Post

Chi vincerà i Mondiali 2014? In anteprima titoli e commenti dei giornali italiani

9 Luglio 2014 14 min lettura

author:

Chi vincerà i Mondiali 2014? In anteprima titoli e commenti dei giornali italiani

11 min lettura

a cura del Polpo Nate

Grazie a un sistema predittivo incrociato elaborato dal famoso blogger che aveva in anticipo azzeccato l’esito dei mondiali, siamo in grado di presentarvi la rassegna stampa dei principali quotidiani italiani di lunedì 14 luglio.

***

Se vince la Germania

Titolo: “Spietati e vincenti”

La rivoluzione non è un pranzo di gala. Dopo aver conquistato Belo Horizonte con un risultato oltre ogni previsione, i tedeschi hanno scelto la strada della riappacificazione con il popolo brasiliano, riconciliando gli spettatori di tutto il mondo con il calcio spettacolo che ha reso famosa la Selecao, di cui oggi i bianchi di Germania si pongono come degni eredi per i prossimi vent’anni. Guidati dal giovane Thomas Muller, novello Telemaco che raccoglie il testimone del padre Gerd (come non è suo figlio? Maddai, hanno lo stesso cognome. Vabbè, importa sega), i ragazzi di Loew hanno contribuito a scardinare i luoghi comuni che vogliono i tedeschi tetragoni e inflessibili. A questa squadra l’appellativo di “panzer” si addice poco: se proprio bisogna fare un paragone, assomigliano a delle scattanti Audi, unendo design e prestazioni, in un melting pot etnico a partire dai cognomi (non più tutti quei noiosi suffissi in –er, ma la giusta combinazione tra pragmatismo mitteleuropeo e fantasia mediterranea dei vari Ozil, Khedira, Mustafi). Se il Mondiale si facesse un selfie, avrebbe il volto di Mats Hummels, il bel tenebroso che ha fatto innamorare schiere di tifose a ogni latitudine.

Se vince l’Argentina

Titolo: “Il verbo del Messi(a)”

Aggrappati a un uomo, ai suoi piedi, al suo genio. E’ andata come el pueblo argentino sognava, riponendo tutte le proprie speranze di successo in questo ragazzo predestinato fin da piccolo, al quale il fantasma dei paragoni con Diego Maradona non pesa affatto, anzi gli dà sprone per volare sul campo con la leggerezza e l’efficacia che solo lui sa avere. Leo Messi non è fuggito davanti alla responsabilità, ha preso per mano una nazione e l’ha portata al trionfo contro i mostri senza cuore tedeschi, incubo di tutti i bambini dopo il terribile 7-1 rifilato al Brasile. E con i suoi gol in fondo Messi ha vendicato un intero continente, umiliato dall’insensibilità aritmetica della Germania, quella per cui alla fine conta solo lo spread tra occasioni create e gol segnati. Certo, Messi è stato il solista, il leader. Ma intorno ha avuto una vera squadra, capace di mettersi al suo servizio e di lasciare nello spogliatoio le rivalità interne (a cominciare da quell’hahstag, #carlitosstaisereno, con cui Tevez era stato escluso dalla rosa dei mondiali): perché insieme si vince. E se alziamo gli occhi sopra di noi in una giornata di sole, vediamo i colori di quella maglia: bianco e celeste.

Se avesse vinto l’Olanda

Titolo: “La rivoluzione dei tulipani”

Da eterni perdenti a vincitori. Dopo tre sconfitte in finale, l’Olanda dimostra che anche nel calcio si può cambiare verso. E conquista il suo primo titolo mondiale forse con la meno “olandese” delle sue formazioni, la meno votata alla tradizione del calcio totale, un dogma tanto affascinante (si potrebbe dire quasi di sinistra, nel suo equiparare l’ultimo dei difensori al primo degli attaccanti) quanto inconcludente. Van Gaal, il vero artefice del successo, ha saputo lasciarsi alle spalle il passato, plasmando una squadra pragmatica, che fa della rapidità la sua arma migliore ma non rinuncia a difendersi se necessario. E, poiché il fine – si sa – giustifica i mezzi, anche l’uso di qualche piccola furbizia (come il cambio del portiere in occasione dei rigori contro il Costarica) è lecito se si pensa all’importanza del risultato finale. Salendo finalmente sul tetto del mondo, l’Olanda non solo torna al suo antico lignaggio di dominatrice di mari e colonie delle Indie Occidentali, ma dimostra che oltre ai rigori bisogna puntare sulla crescita se si aspira a grandi traguardi. E che anche degli irriducibili individualisti come Robben, uno che per la sua testardaggine assomiglia a Civati (ma ha più classe), se si mettono al servizio del collettivo, possono contribuire al trionfo finale.

***


Se vince la Germania

Titolo: “La forza della tradizione”

Se c’è una cosa che la vittoria della Germania ai Mondiali dice a tutti noi è questa: nel calcio, come nella politica e nella vita in generale, non si inventa nulla. Ci vuole solidità, ci vogliono radici, ci vuole tradizione: sono le basi sulle quali ogni successo che non sia effimero va costruito. Se i tedeschi sono arrivati 13 volte in semifinale – vincendo 4 titoli, tanti quanti noi italiani che da oggi non potremo più vantare neppure questa piccola superiorità sugli odiati concittadini di Angela Merkel  - è perché sono sempre rimasti fedeli a se stessi, incuranti delle mode del momento, di chi ha provato a sovvertire quei valori che rappresentano il nostro minimo comun denominatore. E anche quando hanno dato l’impressione di fughe progressiste in avanti, in realtà non hanno mai perso la bussola della loro moderazione: chi dice che Thomas Muller è stato schierato da “falso nueve” imitando lo schema spagnolo, evidentemente capisce poco di calcio. E infatti, si è visto quale fine abbia fatto la Spagna con il suo inconcludente tiki taka che ammicca alla sinistra dei salotti radical chic. In fondo lo sanno anche gli scommettitori incalliti: se volete mettere i vostri soldi in banca, puntate sulla Germania. Non vi tradirà.

Se vince l’Argentina

Titolo: “Nel nome di Francesco”

Come non immaginare un Disegno Superiore in ciò che è accaduto al Maracanà? In quella Rio de Janeiro che un anno fa sommerse di affetto Francesco nel suo primo viaggio pastorale, i concittadini del “papa venuto dalla fine del mondo” hanno riconquistato il cuore del Brasile, affranto e distrutto dallo tsunami della semifinale con la Germania. L’Argentina, terra alla quale noi italiani siamo legati da vincoli di sangue e cultura, indica a tutti noi la strada da percorrere: solo pochi anni fa era un paese sull’orlo del default ma poi, con il sacrificio e gli aiuti della comunità internazionale – che sa essere anche madre oltre che matrigna – è riuscita a risollevarsi e a regalare al mondo un uomo che è già santo, un pastore che sta facendo con la Chiesa ciò che il ct Sabella ha fatto con l’albiceleste: trasformare un coacervo di individualità litigiose in una grande famiglia, anche a costo di dolorosi sacrifici (la rinuncia a Tevez è uno di questi). Sì, possiamo dirlo senza timore di retorica: quella dell’Argentina è stata la vittoria dei giusti.

Se avesse vinto l’Olanda

Titolo: “Una lezione per le PMI”

La vittoria dell’Olanda ai mondiali è anche il trionfo di un modello. Nello sport, come nell’economia, non è indispensabile essere grandi e assistiti per avere successo. Tutto il mondo della piccola e media impresa italiana, il popolo delle partite Iva, dovrebbe andare a lezione di management aziendale da Luis Van Gaal. Si possono raggiungere grandi traguardi anche contando sulle proprie risorse di nicchia, un portiere bravo a parare i rigori, un attaccante specializzato nei dribbling. L’importante è fare sinergia, non cedere alla tentazione di delocalizzare i propri campioni o demandare ad altri la formazione – e il vivaio dell’Ajax è un esempio di ciò che stiamo dicendo . E soprattutto, non mollare mai. La vittoria in finale parte da lontano, da quell’ottavo di finale contro il Messico, quando a tre minuti dalla fine l’Olanda era sotto di un gol: anche sull’orlo del fallimento si può trovare una via d’uscita, grazie al lavoro e alla qualità, per poi arrivare alla meta prefissata. Un monito per l’Italia che produce. Ma anche un auspicio.

***


Se vince la Germania

Titolo: “La fabbrica globale”

Come disse l’Avvocato, il calcio è quello sport nel quale si gioca undici contro undici e alla fine vincono i tedeschi (poi Lineker si appropriò della frase, ma gli Agnelli non l’hanno mai rivendicata, noblesse oblige). E dunque, made in Germany sia. Nel Brasile che sforna milioni di Volkswagen,  i tedeschi hanno dimostrato che a volte lo scontro con le proprie maestranze – in questo caso gli operai brasiliani umiliati dalla multi-Nazionale di Loew – è inevitabile per puntare ad alti traguardi. La finale era una partita già scritta, ma la chiave di volta del successo tedesco, quella che ha stupito il mondo intero e farà parlare di sé per molti anni ancora, è stata la semifinale: con una percentuale realizzativa e produttiva impressionante, la Germania ha dimostrato di saper coniugare bel gioco ed efficienza. E non ha avuto remore neppure nel confrontarsi – e sconfiggere – un proprio concittadino espatriato neglI Usa a insegnare calcio, quel Klinsmann che, come Marchionne ha fatto con le auto, ha l’ambizione di spiegare agli americani come si gioca a pallone. Dunque, la Germania indica la strada da seguire. All’Italia non resta che trovare un rottamatore del calcio, che impari in fretta la lezione e sia capace di guardare Berlino da pari a pari. Uno ce l’abbiamo, ma sfortunatamente fa il premier, non il commissario tecnico.


Se vince l’Argentina

Titolo: “Il sacrificio di Tevez”

Dunque, il mondo si inchina a Leo Messi. La stella del Barcellona aggiunge l’unico trofeo mancante alla sua meravigliosa bacheca e prenota già il suo ennesimo Pallone d’Oro. Bisogna ammetterlo: la vittoria dell’Argentina ai mondiali è soprattutto la vittoria del  suo numero 10, al quale è riuscito quello che non riuscì a Sivori, Platini e Baggio (e riuscì invece a Del Piero, che però nell’occasione aveva il 7 sulla maglia). Ma c’è un altro numero 10 che, in silenzio, ha contribuito a questo successo: è Carlos Tevez, l’Apache, che ha accettato senza polemica l’esclusione dai 22 di Sabella, si è fatto da parte senza creare polemiche e oggi, anche se non lo ammetterà mai, si starà godendo il trionfo dei suoi compagni di squadra. Sarebbe bello che anche nel Partito Democratico, posto che la maglia numero 10 è stata assegnata da milioni di elettori a Matteo Renzi, qualcun altro imparasse la lezione di Carlos Tevez.


Se avesse vinto l’Olanda

Titolo: “La vendetta dei pirati”

Com’è allegra quest’Olanda che cade e si rialza, che impara dai propri errori e si ripresenta quattro anni dopo nell’indifferenza generale ma con un progetto innovativo, che alla fine si rivela anche vincente. C’è un bel mix di tradizione e freschezza nella squadra arancione ma c’è soprattutto quell’insofferenza a giocare dentro gli schemi tradizionali che da limite, nella società degli startupper, è diventato elemento di forza. Robben, Schneider e Van Persie, con la loro faccia da pirati, hanno arrembato e affondato la corazzata tedesca, sconfitta dalla propria ubris prima ancora che dagli avversari. E ci piace immaginare, in una favela di Rio, un bambino che si asciuga le lacrime mentre dipinge di arancione la sua figurina verde-oro di Neymar.

***


Se vince la Germania

Titolo: “Ingiustizia è fatta!”

Signori, inchiniamoci ai padroni del mondo. Dopo aver spazzato via come moscerini i brasiliani – incuranti del fatto che sia il sudore della fronte di questa manodopera sottopagata a far proliferare l’industria automobilistica tedesca  - la Germania va a prendersi la Coppa con tutta la tracotanza di cui è capace. Una coppa insanguinata, si badi bene, anche se per non disturbare i manovratori della Fifa è calato il silenzio sulle decine di morti nei cantieri degli stadi; una coppa contestata, anche se le proteste della gente nelle strade hanno avuto molta meno eco del morso di Suarez; una coppa avvelenata, con sospetti di combine e l’ombra della corruzione sull’assegnazione dei mondiali in Qatar. Ma di tutto questo, a frau Merkel e ai suoi ligi esecutori, sembra fregare poco o nulla. A loro importa solo degli interessi di casa propria, del proprio calcio e delle proprie banche. E come non sospettare che quel Zuniga, oscuro giocatore colombiano – eh, si sa, la Colombia – non fosse altro che il ginocchio armato dai poteri forti, mandato in campo con l’unico obiettivo di eliminare Neymar e con lui l’unico vero ostacolo allo strapotere tedesco? Pensiamoci, noi che vogliamo fare l’Europa insieme a Thomas Muller. E non dimentichiamo la parabola di Uli Hoeness, il grande centravanti della grande Germania finito a marcire nelle patrie galere, il posto giusto per i criminali di ogni razza e nazionalità.


Se vince l’Argentina

Titolo: “Il complotto del Vaticano”

Dice una fonte ben informata che l’altra sera, dentro le mura di San Pietro, al riparo da occhi indiscreti, due signori in là con gli anni siano stati visti confabulare fitto fitto. Dice sempre questa fonte, che noi riteniamo più che attendibile, che questi due signori fossero nientepopodimeno che Joseph Ratzinger e Jorge Bergoglio. Sì insomma, i due papi. Per carità, nessuna insinuazione, ma alla luce del risultato della finale dei mondiali, con la vittoria dell’Argentina sulla Germania, qualche domanda è lecito porsela. Di cosa parlavano Benedetto e Francesco? Stavano forse concordando un indicibile scambio? Non ci stupiremmo se, dopo questa partita, il prossimo presidente dello Ior fosse un tedesco. Certo è che nel 78, quando i mondiali furono disputati in Argentina e vinse l’Argentina, al soglio pontificio venne eletto un papa che morì dopo poche settimane in circostanze misteriose. Questi sono i fatti: solo coincidenze?


Se avesse vinto l’Olanda

Titolo: "Il Movimento arancione"

Se l’erano preparato bene questo mondiale, per spartirselo tra i soliti noti. Il Brasile certo, per dovere d’ospitalità. Ma poi la Germania, l’Italia, la Spagna, l’Argentina. Si è vista la fine che hanno fatto tutti quanti. Spazzati via da un ciclone chiamato Olanda, un movimento più che una squadra, un gruppo che va in campo seguendo il modello della democrazia diretta, secondo lo schema “uno vale uno” che non ha leader imposti dall’alto. Si dice che per decidere chi indossa la fascia di capitano venga fatto ogni volta un referendum volante in spogliatoio, prima della partita. E poi in campo, il continuo spostarsi di Robben da una fascia all’altra è la dimostrazione plastica del fatto che ala destra e ala sinistra non esistono più, sono concetti superati. Quello che conta è la sete di giustizia, nonostante i giornali di tutto il mondo – che qualcuno, non noi, definirebbe pennivendoli – abbiano sempre dedicato poche righe al fenomeno Olanda e quando l’hanno fatto è stato per cercare chissà quali retroscena nella sostituzione del portiere al 120’ minuto. Nessuno gli credeva, quando su twitter gli Orange scrivevano #vinciamonoi.  Avete visto com’è andata.

***


Se vince la Germania

Titolo: “Cazzo ridi, culona?”

Eccoli là, tutti trionfi, a girarsi tra le mani la loro coppetta. Ma chi vi credete di essere, cari “amici” tedeschi? Pensate di poterci guardare negli occhi solo perché avete vinto gli stessi titoli di noi italiani? Ma dov’eravate voi nel 34 e nel 38, quando gli eroi di Vittorio Pozzo inanellavano trionfi mondiali? Eravate in tutt’altre faccende affaccendati? E poi lo sapete, avete vinto per un solo motivo, perché una volta tanto – per colpa di un italiano non tanto italiano che di cognome fa Balotelli – non ci avete incontrato sul vostro cammino. Altrimenti, sai le mazzate, come sempre. Godetevi questa vittoria da quattro soldi, cari tedeschi. Ridete pure alle nostre spalle. Prima ci avete fiaccato grazie al vostro complice Monti e ai governi della sinistra che si sono succeduti, poi avete approfittato del fatto che siamo arrivati al Mondiale spompati, prosciugati dalle tasse e dalla dittatura dell’euro. Ma ora, con Barbara Berlusconi presidente della Figc, la musica cambierà. E quando, tra 4 anni, il presidente della Repubblica Silvio Berlusconi riceverà la coppa dalle mani dell’amico Putin, saremo noi a ridercela. Di Grosso (e non so se ve lo ricordate).


Se vince l’Argentina

Titolo: "Sul carro dei vincitori"

Guardala, l’intellighenzia di sinistra che si affanna a rispolverare dalla libreria qualche opera ammuffita di Borges per cantare le gesta dell’Argentina, immediatamente trasformata in una squadra di “compagni” (del resto anche il Che Guevara era argentino, no?). Non cambieranno mai: incapaci di accettare la propria attitudine cronica alla sconfitta – e infatti Prandelli è di sinistra, lo sanno tutti – sono però campioni del mondo di uno sport molto diffuso in Italia: il salto sul carro dei vincitori. E già li vediamo, i caroselli dei centri sociali al grido “somos todos argentinos” per celebrare questo trionfo terzomondista. Spiace solo che non sia ancora in vita il generale Peron: a lui e ai suoi descamisados sarebbe stato giusto e sacrosanto dedicare questa vittoria.


Se avesse vinto l’Olanda

Titolo: “A destra si vince”

Poche balle. La vittoria dell’Olanda ai mondiali di calcio ha un solo nome: Arjel Robben. E una sola posizione: la destra. E’ da lì, da destra, che la Nazionale di Van Gaal ha messo a soqquadro tutte le difese avversarie. E’ da destra che sono partiti tutti i palloni pericolosi. E quando Robben ha deciso di svariare a sinistra è stato solo per creare scompiglio, per poi subito tornare nel suo alveo naturale, che è la destra. Ci piace questa Olanda, ricorda quella dei tempi d’oro di Gullit, Rijkaard e Van Basten, il trio di tulipani che Silvio Berlusconi portò al Milan costruendo una stagione di trionfi, culminata con la sua discesa in campo nel 1994. E chissà che oggi la storia non possa ripetersi.

Iscriviti alla nostra Newsletter

  Consenso all’invio della newsletter: Dai il tuo consenso affinché Valigia Blu possa usare le informazioni che fornisci allo scopo di inviarti la newsletter settimanale e una comunicazione annuale relativa al nostro crowdfunding.
Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore