In nome del copyright si rischia la censura online affidata ad aziende private

[Tempo di lettura stimato: 2 minuti]

L'articolo 13 della proposta di riforma direttiva copyright prevede per le piattaforme del web l'obbligo di sistemi di filtraggio dei contenuti caricati online dagli utenti, in sostanza imponendo un monitoraggio generalizzato (una vera e propria sorveglianza di massa delegata alle aziende) di tutto ciò che i cittadini caricano sulle piattaforme online, con grave detrimento della libertà di manifestazione del pensiero.

Leggi anche >> La sorveglianza di massa in Europa è illegale

Ben 57 associazioni per i diritti civili e i diritti digitali hanno firmato una lettera indirizzata alle massime istituzioni europee, contro l'articolo 13.

Leggi anche >> La Corte europea dice che la sorveglianza di massa è illegittima. Di nuovo

Immagina che ogni volta che parli, un computer controllato da una multinazionale verificherà cosa stai dicendo e avrà il potere di impedirti di dirlo. (MEP Julia Reda)

L'attuazione di un sistema di filtraggio comporta conseguenze rilevanti a carico di Internet che non sarà più uno spazio pubblico e libero (MEP Michal Boni), ma uno spazio capillarmente controllato e censurato (da privati), uno spazio nel quale tutti saranno colpevoli fin quando non riusciranno a dimostrare le propria innocenza (MEP Catherine Stihler). I sistemi di filtraggio dei contenuti possono colpire chiunque, anche gli stessi parlamentari europei, come evidenzia Marietje Schaake (MEP), che si è vista rimuovere un video di un discorso politico dalla piattaforma YouTube, senza conoscerne il motivo.

Leggi anche >> Internet e filtri: una forma di censura che mette a rischio le democrazie

Infine, l'instituzione di sistemi di filtraggio di questo tipo ha un costo rilevante, che solo le grandi piattaforme possono affrontare. In tal modo si crea un sistema di semi-monopolio che esclude dal mercato aziende nuove, con grave detrimento per la concorrenza e l'innovazione (MEP Dan Dalton).

Leggi anche >> La Commissione europea costretta a rivelare uno studio sulla pirateria tenuto nascosto

Si tratta di un sistema iniquo, che mina la libertà di espressione senza aiutare in alcun modo gli artisti (MEP Isabella Adinolfi).

Leggi anche >> Direttiva europea sul Copyright, a che punto siamo

Il 26 e 27 marzo è previsto il voto nella Commissione Affari Legali del Parlamento europeo.

Per chi vuole esprimere la propria opinione sul tema e farla giungere ai parlamentari europei, c'è il tool online savethelink.

 

Immagine in anteprima via the superslice.com

Iscriviti alla nostra Newsletter

  Consenso all’invio della newsletter: Dai il tuo consenso affinché Valigia Blu possa usare le informazioni che fornisci allo scopo di inviarti la newsletter settimanale e una comunicazione annuale relativa al nostro crowdfunding.
Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore

LINEE GUIDA AI COMMENTI