento delle donne giovani e povere.» Il senatore Maurizio Sacconi, sempre di Ncd, ha affermato senza tentennamenti di sorta che «non è difficile immaginare che i Costituenti si stiano rivoltando nelle loro tombe».

I giornali cattolici hanno subito eretto le barricate. Avvenire ha parlato di «sentenza choc», mentre Famiglia Cristiana ha evocato scenari a dir poco inquietanti.

Carlo Giovanardi è apparso il più in palla di tutti. In un’intervista a Repubblica, il senatore ha parlato di «colpo alla democrazia italiana», ha paragonato la scelta delle coppie sterili di ricorrere alla fecondazione eterologa a quella delle «famiglie musulmane che portano i bambini in Africa per l’infibulazione» e ha attaccato a testa bassa la Consulta, che avrebbe causato un «baratro nell’ordinamento» e aperto la porta a «forme di schiavitù». Insomma, l’Anticristo si è incarnato nel corpo di quindici giudici costituzionali e ha definitivamente inaugurato il suo Regno Del Terrore a colpi di giudizi di legittimità costituzionale.

In realtà, la bocciatura della Consulta è solo l’ultima di una sterminata serie di pronunciamenti giurisprudenziali che hanno letteralmente stravolto l’impianto della legge sulla fecondazione assistita. Negli anni sono caduti, uno dopo l’altro, tutti i pilastri etico-giuridici su cui poggiava la norma: la produzione di non più di tre embrioni; l’impianto obbligatorio di tutti gli embrioni prodotti; il divieto del congelamento degli embrioni; e il divieto di operare diagnosi preimpianto.

In riferimento a quest’ultimo punto, nel 2012 la Corte Europea per i diritti dell’uomo aveva condannato l’Italia per la violazione della CEDU, sottolineando anche «l’incoerenza» del sistema italiano che «da un lato vieta alla coppia fertile ma portatrice di una malattia geneticamente trasmissibile di ricorrere alla diagnosi preimpianto, e dall'altro, con la legge 194 sull'aborto, le permette l'aborto terapeutico nel caso il feto sia affetto dalla stessa patologia». Il prossimo 18 giugno la Corte Europea per i diritti dell’uomo ritornerà sulla Legge 40, pronunciandosi sul divieto di utilizzo degli embrioni per la ricerca scientifica e la revoca del consenso.

L’intrinseca assurdità della Legge 40, del resto, parte da molto lontano ed è il punto d’arrivo di una martellante campagna portata avanti dai settori più reazionari e retrogradi della società. Come ricostruito nel saggio di Carlo Flamigni e Maurizio Mori, La fecondazione assistita dopo dieci anni di legge 40, il dibattito italiano sulla materia è partito con il piede sbagliato sin dall’inizio, compromettendo ogni tentativo di regolarla in maniera sensata.

La nascita di Louise Brown (il primo essere umano concepito in vitro), avvenuta nel 1978, era stata accolta dall’opinione pubblica italiana con un misto di angoscia e sgomento – anche nei settori laici. Repubblica, ad esempio, titolava: «Piacerebbe anche a Hitler questa fecondazione». La reductio ad Hitlerum veniva utilizzata anche dal Giornale di Montanelli: «E se, portando l’ipotesi nel fondo dei disegni più nefandi, un nuovo Hitler ordinasse che alle donne ebree fossero iniettate uova fecondate di donne ariane, attuando un raffinato e lento genocidio razziale?»

Nei decenni successivi la progressiva diffusione della tecnica continuava a essere vista come «un’invenzione ai limiti della scienza» piuttosto che «un moderno modo di nascere», sempre viziata dall’ottica del «fenomeno da baraccone destinato a far sobbalzare il senso comune». In tutto ciò, il tentativo di ri-evangelizzazione promosso da Giovanni Paolo II e dalle istituzioni cattoliche (con l’accenno quasi ossessivo alla «sacralità della vita») aveva trovato uno sbocco politico formidabile nel berlusconismo. Come mi dice al telefono Maurizio Mori, professore di bioetica presso l’Università di Torino e presidente della Consulta di Bioetica, «la Legge 40 [che lui chiama ‘Legge Berlusconi-Ruini’, nda] è stato il mezzo per sigillare un patto che era iniziato dieci anni prima. Siccome però non si poteva pensare di evitare completamente la fecondazione, allora si è deciso di fare una legge che potesse scoraggiarla il più possibile».

Il risultato è stato un pastrocchio indigeribile che, già al momento dell’approvazione, tutti (compresi esponenti della maggioranza berlusconiana) volevano modificare al più presto. Stefania Prestigiacomo, l’allora Ministro delle Pari Opportunità, definì così la norma: «Brutta. Di più. Orribile. La miglioreremo con una nuova legge che corregga i punti meno accettabili. Agile, dai tempi rapidi». Ovviamente non se fece nulla.

Anzi: il referendum abrogativo del 2005 venne ferocemente affossato dagli appelli all’astensione del cardinale Ruini e dalla macchina propagandistica messa in piedi da Cei e partiti vari. Per descrivere il sovreccitato clima dell’epoca, è sufficiente ricordare che a Modena l’Udc fece affiggere dei manifesti con Hitler che salutava le camice brune e la seguente scritta a caratteri cubitali: «Referendum sulla procreazione assistita. Anche loro avrebbero firmato».

Lo scoppio della crisi economica ha definitivamente espulso la questione della fecondazione assistita dal dibattito pubblico – almeno fino a ieri. Appurato il fatto che l’architettura della legge è fondamentalmente devastata e che, come ha dichiarato il Ministro della Sanità Beatrice Lorenzin, richiederebbe un intervento parlamentare, a questo punto resta da capire quali possano essere le conseguenze della decisione della Consulta.

L’avvocato Marilisa D’Amico, docente di Diritto Costituzionale all’Università di Milano, ha spiegato all'Huffington Post che nell’arco di qualche mese «le coppie con problemi di infertilità, ma soltanto eterosessuali e sposate o conviventi, potranno contattare i centri per la fecondazione assistita», che nel frattempo si organizzeranno «per ottenere gameti in donazione».

A questo proposito, D’Amico placa i timori dei conservatori e spazza via gli allarmi su «baratri» normativi, «Far West della provetta» e «mercato dei bambini»:

la stessa legge 40 vieta la commercializzazione dei gameti e dunque non accadrà alcuno sfruttamento. [I gameti] non potranno dunque essere venduti né ceduti dietro compenso, né potrà esserci un rapporto tra coloro che donano questi gameti e gli eventuali figli che nasceranno. È garantita insomma l’anonimità, così come succede con il trapianto di un cuore.

L’avvocato auspica inoltre che un «legislatore intelligente» cambi definitivamente la legge 40 «aprendola ai single» e alle coppie dello stesso sesso, poiché «questa sarebbe la conseguenza più naturale».

A giudicare dalle reazioni alla sentenza, tuttavia, è lecito dubitare che il Parlamento riesca a mettere mano sulla legge 40 in tempi brevi. Le forze politiche che compongono la maggioranza del Governo Renzi si trovano su posizioni diametralmente opposte e contrapposte tra loro: di orrore, come visto prima, per il Ncd; di soddisfazione per la sentenza dalle parti del Partito Democratico. In queste condizioni, sarà estremamente difficile trovare una mediazione – ammesso che la si voglia trovare.

Il fallimento totale della politica berlusconiana-clericale lascia comunque delle ferite piuttosto profonde. «Una delle conseguenze più brutali che è avvenuta a causa di questa legge - mi illustra il professor Mori - non è solo il fatto che ci sono migliaia di coppie che se ne sono andate all’estero per accedere alla fecondazione assistita. Il problema è che la legge ha cambiato la mentalità italiana sulla fecondazione assistita, che ora è vista come un qualcosa di sbagliato».

La Legge 40 ha bruscamente interrotto la riflessione su un argomento delicatissimo che si intreccia con i cambiamenti degli assetti sociali e della struttura della famiglia tradizionale, determinando così «un rallentamento complessivo del progresso culturale e dell’evoluzione dei costumi, in modo così profondo da dare l’impressione che la stessa storia si fosse arrestata». La speranza è che, tolti questi divieti e impedimenti, si «apra una fase in cui la riproduzione umana assistita sia affidata alla responsabilità delle persone, e che la scienza non venga più vista come la tenebra, ma come un aiuto che amplia le capacità riproduttive».

Sullo sfondo, intanto, rimane un’amara certezza: nessuno risarcirà la sofferenza di migliaia di persone incolpevoli; né tantomeno restituirà all’Italia questi dieci, lunghissimi anni trascorsi dentro l’angusto bunker antiscientifico che avrebbe dovuto difenderci da un’inesistente Apocalisse genetica e sociale.

Iscriviti alla nostra Newsletter

  Consenso all’invio della newsletter: Dai il tuo consenso affinché Valigia Blu possa usare le informazioni che fornisci allo scopo di inviarti la newsletter settimanale e una comunicazione annuale relativa al nostro crowdfunding.
Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore