Ciao a tutti Robot & Lavoro

Il Primo Maggio è proprio morto (ma ecco come salvarlo)

1 Maggio 2013 2 min lettura

author:

Il Primo Maggio è proprio morto (ma ecco come salvarlo)

2 min lettura

Per una serie di ragioni storico-politiche, la Festa del Primo Maggio è diventata una ricorrenza da celebrare in piazza a Roma, possibilmente vestiti male. È stato come appiattire il Natale allo scambio dei regali e al capitone se siete di Napoli. Il concerto ("concertone") ha mangiato tutto, in una solenne quanto eloquente metafora che mostra tutta l'incapacità dei sindacati (che lo organizzano) di aggiornare la loro 'lotta' e trovare il modo di difendere i diritti e gli interessi di chi non abbia più di 87 anni. E d'altro canto, era nato proprio con l'intento di trascinare i più giovani verso la causa, avvicinarli ai temi del lavoro, rendendosi spendibili per una nuova classe lavorativa da corteggiare con musica rock da radiofonia italiana e vino in bottiglia di plastica.

Ma questo schema non funziona più, quei giovani sono morti coi film di Brizzi e adesso il mondo, il lavoro e gli under 30 sono un'altra cosa: il concerto e i sindacati non rappresentano più nessuno, e la bandiera dei diritti e della certezza economica, ormai ammainata, non ha più tanto da sventolare. In questo senso il Primo Maggio e il concertissimo di cui ormai si compone non avrebbero più bisogno di essere celebrati come li ricordiamo, lasciando finalmente spazio a nuove e più smart ricorrenze da festeggiare, in ossequio al segno dei tempi e alla compenetrazione di diverse e moderne istanze - alternative alla battaglia sindacale - all'interno della società. Eccole.

- I 40 anni del telefonino
Il telefono cellulare compie quarant'anni. Incontri, dibattiti, jam session dubstep - in omaggio codice per scaricare la suoneria che emula la voce di Gramsci che dice "Odio gli indifferenti" (mette i brividi).

- Labour Shake
Harlem Shake con bandiera dei Quattro Mori che sventola - poi diventano più bandiere dei Quattro Mori che sventolano contemporaneamente e in più direzioni.

- Rainbow Day
Flash mob in piazza: composizione di un arcobaleno da spedire alla TIM.

- Salone delle start up
E della foto vintage al bicchiere da apertivo ("salone" meglio di "fiera").

- Converse All Star, quasi un secolo di storia
Esposizioni & reading - Free Entry (presenta Francesco Maria Mandelli).

- I CARTONI
Rievocazione storica di trasmissioni per l'infanzia degli anni '90 sotto l'effetto di sostanze: rave party zona Brescia a base di Fivelandia 10 e LSD.

(CIAO A TUTTI è una specie di rubrica talvolta satirica che si fa le pare).

Iscriviti alla nostra Newsletter

  Consenso all’invio della newsletter: Dai il tuo consenso affinché Valigia Blu possa usare le informazioni che fornisci allo scopo di inviarti la newsletter settimanale e una comunicazione annuale relativa al nostro crowdfunding.
Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore