Fuori da qui Post

Israele, arresti di massa contro i palestinesi dopo la fuga di sei prigionieri dal carcere di massima sicurezza di Gilboa. I cucchiai nuovo simbolo della resistenza

21 Settembre 2021 5 min lettura

author:

Israele, arresti di massa contro i palestinesi dopo la fuga di sei prigionieri dal carcere di massima sicurezza di Gilboa. I cucchiai nuovo simbolo della resistenza

4 min lettura

Gli ultimi due evasi sono stati arrestati domenica, a Jenin, quasi due settimane dopo che erano riusciti a scappare, insieme ad altri quattro compagni, dall'istituto detentivo dove erano reclusi.
Ayham Nayef Kamamji e Munadel Yacoub Infai’at si sono arresi nella notte tra il 18 e il 19 settembre agli agenti della polizia. L'annuncio è arrivato su Twitter.

Tutti e sei erano fuggiti lo scorso 6 settembre dopo aver scavato un tunnel – sotto il lavandino della cella che condividevano – con un cucchiaio arrugginito nascosto dietro un poster. Ruslan Mahajaneh, avvocato di uno dei detenuti fuggiti, ha detto che il suo cliente ha dichiarato di aver usato cucchiai, piatti e persino il manico di un bollitore per scavare.

L'allarme è scattato nella prigione di Gilboa, una struttura di massima sicurezza nel nord di Israele conosciuta come “La cassaforte”, quando le autorità hanno ricevuto segnalazioni da agricoltori locali su “figure sospette” che si aggiravano nei campi vicini.

Avendo scoperto un difetto strutturale nella costruzione della prigione i sei avevano scavato il tunnel per oltre un anno pianificando così l'evasione.

Gli altri quattro detenuti – Zakaria Zubeidi, Mahmoud Abdullah al-Ardah, Mohammed Ardah, Yaqoub Mahmoud Qadri – sono stati catturati tra il 10 e l'11 settembre nei dintorni di Nazareth e a Shibli-Umm al-Ghanam.

Dei sei, quattro stavano scontando l'ergastolo, mentre due erano in attesa di essere processati da una corte militare.

Gli uomini erano stati arrestati tra il 1996 e il 2006 per aver compiuto attacchi contro obiettivi militari e civili israeliani. Cinque sono affiliati della Jihad islamica palestinese, uno è un membro del braccio armato di Fatah.

Dopo essere stati nuovamente catturati i sei prigionieri sono stati trasferiti nel centro di detenzione di Jalama, vicino a Haifa, dove sono stati sottoposti a interrogatori durante i quali avrebbero subito abusi fisici e mentali, in base alle dichiarazioni fornite dagli avvocati. In alcuni casi sarebbero stati anche torturati.

All'indomani della fuga le forze israeliane hanno fermato decine di palestinesi in una campagna di arresti di massa a Hebron, Jenin, Nablus, Ramallah e nei villaggi circostanti.

Secondo i dati forniti dal Dipartimento dell'OLP per i negoziati e da Addameer, una ONG che monitora le condizioni di detenzione dei prigionieri palestinesi fornendogli supporto, più di cento palestinesi sono stati arrestati dopo l'evasione dei sei prigionieri.

«Da quando gli uomini sono scappati abbiamo documentato una media di quattordici arresti al giorno nella Cisgiordania occupata», ha detto ad Al Jazeera Milena Ansari di Addameer. «Il dato non include i palestinesi arrestati in Israele».

Durante le ricerche dei detenuti, le forze israeliane hanno organizzato azioni di rappresaglia contro i familiari dei fuggitivi nell'area di Jenin, arrestandoli e interrogandoli per poi rilasciarne alcuni.

Tra le persone arrestate figurano anche diversi minorenni. Mustafa Amira, di appena 13 anni, della città di Nilin, vicino a Ramallah, è stato arrestato da soldati israeliani mentre si trovava in un villaggio nei pressi di una barriera di separazione costruita da Israele per dividere l'area dagli insediamenti.

Suo padre, Khalil Amira, ha raccontato ad Al Jazeera che Mustafa e suo cugino Muhammad, di 15 anni, sono stati arrestati e picchiati da circa dieci soldati israeliani e tenuti in detenzione durante la notte dalla polizia israeliana senza ricevere né cibo né acqua.

Secondo quanto riportato da Al Jazeera le foto mostrate dal padre del ragazzo lo ritraggono con un occhio gonfio e contuso e vari tagli sul viso.

«È stato trascinato a terra dai soldati prima di essere consegnato alla polizia che lo ha interrogato per molte ore», ha detto Amira.

«Perché così tanti uomini armati sono arrivati a picchiare un ragazzino? Perché non lo hanno affrontato seguendo la legge e denunciato se aveva commesso un reato?», si chiede l'uomo.

Secondo Ziad Abu Latifa, un paramedico della Mezzaluna Rossa palestinese a el-Bireh, il pestaggio e gli abusi sui minori da parte delle forze di sicurezza israeliane rappresentano un problema.

«Ho avuto a che fare con molti casi di minorenni che sono stati picchiati, anche con il calcio dei fucili, subendo fratture, emorragie e profonde ferite al viso», ha detto Abu Latifa.

Nei raid israeliani sono stati coinvolti anche un certo numero di studenti palestinesi, oltre a diverse organizzazioni e i loro dipendenti, comitati agricoli e sanitari e associazioni per i diritti umani.

«Prendere di mira gli studenti è un modo per mettere a tacere la voce dei giovani e delegittimarli per aver contribuito alla mobilitazione della resistenza popolare», ha spiegato Ansari di Addameer.

I soldati israeliani hanno inoltre fatto irruzione nella sede del sindacato dei lavoratori del settore dei servizi e dell'imprenditoria a Ramallah, sequestrando diversi hard disk e vari documenti.

«È importante non essere trascinati nella narrazione degli eventi di Israele, poiché cercano sempre di giustificare le loro operazioni militari per “motivi di sicurezza” e questo va avanti da molto tempo», ha affermato Ansari.

Da quando si è diffusa la notizia che gli evasi hanno utilizzato un cucchiaio per scavare il tunnel e fuggire, decine di cucchiai vengono branditi alle manifestazioni, accanto a bandiere e striscioni tradizionali, come simbolo di resistenza. I palestinesi hanno a lungo protestato in tutto il paese a sostegno dei sei uomini ritenuti prigionieri politici, in alcuni casi attaccati dalle forze israeliane.

«Fuggire da una prigione israeliana è qualcosa a cui ogni detenuto pensa», ha detto Ghassan Mahdawi, che nel 1996 insieme a un altro prigioniero fuggì da una prigione israeliana. «Averlo fatto con un cucchiaio è qualcosa che “passerà alla storia”».

Immagine anteprima Abdalafo Bassam via Palestine in Exile

Iscriviti alla nostra Newsletter


Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore