Aquarius, le accuse di traffico di rifiuti e le false informazioni sui vestiti infetti

[Tempo di lettura stimato: 15 minuti]

Traffico illecito di rifiuti. È questa l’accusa della Procura di Catania, guidata dal Procuratore Carmelo Zuccaro, nei confronti di Medici Senza Frontiere Belgio e Olanda, al termine dell’indagine “Bordless”. Con loro sono indagate altre 12 persone: 8 rappresentanti a vario titolo dell'Ong, il primo ufficiale Oleksandr Yurchenko e il comandante di Aquarius, Eugenii Talanin,  e i due agenti marittimi contattati per le attività di smaltimento dei rifiuti una volta approdati nei porti.

L’accusa è di aver sistematicamente condiviso, pianificato ed eseguito un progetto illegale di smaltimento di un ingente quantitativo di rifiuti pericolosi a rischio infettivo (sanitari e non), prodotti sulle navi Vos Prudence e Aquarius in seguito alle attività di soccorso dei migranti, insieme ai rifiuti solidi urbani, in occasione di scali tecnici e di sbarco dei migranti, nonostante i “numerosi e documentati casi di malattie registrate dai vari Uffici di Sanità Marittima siciliani e del Sud-Italia intervenuti al momento dell'arrivo dei migranti nei porti italiani” nei quali sono stati “rilevati 5.088 casi sanitari a rischio infettivo (scabbia, meningite, tubercolosi, Aids e sifilide) su 21.326 migranti sbarcati”.

Proprio questo ultimo aspetto è stato messo in risalto da politici, rappresentanti istituzionali e alcune testate giornalistiche che, nel momento in cui hanno diffuso la notizia, hanno parlato di rifiuti a rischio infettivo, facendo pensare a una potenziale diffusione di pericolose epidemie e alimentando a una nuova narrazione sulle Ong: dopo essere state indicate come “taxi del mare” e additate di “destabilizzare" l’economia italiana, ora sono state accusate di essere potenziali untrici.

Leggi anche >> ONG, migranti, trafficanti, inchieste. Tutto quello che c’è da sapere

Cosa dice l’ordinanza

Secondo la ricostruzione accolta dal GIP, tra gennaio 2017 e maggio 2018 Medici Senza Frontiere si è avvalsa dell’intermediazione di un agente marittimo, Francesco Gianino, e di un suo sub-agente, Ivan Giovanni Romeo, per smaltire secondo modalità illecite i rifiuti solidi prodotti a bordo delle navi Vos Prudence e Aquarius durante le operazioni di salvataggio dei migranti nel mar Mediterraneo.

Il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti si divide in tre fasi: il comandante della nave trasmette un modulo indicando (e distinguendo in tipologie) la quantità di rifiuti da conferire; il gestore dell'impianto portuale organizza il servizio tenendo conto delle tipologie dei rifiuti; l'operatore ecologico portuale consegna al comandante il buono di servizio giornaliero come ricevuta di consegna dei rifiuti.

Francesco Gianino aveva il compito di predisporre la documentazione sugli arrivi e le partenze delle navi Aquarius e Vos Prudence nel porto di Augusta, di gestire i contatti con le sub-agenzie negli altri porti, di organizzare le forniture di bordo (cibo, acqua, carburante) e dei kit forniti ai migranti e di curare i rapporti con le agenzie che nei porti si occupavano della raccolta dei rifiuti prodotti a bordo delle navi. Nel porto di Augusta, il servizio era stato affidato alla “Gespi”, una società che gestisce un inceneritore ad Augusta, sulla quale però non sono emersi elementi nelle indagini che ne attestassero il coinvolgimento nello smaltimento illecito di rifiuti. A Catania, il servizio di intermediazione era svolto dall'agenzia marittima Romeo Shipping di Giovanni Ivan Romeo (altro indagato) che si avvaleva per la raccolta dei rifiuti nel porto etneo della società cooperativa “La Portuale II”, amministrata dal padre Mario Romeo.

In base ad alcune intercettazioni, prosegue il GIP, si evince che Gianino aveva contatti regolari con i responsabili di Medici Senza Frontiere Belgio e Olanda, presenti rispettivamente sulle navi Vos Prudence e Aquarius, per concordare come classificare e smaltire i rifiuti derivanti dalle attività di salvataggio. In particolare, si legge nell’ordinanza, gli indumenti contaminati indossati dai migranti salvati, gli scarti alimentari loro distribuiti e i materiali sanitari utilizzati a bordo per l'assistenza medica, venivano “sistematicamente qualificati, conferiti e smaltiti come rifiuti solidi urbani o speciali non pericolosi, eludendo i rigidi trattamenti imposti dalla loro natura infettiva”.

Considerate le condizioni fisiche e precarie delle persone accolte, nutrite e curate a bordo delle navi (secondo quanto rinvenuto negli hard-disk della sede di MSF Olanda a Catania tra i migranti assistiti a bordo dell'Aquarius sono stati segnalati "frequenti e numerosi casi di scabbia, pidocchi, infezioni del tratto respiratorio, tubercolosi, meningite, infezioni del tratto urinario, sepsi") e il rischio di contaminazione da parte di virus come l’epatite, la scabbia, la tubercolosi, la varicella e l’HIV, i vestiti e gli indumenti intimi dei migranti soccorsi e i materiali sanitari si configuravano – in base a quanto stabilito dal Decreto del Presidente della Repubblica del 15 luglio 2003 – come rifiuti sanitari pericolosi e, pertanto, per scongiurare pericoli per la salute pubblica dovevano essere smaltiti in quanto tali e non come rifiuti solidi urbani o speciali indifferenziati come sarebbe stato ripetutamente fatto. Si tratterebbe di una procedura fuorilegge perché, come si evidenzia sempre nell’ordinanza, “i rifiuti devono essere raccolti e confezionati in appositi contenitori omologati a secondo della loro ulteriore distinzione e consegnate alle ditte portuali concessionario del servizio. Essi sono destinati a un processo di sterilizzazione in discarica o direttamente in impianti di incenerimento”.

Da questa modalità di classificazione e smaltimento dei rifiuti, prosegue il giudice, l'Ong e Francesco Gianino traevano un duplice vantaggio: Medici Senza Frontiere otteneva risparmi consistenti sulle spese di smaltimento dei rifiuti e Gianino, grazie ai prezzi vantaggiosi offerti dalla sua intermediazione, poteva ampliare il proprio giro di affari, acquisendo il monopolio nella gestione dei servizi portuali legati alle attività S.A.R. delle Ong impegnate nel Mediterraneo Centrale.

L'accusa nei confronti di MSF, considerata dagli inquirenti "produttrice" dei rifiuti al centro del traffico illecito, riguarda sia la Aquarius, per il periodo da gennaio 2017 a maggio 2018, sia la Vos Prudence, la nave utilizzata dalla Ong tra marzo e luglio 2017. Per questo nel registro degli indagati - con l'accusa di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti - sono finiti, oltre ad alcuni membri dell'organizzazione, anche il centro operativo di Amsterdam che gestiva l'Aquarius e il centro operativo di Bruxelles, che ha gestito e finanziato le missioni di soccorso della Vos Prudence.

Secondo i pubblici ministeri, i soggetti coinvolti (tra gli indagati oltre a Gianino, Romeo e i centri operativi di MSF di Amsterdam e Bruxelles, ci sono il comandante e il primo ufficiale di Aquarius e 8 membri di Medici Senza Frontiere) avrebbero “sistematicamente condiviso, pianificato ed eseguito un progetto di illegale smaltimento di un ingente quantitativo di rifiuti pericolosi a rischio infettivo, sanitari e non, derivanti dalle attività di soccorso dei migranti a bordo della Vos Prudence e dell'Aquarius”.

Dalle intercettazioni emergerebbe che i rappresentanti dei due centri operativi della Ong erano consapevoli delle modalità illegali di smaltimento dei rifiuti e che Gianino era in grado di offrire tariffe competitive tali da ridurre in modo consistente i costi di gestione delle navi.

Una conversazione registrata il 12 dicembre 2017 tra Gianino e uno dei responsabili di Medici Senza Frontiere mostrerebbe come lo smaltimento illecito dei rifiuti fosse una prassi ormai consolidata. Dall’intercettazione si evince come Gianino fosse consapevole della natura pericolosa dei rifiuti derivati dall'attività di salvataggio dei migranti in mare, che nonostante il rischio penale volesse in ogni caso eludere la legge in modo tale da abbattere i costi di smaltimento e che questa modalità fosse in atto da circa tre anni: «Siccome sono già cose che da tre anni facciamo ad Augusta i prezzi ce li avete e il servizio è sempre stato garantito. I prezzi, ieri te l’ho scritto è otto euro al sacco... non è manco un prezzo di tariffa... il discorso dei vestiti noi fino adesso abbiamo fatto diverse altre volte...noi li classifichiamo come rifiuto speciale, come se fossero stracci della sala macchine».

In un’altra conversazione registrata tra Gianino e Laura Ferrandino, addetta all'amministrazione dei conti della Vos Prudence, l’agente marittimo spiegava come a seconda della tipologia aumentassero i costi di smaltimento: «Non parliamo di sewage [ndr, si tratta delle acque di scarico, nere e grigie, provenienti dai vari servizi (bagni, cucine...) a bordo della nave], perché se dichiariamo che avete tot metri cubi, ci fanno fare anche il sewage, che tra garbage [ndr, sono i rifiuti non pericolosi destinati al recupero] e sewage ci vogliono 90.000 euro». A Marco Ottaviano, addetto all’approvvigionamento della nave, Gianino suggeriva di separare i rifiuti della cucina dai rifiuti prodotti dai migranti, eccedenti la capacità di stoccaggio ufficiale della Vos Prudence, classificandoli in modo indifferenziato sotto la voce "altro" della categoria "garbage" e riponendoli nel container dei salvagenti, appositamente trasformato in deposito di stoccaggio dei rifiuti. Questo “suggerimento” non veniva, però, preso in considerazione dalla nave.

Un meccanismo identico veniva adottato anche per gli sbarchi della nave Aquarius. Dalla documentazione acquisita verrebbe fuori come “i rifiuti di bordo venissero tutti indistintamente conferiti quali rifiuti solidi urbani, senza alcuna separazione dei rifiuti sanitari a rischio infettivo o dei rifiuti medici”, fatta eccezione per “modeste quantità di farmaci scaduti o inutilizzabili e i rifiuti taglienti e pungenti, quali aghi, siringhe, ecc”. Anche in questo caso, spiega il GIP, l’accordo con Gianino e Romeo era sulla base di 8 euro al sacco ed era precedente al periodo preso in considerazione dalle indagini (gennaio 2017 - maggio 2018), e “tutti i soggetti oggi sottoposti a indagine, oltre ad essere consapevoli dell'accordo illecito, hanno fornito un contributo alla riuscita del progetto criminoso”.

Alcune intercettazioni mostrano come Medici Senza Frontiere fosse consapevole di aver smaltito in modo illecito i rifiuti prodotti a bordo dell’Aquarius. In particolare, scrive il giudice, Joachim Tisch, manager della logistica di MSF Olanda, ammetteva in una conversazione con Aloise Vimard che in passato la gestione dei rifiuti non era stata svolta correttamente e sollecitava Vimard “ad assicurare la corretta ripartizione e classificazione dei rifiuti, predisponendo quanto necessario per evitare che venissero accertate le modalità illecite con cui avevano operato in passato”. Altri rappresentanti della Ong, come Susanna Calcina, Ivana Avalle e Robert Reyes, in numerose conversazioni intercettate riportate nell’inchiesta, chiedevano spiegazioni ai loro interlocutori, imbarazzati, sulle modalità di classificazione e smaltimento dei rifiuti. Inoltre, in uno scambio con il primo ufficiale Oleksandr Yurchenko, il comandante di Aquarius, Eugenii Talanin (entrambi tra gli accusati dal GIP), impartiva ad altri membri dell’equipaggio alcune indicazioni per assicurare il corretto smaltimento differenziato dei rifiuti sanitari.

Solo in due sbarchi (20 e 28 maggio 2017), i rifiuti sono stati differenziati correttamente. Tutto questo (le intercettazioni e la corretta modalità di smaltimento di rifiuti negli approdi di maggio 2017), prosegue l’ordinanza, confermerebbe che i soggetti coinvolti erano consapevoli di quali fossero le tipologie regolari di classificazione dei rifiuti sanitari pericolosi e che in passato queste direttive non sono state consapevolmente adottate.

Nonostante gli sforzi di Reyes e Avalle di assicurare uno smaltimento regolare dei rifiuti sanitari, durante un controllo svolto dalla Guardia di Finanza il 10 maggio 2018 a Catania, al termine di uno sbarco di 105 migranti, era stato rinvenuto presso il deposito della società "La Portuale II'' di Catania un ingente carico di rifiuti sanitari e di altro genere derivanti dal salvataggio dei migranti, occultati e mischiati in modo indifferenziato con gli altri rifiuti. Il capitano della nave Yurchenko aveva indicato il ritiro di 15 metri cubi di rifiuti, distinti in rifiuti alimentari (1mc), carta (4mc) e plastica (10) ma, al momento del controllo, erano stati trovati 2mc (circa 80 kg) di rifiuti non inseriti nel documento consegnato dal capitano, come indumenti (tute, t-shirt, coperte termiche, calzature, sciarpe, zainetti, etc) e rifiuti sanitari a rischio infettivo (siringhe, garze, guanti e mascherine utilizzate con chiare tracce ematiche), verosimilmente riconducibili ai migranti provenienti dalla Libia.

Nell’indagine sono presi in esame 37 approdi e, secondo i Pm, in tutti i casi emerge in modo costante e uniforme che lo smaltimento dei rifiuti è stato realizzato e fatturato all'ONG dalla ditta “MSA Mediterranean Shipping Agency" di Francesco Gianino e che non sono mai stati dichiarati rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo o medicinali, nonostante negli sbarchi finiti nell’indagine “fossero stati accertati numerosi casi di malattie infettive gravi quali scabbia, tubercolosi, meningite” da parte dei migranti salvati.

In particolare, la Vos Prudence, con lo smaltimento di 112,24 metri cubi di rifiuti (corrispondenti a quasi 4500 kg) ha ottenuto un risparmio indebito di € 49.991,49 (a fronte di un importo corrisposto di quasi 14mila euro), l’Aquarius ha smaltito 487,49 metri cubi di rifiuti (19500 kg) ottenendo un risparmio indebito di € 410.323,76 (a fronte di un importo corrisposto di quasi 61mila euro).

Tutti questi elementi – la realizzazione dell’attività illecita in maniera continuativa, con più operazioni nell'anno e 6 mesi di durata dell’indagine, l’ingiusto profitto,  intero arco temporale oggetto d'indagine di circa 1 anno e 6 mesi, la presenza delle attività continuative organizzate (abitualità), la gestione abusiva e la quantità ingente di rifiuti – conclude l’ordinanza, configurano il reato di traffico illecito di rifiuti.

Il GIP ha così accolto la richiesta di sequestro preventivo dei beni equivalenti al profitto dei reati, per un valore totale di oltre 500mila euro e disposto il sequestro dell’Aquarius perché continuando a navigare nel Mediterraneo la nave potrebbe continuare a reiterare il reato, alla luce della sua attività di salvataggio dei migranti e dei 37 sbarchi presi in esame dall’indagine in cui il reato è sempre stato commesso.

Medici Senza Frontiere: “Sequestro nave Aquarius. Inquietante e strumentale attacco per bloccare azione salvavita in mare”

Il 20 novembre Medici Senza Frontiere Italia ha indetto una conferenza stampa a Roma per commentare le accuse mosse dalla Procura di Catania. «Siamo sorpresi e indignati, per il tipo di accuse portate avanti nei confronti di MSF», ha dichiarato il direttore generale Gabriele Eminente. «La procura ha deciso di fare delle indagini, non lo mettiamo in discussione, ma l’accusa che ci viene mossa è singolare e sproporzionata. Si sta bloccando una nave che è già stata bloccata, ci indigna che un’organizzazione come la nostra, che ha ricevuto il Nobel per la pace, possa essere accusata di aver messo in piedi un’attività per il traffico illecito di rifiuti».

Conferenza stampa AQUARIUS in diretta Facebook

Conferenza stampa in diretta Facebook sul sequestro della nave #Aquarius per denunciare l'ennesimo tentativo di criminalizzare la solidarietà e bloccare la nostra azione salvavita nel Mediterraneo.

Pubblicato da Medici Senza Frontiere su Martedì 20 novembre 2018

«Siamo in mare dalla primavera del 2015, in questi tre anni le nostre 5 navi hanno portato soccorso a 80 mila persone. Sappiamo che il momento dello sbarco è particolare, tra i più controllati dalle forze dell’ordine. È assurdo dunque immaginare un traffico illegale di rifiuti, sotto gli occhi delle autorità, che per oltre 200 volte sono salite a bordo delle nostre navi», ha proseguito Eminente. In tutti questi anni, precisa l’Ong in una nota pubblicata sempre il 20 novembre, “tutte le operazioni in porto, compresa la gestione dei rifiuti, hanno sempre seguito procedure standard. Le autorità competenti non hanno contestato queste procedure né individuato alcun rischio per la salute pubblica da quando abbiamo avviato le attività in mare nel 2015”.

Per questo motivo, pur ribadendo la piena disponibilità a collaborare con le autorità italiane, MSF contesta la ricostruzione della Procura, respinge categoricamente l’accusa di aver organizzato qualunque attività abusiva finalizzata al traffico illecito di rifiuti e, “dopo la valutazione del decreto di sequestro e un’analisi interna, che dimostra come le accuse siano inaccurate e fuorvianti”, ha annunciato di presentare un ricorso al Tribunale del riesame.

In particolare, durante la conferenza stampa, Eminente ha sottolineato come ci sia una sproporzione rispetto a quanto contestato e questo porti a un danno di reputazione nei confronti dell’Ong, che ha già subito pesantemente un calo della raccolta fondi a causa della criminalizzazione della solidarietà portata avanti negli ultimi 2 anni e mezzo. In un’intervista al Corriere, il direttore ha aggiunto: «Ci accusano di essere dei trafficanti di rifiuti illeciti. Noi che abbiamo avuto il Nobel per la Pace! Cioè: noi saremmo qui a rovinarci la reputazione per compiere un reato che, secondo l'accusa, ci fa risparmiare una cifra [ndr, 460 mila euro] che è neanche il 2% rispetto allo sforzo di MSF per il soccorso in mare [ndr, 27 milioni di euro in 3 anni donati da privati cittadini, spiega il Corriere]. È tutto così sproporzionato! Un giorno, magari, scopriremo che sono stati fatti dei semplici errori meritevoli di una multa. Ma il traffico di rifiuti… Poi magari tra 3-4 anni saremo assolti e la notizia finirà in un trafiletto. Intanto, però, il danno è fatto».

Nell’intervista Eminente contesta anche la richiesta di sequestro della nave Aquarius, ferma a Marsiglia senza una bandiera (dopo il ritiro di quelle di Gibilterra e Panama) e, pertanto, impossibilitata anche «ipoteticamente a reiterare il reato. Eppure è stata sequestrata lo stesso». Tuttavia, intervistato da AFP, il pubblico ministero di Marsiglia, Xavier Tarabeux, ha affermato di non aver ricevuto fino ad ora alcuna richiesta da parte delle autorità italiane.

Leggi anche >> ONG, l’inchiesta di Trapani, Zuccaro e il codice di condotta: domande e risposte

Allarme contagio? Tutto falso

Infine, a destare sorpresa, sconcerto e indignazione è l’accusa di aver veicolato malattie gravi. «Sono medico dal 1984, lavoro per Msf da 17 anni e voglio dirlo chiaro: essere accusati di non avere curato la trasmissibilità di malattie a rischio infettivo è ridicolo. Come professionisti che operiamo ogni giorno in Congo con l’ebola come nell’Africa australe con il colera ci sentiamo attaccati in modo del tutto illegittimo. Sui giornali di oggi leggo di possibilità di trasmettere tubercolosi o epatite tramite i vestiti, stiamo scherzando? Solo chi è totalmente ignorante in salute pubblica può dire certe cose, mi sorprende che questo arrivi in parte dall’autorità giudiziaria ma soprattutto dalla stampa. È inaccettabile sentire queste cose nel 2018», ha dichiarato nel corso della conferenza stampa Gianfranco De Maio, responsabile medico di MSF Italia.

«Ogni volta che la nave arriva in porto c’è qualcuno dell’autorità portuale che sale a bordo e verifica che non ci sia il rischio di epidemia. Per anni hanno detto che i migranti portano tante patologie, tutte le università italiane a dimostrare che questo non è vero. Adesso sono i vestiti? E domani cosa sarà? Fa parte tutto di una costruzione di un nemico immaginario. Assolutamente i vestiti e gli scarti alimentari non portano epidemia. Né qui né in Congo né in Sudafrica», ha aggiunto De Maio in un’intervista.

Nel momento in cui è stata diffusa la notizia, diverse testate giornalistiche hanno  parlato di rifiuti a rischio infettivo, facendo pensare a una potenziale diffusione di pericolose epidemie.

Il Giornale titolava “Sui rifiuti smaltiti dall'Aquarius infezioni di meningite, Hiv e tbc” e nell’articolo scriveva che “i volontari della Ong li scaricavano in Italia senza curarsi delle benché minime misure igieniche di sicurezza per evitare il contagio”. In un altro articolo sempre su Il Giornale, Giovanni Giacalone scrive che l’ex presidente della Camera, Laura Boldrini, sbagliava quando negava i rischi sanitari. “Ora l’allarme è reale e serio”.

https://twitter.com/lumorisi/status/1064796203156672512

Luca Morisi, il responsabile della comunicazione sui social del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha twittato facendo riferimento ai “numerosi e documentati casi (5.088 su 21.326 sbarcati) di malattie (scabbia, meningite, tubercolosi, Aids e sifilide)”, il ministro Salvini a più riprese ha rilanciato la notizia congratulandosi con se stesso per aver fermato “non solo il traffico di immigrati clandestini ma, da quanto emerge, anche quello di rifiuti tossici” e successivamente twittando sugli “oltre 5mila casi a rischio infettivo per Hiv, sifilide, meningite, tubercolosi e scabbia, rifiuti speciali non dichiarati, garze intrise di sangue”.

Il presidente della Commissione Affari Costituzionali, il senatore leghista Stefano Borghesi, ha contribuito a generare confusione (e a fare disinformazione) parlando di sversamento illegale dei rifiuti da parte delle Ong, come se si trattasse di pericolosi liquami, attivando così tutto un immaginario associato al traffico illecito di rifiuti.

Ma l’HIV, la tubercolosi, la meningite possono trasmettersi attraverso i vestiti? Come spiegano il ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità, l’HIV non si trasmette tramite gli indumenti (e nemmeno attraverso abbracci, strette di mano, baci come ricordava quasi 20 anni fa un video che mostrava il dottor Fernando Aiuti baciare una ragazza ammalata di AIDS), “perché la condivisione di ambienti di vita, il contatto sociale ordinario, lo scambio di vestiti, la stretta di mano, non comportano alcun rischio di contagio”.

In una nota pubblicata su Quotidiano Sanità, Margherita Enrico, presidente del Network Persone Sieropositive, si è detta indignata per come è stata diffusa la notizia. “Scrivere che l’HIV si può trasmettere anche attraverso gli indumenti è qualcosa di inaudito, nonché di scientificamente errato, che ci fa sprofondare nel baratro dell’ignoranza e della discriminazione verso noi persone con Hiv mai visto in trent’anni di storia di questa infezione”.

Anche la meningite e la tubercolosi non si trasmettono attraverso gli indumenti. Come spiega sempre l’Istituto Superiore di Sanità, la meningite viene trasmessa da persona a persona attraverso le secrezioni respiratorie. Fuori dall’organismo, il meningococco, un batterio che risente delle variazioni di temperatura e dell’essiccamento, sopravvive per pochi minuti. La tubercolosi si trasmette attraverso la tosse, gli starnuti, o semplicemente parlando. Per quanto riguarda la scabbia, per la sua trasmissione è necessario il contatto diretto.

Inoltre, scrive Francesco Floris su Redattore Sociale, “i medici che in Sicilia hanno monitorato in questi anni la salute dei migranti sbarcati nei porti o ospitati negli hotspot, non hanno ravvisato i rischi di infezione e per la salute pubblica che oggi sono al centro dell'inchiesta giudiziaria della Procura di Catania”.

Stando a quanto riportano medici e scienziati che hanno studiato in Sicilia la salute dei migranti, i fatti, prosegue il giornalista, non sono così allarmanti come descritti dai giudici etnei. In un saggio sulla rivista “Epidemiologia e Prevenzione”, nel 2017 quattro medici (il dottor Giovanni Baglio, epidemiologo specializzato in salute pubblica, il dottor Raffaele Di Palma, immunologo dell'Università Federico II di Napoli, la dottoressa Erica Eugeni del Dipartimento Sanità pubblica e Malattie infettive della Sapienza e il dottor Antonio Fortino, medico chirurgo con specializzazioni in endocrinologia, statistica e programmazione sanitaria, che dal 1991 lavora per Fondazione San Raffaele) hanno descritto i risultati del lavoro svolto negli hotspot di Lampedusa e Trapani Milo dall’Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti ed il contrasto delle malattie della Povertà. Su circa 6mila visite effettuate, nel periodo tra maggio 2015 e ottobre 2016 non sono state evidenziate gravi malattie infettive, ma solo dermatologiche facilmente curabili come scabbia, prurito, varicella, dermatite da contatto. Dati analoghi sono emersi dalla sorveglianza delle sindromi condotta dall’Istituto Superiore di Sanità in 21 centri per immigrati in Sicilia nel 2015. Su oltre 5mila persone presenti, ci sono state in tutto 48 allerte statistiche, 33 infestazioni (scabbia), 7 sindromi respiratorie febbrili, 7 malattie febbrili con rash cutaneo (morbillo e varicella) e 1 caso di sospetta tubercolosi polmonare.

In generale, conclude lo studio, va ridimensionato “l'allarme sociale connesso al cliché del migrante-untore”. Chi parte è il cosiddetto “migrante sano”, cioè chi è in buone condizioni di salute e “la controprova epidemiologica della validità di tale meccanismo sta nella bassa occorrenza di patologie infettive di importazione tra gli immigrati che arrivano nel nostro paese”. Anzi, un monitoraggio condotto a Roma dal 2006 e il 2016 mostra come su 23mila pazienti senza permesso di soggiorno le principali patologie fossero di salute mentale: depressione (28%), disturbo post-traumatico da stress (27%), ansia (10%).

Questi dati trovano riscontro anche nel rapporto annuale sul 2017 degli Uffici di Sanità Marittima, Aerea e di Frontiera (USMAF). In base ai controlli sanitari effettuati dal personale dell’USMAF (già sulle navi o una volta che i migranti sono sbarcati), per verificare la presenza di segni e di sintomi sospetti di malattie infettive, che potrebbero rendere necessarie misure sanitarie, le patologie riscontrate non costituiscono un pericolo per la collettività. “Oltre alla disidratazione, alle sindromi febbrili non accompagnate da altri sintomi e alle congiuntiviti, le condizioni osservate nei migranti riguardano frequentemente traumatismi, ustioni chimiche, ferite da armi da fuoco e intossicazioni per esposizione a vapori tossici nelle stive, (...) cardiopatie, diabete, affezioni neurologiche, disturbi post-traumatici, connessi a torture e violenze intenzionali, subite nel paese di origine o nel percorso migratorio”.

Al primo posto, tra le condizioni osservate all’arrivo, rimangono la scabbia e la pediculosi, legate alle condizioni disagiate di vita e alla promiscuità sia nei luoghi di partenza che durante il viaggio, che però non comportano un reale rischio di contagio.

L'accusa formulata dalla Procura, scrive Gianluca Di Feo in un commento su Repubblica, contribuisce a infliggere a Medici Senza Frontiere il marchio dell'untore, “consegnandola per via giudiziaria alla colonna infame dei peggiori luoghi comuni contro gli immigrati” e alla propaganda di quelle forze politiche come la Lega, ora al governo, che da tempo ricorrono alla narrazione dei ‘migranti che portano le malattie’. “La procura di Catania si è premurata di quantificarci le dimensioni della minaccia e del pericolo di contagio legato ai disperati che attraversano il Mediterraneo” (...) senza poi specificare “quanti dei casi definiti «a rischio infettivo» siano stati poi confermati dagli esami medici, ma è indubbio che un'affermazione del genere da parte di una Procura della Repubblica sia destinata a creare allarme e ad alimentare la propaganda più becera contro l'immigrazione”.

Leggi anche >> Le polemiche sulle ONG, le critiche a Travaglio e cosa ci dicono i fatti finora emersi

Con questo modo di fare, conclude Di Feo, la Procura è stata usata come bandiera di chi professa l’intolleranza xenofoba. “Nel 1992 Norberto Bobbio aveva già colto i semi dell'intolleranza, descrivendo una scala del razzismo: «Al gradino più basso sta il semplice dileggio verbale (chiamare "terroni" i meridionali, "vu cumprà" i marocchini). Su un gradino più alto sta l'evitamento, il non voler avere a che fare con loro, il tener le distanze, l'indifferenza, il mostrare un certo fastidio di fronte alla loro presenza, lo scostarsi quando si avvicinano. Più in su c'è la discriminazione dalla quale si può far incominciare propriamente il razzismo istituzionale, ove per discriminazione s'intenda il non riconoscere loro gli stessi diritti». Stiamo rapidamente percorrendo tutta la scala. E dobbiamo fare tesoro della lezione di Bobbio, perché ci mette in guardia da quello che rischia di essere il livello finale: «L'ultimo gradino è quello dell'aggressione, che comincia dall'essere sporadica e casuale contro i singoli individui, e arriva allo sterminio premeditato e di massa»”.

Immagine in anteprima via courrierpicard

Iscriviti alla nostra Newsletter

Segnala un errore

LINEE GUIDA AI COMMENTI