Andrà meglio, Buon Natale


[Tempo di lettura stimato: 3 minuti]

di Vittorio Zambardino

Non è "un paese da bruciare", che deve solo fallire. Abbiamo attraversato altri fossi, ne usciremo. Perché se ne esce sempre.
Andrà meglio, Buon Natale

Non è un paese dove la gente si uccide "perché è disoccupata" o "perché riceve le cartelle di Equitalia". È un paese con tanti professionisti dell'inquietudine e si uccide chi, lungo le strade del suo tormento, lo sceglie liberamente.
Andrà meglio, Buon Natale

Non è un paese dove "il lavoro non c'è più". Avvolti in una nuvola di chiacchiere ignoranti stiamo facendo anche noi la strada del futuro. Ce la faremo.
Andrà meglio, Buon Natale

Non è un paese "dove tutti rubano". C'è chi non lo fa, e aumentano. E siamo in tanti a non averlo fatto.
Andrà meglio, Buon Natale

Non è un paese dove "la cura c'è ma nessuno lo dice". Ci sono medici onesti e una sanità decente, e fior di ricercatori. A proposito: con Elena Cattaneo tutta la vita.
Andrà meglio, buon Natale

Non è un paese dove "è stato inutile studiare": se esisti per ciò che sei e puoi pensare male di te e di noi è perché hai studiato e qualcuno ha pagato gli studi.
Andrà meglio, buon Natale

Non è un paese che "i migliori vanno all'estero", anche se ho un figlio lontano da qui e spero che abbia ogni fortuna, lui e quelli, di figli, che son rimasti.
Andrà meglio, buon Natale, figli miei

Non è un paese dove se è rigore e non te lo danno, c'è la congiura. Il mondo non è una congiura, semmai ci sono piccole congiure, ma piccole eh. Il mondo è ciò che riesci a capire del mondo.
Andrà meglio buon Natale

Non è un mondo che Facebook fa schifo sempre, solo adesso che ogni volta che scrivo "Natale" mette il tag alla mia amica Rosa Maria Di Natale da Catania.
Andrà meglio, Buon Natale, signor Zuckerberg, sperando che il 2014 porti un concorrente vero alla sua baracca

Non è un paese dove i treni veloci non servono. Servono treni, tutti, puntuali e veloci, ma quando ero ragazzo io andavano tutti piano, ed era una merda. Meglio adesso.
Andrà Meglio, Buon Natale

Non è un paese "regime". Il regime c'è, ma ne verremo fuori e i privilegiati sono sempre esistiti.
Andrà meglio, Buon Natale

Non è un paese che "Re Giorgio". Auguri, Giorgio, grazie di essere dove sei e di essere tu, con la tua storia e i suoi lucidi rinnegamenti e la tua fedeltà civile.
Andrà meglio, Buon natale

Non è un paese con le "pensioni d'oro". C'è anche chi ha lavorato, si è fatto il mazzo per realizzare la vita che aveva nel cuore, come farete voi ogni giorno in cui avrete respiro.
Andrà meglio, Buon Natale

Non è un paese che "fujtevenne" e che "ci avete dato un modello insostenibile voi sessantenni criminali". Fino a quando ha pagato i vostri cellulari, i vostri motorini e le vostre vacanze vi andava bene. Non ci sono innocenti a questo mondo, come non ci sono pasti gratis, e cercate di non fare i comunisti con i soldi degli altri.
Andrà Meglio, Buon Natale

Andrà meglio perché sta andando tutto peggio. Solo a una cosa non c'è rimedio, la solita.

E tu Luca, maledizione, potevi ancora aspettare per ucciderti, perché a 32 anni è maledettamente presto per morire. Sarebbe passata, perché tutte le tempeste passano, anzi le tempeste vengono per passare, come il raffreddore, e ci saremmo detti Buon Natale.

Andrà meglio, Buon Natale a chi rimane col ricordo di tutti gli amici che non ci sono più, e aumentano. Ma tranne questo: le tempeste vengono per passare.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Segnala un errore

LINEE GUIDA AI COMMENTI