Fuori da qui Post

Etiopia travolta dalle proteste dopo l’omicidio di Hachalu Hundessa, il musicista-attivista che cantava per la libertà

3 Luglio 2020 9 min lettura

author:

Etiopia travolta dalle proteste dopo l’omicidio di Hachalu Hundessa, il musicista-attivista che cantava per la libertà

8 min lettura

Quando era in vita, Hachalu Hundessa, cantante e attivista etiope, ha unito i giovani etiopi con le sue canzoni che celebravano gli ideali di giustizia e libertà. La sua musica è diventata l'inno del movimento di protesta che nel 2018 aveva portato alla caduta dell’ex premier Hailemariam Desalegn. La stessa cosa sta accadendo adesso dopo il suo assassinio, avvenuto nella notte tra il 29 e il 30 giugno. Il cantante è stato colpito da assalitori ancora ignoti mentre guidava ad Addis Adeba ed è poi morto in ospedale per le ferite riportate. Migliaia di persone sono accorse nella sua città natale, Ambo, a circa 100 chilometri dalla capitale dell'Etiopia, Addis Adeba, per partecipare al suo funerale.

via BBC

«Provo una tristezza inconsolabile», ha detto Getu Dandefa, uno studente universitario di 29 anni. Quando ha visto la bara di Hachalu ad Ambo è scoppiato a piangere: «Abbiamo perso la nostra voce. Continueremo a combattere fino a quando Hachalu non avrà giustizia. Non smetteremo mai di protestare».

La morte di Hachalu ha scatenato proteste in tutto il paese durante le quali sono state uccise più di 80 persone. Secondo quanto dichiarato dal commissario di polizia regionale, Bedassa Merdassa, fino all'1 luglio erano morti 78 civili e tre membri delle forze di sicurezza. La polizia ha dichiarato di aver arrestato due persone in relazione all’omicidio ma non ha reso noto il movente dell'assassinio né è stato ancora formulato un capo di accusa contro i due sospetti. Nel frattempo, le autorità hanno bloccato Internet e hanno arrestato 35 persone, tra cui un importante magnate dei media e critico del governo, Jawar Mohammed e il noto giornalista e attivista Eskinder Nega.

L'omicidio di Hachalu è stato il detonatore di un clima di tensione e rivolta alimentato da decenni di repressione governativa nei confronti degli Oromo, storicamente esclusi dalla gestione del potere politico nonostante siano il più grande gruppo etnico del paese, e a cui il cantante apparteneva, scrive il Guardian.

In molti quartieri si sono sentiti colpi di pistola mentre bande armate di machete e bastoni vagavano per le strade. Testimoni hanno raccontato di aver visto giovani di origine Oromo confrontarsi con persone di altri gruppi etnici e con la polizia.

«Abbiamo avuto un incontro con la comunità e ci è stato detto di armarci di tutto ciò che abbiamo, inclusi machete e bastoni. Non ci fidiamo più della polizia per proteggerci, quindi dobbiamo prepararci», ha raccontato al Guardian un residente della capitale Addis Abeba che ha chiesto di restare anonimo per paura di eventuali rappresaglie.

Molti residenti di Ambo temevano di non poter partecipare ai funerali di Hachalu a causa della repressione delle forze dell'ordine. «Le forze di sicurezza hanno invaso la nostra città, non possiamo uscire neanche per piangere Hachalu. Nessun veicolo si muove, tranne le pattuglie di sicurezza con mitragliatrici», ha raccontato alla Reuters Chala Hunde, 27enne di Ambo. La cerimonia funebre si è svolta in uno stadio ed è stata trasmessa in diretta dalla televisione Oromo Broadcasting Network. Secondo quanto riferito dalla BBC, lo stadio era mezzo vuoto perché molti residenti di Ambo sono rimasti a casa per le pesanti misure di sicurezza dopo le violenze dei giorni immediatamente successivi all'assassinio del cantante.

«Hachalu non è morto. Rimarrà per sempre nel mio cuore e nel cuore di milioni di persone di Oromo», ha detto sua moglie durante il funerale. «Chiedo che venga eretto un monumento in sua memoria ad Addis Abeba, dove è stato versato il suo sangue».

Le immagini del funerale di Hachalu Hundessa – via New York Times

Il funerale di Hachalu, commenta Awol Allo, professore all'università di Keele, in Inghilterra, rappresenta una sorta di resa dei conti nazionale in un paese che sta già affrontando contemporaneamente importanti sfide politiche, economiche e sociali. Già la discussione su dove seppellire il cantante, se ad Ambo o ad Addis Adeba, mette a nudo le tensioni politiche in atto e la fragilità istituzionale del paese. «È una situazione molto controversa», spiega il professore. «Secondo gli Oromo, Hachalu sarebbe dovuto essere seppellito ad Addis Adeba, perché la ritengono "loro" in quanto situata interamente nella regione di Oromo. Ma la capitale è sotto il controllo federale, non regionale». E alla fine è stata scelta Ambo.

Due dei più importanti politici Oromo del paese – Bekele Gerba, e, come detto, il magnate dei media Jawar Mohammed – sono stati arrestati in relazione a una discussione sulla sepoltura del corpo di Hachalu. Altre decine di persone sono state arrestate, ha riferito Oromia Media Network su Facebook. In un post sempre su Facebook, poco prima della chiusura di Internet, riporta il Washington Post, Jawar aveva pubblicato un ricordo appassionato di Hachalu: "Non hanno semplicemente ucciso Hachalu. Hanno sparato al cuore della nazione Oromo, ancora una volta!! Potete ucciderci, tutti noi, non ci fermerai mai!! MAI!!".

A ottobre, Jawar aveva avvertito sui social media di azioni del governo contro di lui, provocando proteste in tutta la regione di Oromia che hanno causato almeno 100 morti. Il governo ha accusato Jawar di utilizzare i social per incitare alle proteste, ma Jawar si è difeso dicendo che quelle proteste non sono la conseguenza dei suoi post ma delle azioni del governo stesso.

I disordini, spiega il New York Times, minacciano la stabilità dell'Etiopia, il secondo paese più popoloso dell'Africa, e rendono più acuta la crisi politica di una nazione la cui transizione democratica è già fortemente travagliata.

La furia suscitata dalla morte del cantante ha ulteriormente messo in difficoltà il primo ministro Abiy Ahmed, anch'egli originario del gruppo etnico degli Oromo, salito al potere nel 2018 dopo le proteste anti-governative di cui Hachalu, come detto, era stato uno dei protagonisti attraverso le sue canzoni. Una volta salito al potere, Abiy, ha introdotto una serie di cambiamenti volti a smantellare la struttura autoritaria dell'Etiopia, liberando prigionieri politici, impegnandosi a rivedere le leggi repressive e accogliendo l'opposizione in esilio e i gruppi separatisti. Nel 2019, Abiy ha ricevuto il premio Nobel per la pace per il suo tentativo di risolvere il conflitto decennale con la vicina Eritrea e per aver guidato le azioni di pace e cooperazione nel Corno d'Africa.

Tuttavia, di pari passo con i cambiamenti introdotti dal primo ministro, l'Etiopia ha visto un forte aumento dell'illegalità in molte parti del paese, con crescenti tensioni etniche e violenze che hanno provocato lo sfollamento di 3 milioni di persone, ricostruisce il New York Times.

La coalizione al potere – spiega Yohannes Gedamu, etiope e docente di Scienze Politiche al Georgia Gwinnett College, a Lawrenceville, in Georgia – ha perso il polso della situazione e non è riuscita a mantenere l'ordine in una nazione etnicamente e linguisticamente diversa. Di conseguenza, ha aggiunto, mentre il paese si avvicina alla democrazia multipartitica, le fazioni etniche e politiche rivali si sono scontrate per le risorse, il potere e la gestione del paese. Il governo è stato attaccato per non essere riuscito a fermare l'uccisione di critici del governo e di personaggi di spicco, come il capo di Stato maggiore dell'esercito etiope, e per non aver salvato una decina o più di studenti universitari rapiti alcuni mesi fa.

Per di più, per combattere i disordini, le autorità hanno fatto ricorso alle tattiche dei precedenti governi repressivi, bloccando Internet, arrestando i giornalisti e promulgando leggi che, secondo gli attivisti dei diritti umani, potrebbero limitare la libertà di espressione. Le forze di sicurezza etiopi sono state accusate di gravi violazioni dei diritti umani, tra cui stupri, arresti arbitrari e uccisioni extragiudiziali.

La pandemia di coronavirus ha complicato tutto, costringendo il governo a rinviare le elezioni di agosto, per molti un test per valutare l'agenda di riforma di Abiy. Il rinvio è stato criticato dai partiti di opposizione, convinti che potrebbe essere un escamotage per tentare di mantenere il potere.

In questo contesto sono arrivate l'uccisione di Hachalu e le proteste.

«Il governo dovrebbe dimostrare che sta ascoltando le ragioni delle proteste e rispondere adeguatamente senza ricorrere alla repressione o alla violenza», ha commentato Laetitia Bader, direttrice di Human Rights Watch per il Corno d'Africa. «Ma i segnali che giungono sono scoraggianti. Abbiamo ricevuto notizie secondo cui le forze di sicurezza hanno usato la forza sui manifestanti in almeno sette città».

«Penso che Abiy debba affrontare questo triste evento non solo come leader politico ma come "capo guaritore" dell'Etiopia cercando di aggregare quante più persone», ha affermato Murithi Mutiga, capo progetto per il Corno d'Africa dell'International Crisis Group

Per ora il Primo Ministro ha commentato l'omicidio di Hachalu, dicendo che «si è trattato di un atto commesso e ispirato da nemici etiopi e stranieri che vogliono destabilizzare la nostra pace e impedire di raggiungere gli obiettivi che ci siamo dati», senza però fornire prove di quanto sostenuto. «Abbiamo due scelte come popolo: cadere nella trappola creata dei nostri detrattori o eludere la loro trappola e proseguire nel segno delle riforme intraprese. La prima opzione significa andare incontro volontariamente alla nostra fine».

Chi era Hachalu Hundessa, il musicista che cantava per la libertà

Ex prigioniero politico, cresciuto allevando bestiame insieme ai suoi fratelli, Hachalu è diventato uno dei più famosi cantanti etiopi con le sue canzoni sulla libertà politica.

Suo padre, impiegato nel dipartimento dell'elettricità nella città di Ambo, voleva che suo figlio diventasse medico, ma sin da bambino Hachalu ha mostrato passione per la musica e il canto e così, incoraggiato da sua madre, ha iniziato a esercitarsi mentre si occupava delle mucche nei terreni di famiglia: «Cantavo qualunque cosa mi venisse in mente», ha detto in un'intervista alla BBC nel 2017.

A 17 anni, Hachalu viene imprigionato per cinque anni per il suo attivismo politico: era già in prima linea nella campagna degli Oromo per l'autogoverno in una nazione in cui si sentivano repressi da un governo che aveva bandito i gruppi di opposizione e incarcerato chi era critico.

In carcere, Hachalu rafforza le sue convinzioni politiche, studia la storia dell'Etiopia e sviluppa le sue abilità musicali: «Non ho saputo scrivere testi e melodie fino a quando non sono stato messo dietro le sbarre. È lì che ho imparato», racconta sempre nell'intervista del 2017. In prigione, il musicista scrive nove canzoni e pubblica il suo primo album "Sanyii Mootii" (Race of the King).

L'album lo trasformò in una star della musica e in un simbolo delle rivendicazioni degli Oromo, anche se Hachalu all'epoca minimizzava il suo ruolo politico: «Non sono un politico, sono un artista. Cantare su ciò che sta passando la mia gente non mi rende un politico».

A differenza di altri musicisti e attivisti andati in esilio temendo la persecuzione sotto il dominio dell'allora Primo Ministro Meles Zenawi e del suo successore Hailemariam Desalegn, Hachalu decise di rimanere in Etiopia, incoraggiando i giovani a difendere i propri diritti. Una delle sue canzoni parlava di come si era innamorato di una ragazza, orgogliosa della sua identità e disposta a morire per questo.

Nel 2015, arriva il singolo "Maalan Jira?" ("Che esistenza è la mia?"), in riferimento allo sfollamento degli Oromo da Addis Abeba e dalle sue aree circostanti, dopo che il governo decise di espandere i confini della città. Per Hachalu era la storia che si ripeteva come accaduto all'epoca dell'imperatore Menelik II che aveva mandato via da Addis Adeba i Tulama dell'Oromo. Le canzoni di Hachalu diventano l'inno del movimento di protesta nato nel 2015 per chiedere la fine dello sfollamento degli Oromo, e poi trasformatesi nella campagna per una maggiore libertà politica, culminata con il conferimento della carica di primo ministro ad Ahmed Abiy, primo Oromo a salire a questo livello di potere. Abiy promise di liberare tutti i prigionieri politici, i gruppi di opposizione e tenere elezioni democratiche.

Due mesi dopo l'entrata in carica di Abiy, Hachalu fu invitato dal governo a esibirsi in un concerto tenuto in onore del presidente dell'Eritrea Isaias Afeworki, che visitava l'Etiopia per la prima volta dalla fine di una guerra di confine tra i due Stati vicini. Durante il concerto, il musicista cantò della necessità di ottenere giustizia per le persone che erano state uccise in conflitto nell'Etiopia orientale e chiese come si potesse tenere un concerto quando così tante famiglie erano in lutto. I funzionari del governo lo criticarono per aver cantato canzoni "inappropriate" per l'occasione. «La musica è la mia vita - aveva detto durante un'intervista alla BBC - Mi ha portato amici e nemici. Ma rimane uno strumento che uso per parlare alla mia gente, uno strumento che uso per esprimere i miei sentimenti più profondi».

Immagine in anteprima: clip del video "Maalan Jira" via CNN

Iscriviti alla nostra Newsletter

  Consenso all’invio della newsletter: Dai il tuo consenso affinché Valigia Blu possa usare le informazioni che fornisci allo scopo di inviarti la newsletter settimanale e una comunicazione annuale relativa al nostro crowdfunding.
Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore