Dove sono i voti degli italiani?


[Tempo di lettura stimato: 1 minuto]

Qualche giorno fa il Censis ha pubblicato una ricerca, "Il primato dell'opinione nella comunicazione orizzontale", di cui Valigia Blu ha già parlato qui. In questa analisi proviamo a fare un passo ulteriore e a provare a immaginare le campagne elettorali del futuro prossimo alla luce di alcuni dati che emergono dalla ricerca e che ridefiniscono alcune regole della comunicazione politica.

In particolare:

- i quotidiani hanno perso due milioni di copie vendute a livello nazionale negli ultimi 12 anni (-34.3%);
- Facebook è usato dal 41.3% della popolazione italiana, Twitter dal 5.4%;
- il 70% degli italiani pensa che "gli apparati dell'informazione" manipolino le notizie;
- quasi un italiano su due sceglie di votare non sulla base di ciò che ha appreso dai media (vecchi e nuovi), ma da ciò che ha ascoltato da amici, parenti e conoscenti (il 43.9% degli elettori, +25% in soli quattro anni);
-  il 35.3% degli italiani pensa che le tecnologie digitali abbiano peggiorato (e non migliorato) l'organizzazione dei movimenti politici.

In questa presentazione proviamo ad analizzare questi dati e a immaginare cinque idee operative per "aggiornare i partiti", in modo che rispondano efficacemente a questo profondissimo cambiamento delle dinamiche di orientamento al voto degli italiani.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Segnala un errore

LINEE GUIDA AI COMMENTI