Lettera alla UE: ci avete imposto le misure economiche ora ‘imponeteci’ la libertà di stampa

Firma la petizione per denunciare la legge bavaglio all’Europa. Spediremo la lettera e le firme via mail al Parlamento Europeo, alla Commissione Europea e al Consiglio dell’Unione Europea



Avevamo pensato di sospendere l’iniziativa, dopo le dichiarazioni di Cicchitto in cui si prospettava il binario morto per la legge bavaglio. Stamattina leggiamo su Repubblica di un vertice per riaprire la partita sul ddl intercettazioni e se il caso porre la fiducia. Allora noi non solo non sospendiamo la raccolta firme, la rilanciamo e ci poniamo come obiettivo la consegna direttamente a Bruxelles. Non basta più bloggare
Firma la petizione per denunciare all’Europa la legge bavaglio. Spediremo la lettera via mail al Parlamento Europeo, alla Commissione Europea e al Consiglio dell’Unione Europea con la vostra sottoscrizione

The European Parliament

The European Commission
The EU Council
MEPs
Europe, through the ECB, has put in place a policy to save Italy’s economy. We ask that, with the same authority, Europe ensures compliance with its charter of fundamental rights because here in Italy we are in danger of losing the freedom of the press. We hope that the role of European institutions will, once again, be crucial to our country.
In the next few days, probably on Wednesday 12 October 2011, the Italian Parliament will vote on one of the most liberticide laws that Europe has ever seen.
The law in question, known in Italy as the “wiretapping Bill”, has the clear objective (which is more and more evident given that the passage through Parliament of this bill was accelerated when wiretaps of investigations concerning criminal proceedings against prominent Italian politicians appeared in Italian and international newspapers) of severely limiting the investigative activities of the judiciary and of preventing journalists from informing the public about the limited criminal investigations that somehow will have to be carried out despite the restrictions of the new law. The bill provides for prison sentences for journalists who break the new law.
The provisions of this Bill clearly do not respect the Italian Constitution, notably article 1, paragraph 2, which guarantees the exercise of popular sovereignty, a sovereignty which, as stated by the Italian Court of Cassation ruling no. 16236 of 2010, may be exercised only when the citizens are properly and fully informed. It is clear that to hide investigative material from the citizens prevents them from judging their political representatives properly and completely.
Another element is linked to Article 101 of the Italian Constitution under which “Justice is administered in the name of the Italian people,” an article which requires that the Italian people can and indeed must know about the administration of justice, and this can only be done through the press. Not to mention the obvious contradiction with Article 21 which provides for freedom of expression.
Furthermore, this Bill is blatantly contrary to European rules, regulations and directives, and also to the European Union Treaty.
For example, the recommendation of the European Parliament of 27 March 2009 calls on Member States to “ensure that freedom of expression is not subject to arbitrary restrictions on the part of the public and/or private sphere and to avoid any legislative or administrative measures which may have a deterrent effect on every aspect of freedom of expression.”
The Charter of Fundamental Rights of the European Union, as the European Commissioner Viviane Reding recently stated, establishes that the freedom of expression is a basic principle of Europe and any restriction on or obstruction to investigative journalism can be considered a serious attack on the freedom of expression (Article 11).
The European Court of Human Rights (ECHR), in its ruling of 10 February 2009, stated that the freedom of the press prevails over privacy (the protection of which is often used in Italy as an excuse to justify a rule that restricts freedoms) in order to protect the right of citizens to be informed about what happens in the corridors of power. In its sentence of 7 June 2007, the Court in Strasbourg ruled that the right of the press to publish ongoing investigations and the public’s right to receive news about controversial investigations take precedence over the needs of secrecy: the public’s right to know the facts always prevails over the secrecy of trial documents.
And finally, we cannot forget the Universal Declaration of Human Rights which states: “Everyone has the right to freedom of opinion and expression, including the right not to be molested for his opinions and to seek, receive and impart information and ideas through any media and regardless of frontiers” (Article 19).
It is important to note that this is not just an Italian issue: the new law could have an impact on Europe as it may give rise to situations regarding the jurisdiction of Italian courts for crimes committed by foreign nationals, provided that the injured party is an Italian citizen or that some of the events under consideration take place in Italy. These are not unfounded concerns: consider the indictment before the Italian courts of the U.S. marine who killed the Italian citizen Calipari in Iraq or the guilty verdict on Google for non-compliance with Italian privacy laws, despite the U.S. company’s servers not being in Italy. It is, therefore, an issue that should interest the European Union.
We’re talking about a bill that has already received heavy criticism from every international institution that has dealt with it. We can, for example, recall Frank La Rue, UN Special Rapporteur on freedom of opinion and expression, who on 13 July 2010 asked the Italian government to abandon this Bill. Or Dunja Mijatovic, media freedom representative for the OSCE, who on 15 June 2010 requested that Italy abandon the proposed law.
The consequence of the approval of this Bill will be to induce an artificial and instrumental news blackout, lasting for years after the events under investigation, with great prejudice to the freedom of the press and the democratic rights of Italian citizens. As Hugo Lafayette Black (1886-1971), Judge of the United States Supreme Court, argued “The press must serve the governed not the governors. The government’s power to censor the press was abolished so that the press would remain forever free to censor the government. “
——————————————————————————
L’Europa, attraverso la BCE, ci ha dato la linea di indirizzo per salvare la nostra economia. Chiediamo che, con la stessa autorevolezza, faccia rispettare la sua carta dei diritti fondamentali perché qui stiamo rischiando di perdere la libertà di stampa. Confidiamo che un ruolo delle istituzioni europee possa essere, ancora una volta, determinante, per il Paese.
Nei prossimi giorni, probabilmente mercoledì 12 ottobre 2011, il Parlamento italiano voterà per l’approvazione di una delle leggi più liberticide che mai abbia conosciuto l’Europa.
La legge in questione, conosciuta in Italia come “DDL Intercettazioni”, ha l’evidente scopo, sempre più evidente in quanto l’iter di questa norma è stata accelerato nel momento in cui sono comparse sui giornali italiani (e non solo) intercettazioni ed atti di indagine relativi a procedimenti penali contro politici italiani di primo piano, da un lato di limitare pesantemente le attività investigative della magistratura, e dall’altro impedire che i giornalisti, ma non solo, possano poi raccontare ai cittadini quel poco delle indagini giudiziarie che in qualche modo si sono potute eseguire nonostante le restrizioni delle nuove norme; fino a prevedere il carcere per i giornalisti.
Tali norme sono in aperto e profondo contrasto innanzitutto con le norme costituzionali interne, prima di tutto l’articolo 1 comma 2 che garantisce l’esercizio della sovranità popolare, sovranità che, come affermato dalla Corte di Cassazione italiana con la sentenza n. 16236 del 2010, può essere esercitata solo nel momento in cui il popolo sia correttamente e compiutamente informato. È di solare evidenza che nascondere atti di indagine al popolo significa impedirgli di poter giudicare i suoi rappresentanti politici correttamente e compiutamente.
Ulteriore contrasto si realizza con l’articolo 101 della Costituzione in base al quale “La giustizia è amministrata in nome del popolo italiano”, norma che presuppone che il popolo italiano possa, anzi debba conoscere per tempo le modalità di amministrazione della giustizia, e questo non può che avvenire a mezzo della stampa. Per non parlare dell’ovvio contrasto con l’articolo 21 che sancisce la libertà di manifestazione del pensiero.
Altresì questo disegno di legge risulta palesemente in contrasto con norme, regolamenti, direttive europee, ed anche con lo stesso Trattato dell’Unione Europea.
Ad esempio la raccomandazione del Parlamento europeo, del 27 marzo 2009, invita gli Stati membri a “garantire che la libertà di espressione non sia soggetta a restrizioni arbitrarie da parte della sfera pubblica e/o privata e ad evitare tutte le misure legislative o amministrative che possono avere un effetto dissuasivo su ogni aspetto della libertà di espressione”.
La Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, come ebbe a ricordare il commissario europeo Viviane Reding, stabilisce che la libertà di espressione costituisce un principio basilare dell’Europa e qualsiasi restrizione od ostruzione al giornalismo d’indagine può essere considerata come un grave attentato alla libertà di espressione (art. 11).
La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU), con la sentenza del 10 febbraio 2009, ha sancito che la libertà di stampa prevale sulla privacy (la cui tutela è spesso usata in Italia quale schermo per giustificare una norma così liberticida), così da tutelare il diritto dei cittadini di ricevere informazioni su ciò che accade nei palazzi del potere. Con la sentenza del 7 giugno 2007, il Tribunale di Strasburgo ha stabilito che il diritto della stampa di informare su indagini in corso e il diritto del pubblico di ricevere notizie su inchieste scottanti prevalgono sulle esigenze di segretezza: il diritto dei cittadini di conoscere i fatti vince sempre sulla segretezza delle carte processuali.
E, infine, non possiamo dimenticare la Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo che recita: “Ogni individuo ha il diritto alla libertà di opinione e di espressione, incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere” (art. 19).
È importante notare che non si tratta solo di un problema soltanto di diritto interno, ma di norme che potrebbero avere un impatto sull’intera Europa, in quanto potrebbe sorgere la giurisdizione della magistratura italiana anche per reati commessi da cittadini stranieri, purché il soggetto leso sia un cittadino italiano o parte dell’azione avvenga in Italia. Non si tratta di paure infondate, basti ricordare l’incriminazione dinanzi ai giudici italiani del marine americano che in Iraq uccise l’italiano Calipari, oppure la condanna di Google per mancato rispetto della normativa sulla privacy italiana, nonostante i server dell’azienda Usa non siano presenti in Italia. Si tratta, quindi, di una problematica che può, e deve, interessare anche l’Unione Europea.
Stiamo parlando di un progetto di legge che ha avuto il demerito di assommare fin troppe bocciature e critiche da qualsiasi istituzione internazionale che se ne sia occupata. Possiamo, ad esempio, ricordare Frank La Rue, relatore speciale dell’ONU sulla libertà di opinione e di espressione, che il 13 luglio 2010 aveva chiesto al governo italiano di abbandonare questo disegno di legge. Oppure Dunja Mijatovic, rappresentante per la libertà dei media dell’OSCE, che il 15 giugno del 201 ha invitato l’Italia a rinunciare alla proposta di legge.
La conseguenza dell’approvazione del DDL intercettazioni sarà di indurre un artificioso e strumentale silenzio stampa, perdurante fino ad anni dopo i fatti oggetto di indagine, con enorme pregiudizio del diritto di cronaca e dei diritti democratici dei cittadini italiani. Come sostenne Hugo La Fayette Black (1886-1971), Giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti: “La stampa deve servire ai governati non ai governanti. Il potere del governo di censurare la stampa è stato abolito perché la stampa rimanesse per sempre libera di censurare il governo”




  • scardigli annalisa

    Vogliamo poter pensare liberamente e liberamente scrivere….

  • Clemente Elis Aceto

    Libera stampa in libero Stato!

  • carlo

    tutto dev’esser fatto e portato alla luce del sole, questo vale per tutti gli italioani, in primis Governanti e politici e Capo dello Stato. Tutte le denunce dei redditi vanno rese pubbliche, e tutte le foto degli evasori e delinquenti vanno rese pubbliche. NULLA DEV’ESSERE OCCULTATO.

  • carlo

    TUTTO VA RERSO PUBBLICO. TUTTE LE FOTO DI EVASORI, DELINQUENTI. POLITICI DISONESTI AFFISSE IN TUTTE LE PIAZZE D’ITALIA

  • Nunzio Sepe

    vorrei più serietà

  • carmelina

    vogliamo libertà no bavaglio

  • Bruno

    Vogliamo che ci impongano anche Evasione Fiscale, Corruzione e Costo dei Politici nella Media Europea in tre anni

  • giuseppina

    Vorrei che fosse possibile una seria imposizione europea della Libertà di Stampa

  • Adriano

    Di questo passo non ci faranno neanche più respirare!

  • Nove

    Libertà di pensiero, libertà di parola, libertà di stampa ! ( e pure di dissenso … )

  • Clarettina

    UE salvaci tu.

  • Michela Sbarro

    Non esiste solo l’Italia di Berlusconi.

  • Adriano Robecchi

    Quoto Bruno: “Vogliamo che ci impongano anche Evasione Fiscale, Corruzione e Costo dei Politici nella Media Europea in tre anni”

  • annalisa

    VOGLIO ESSERE INFORMATA SU TUTTO!!! NO LEGGE BAVAGLIO

  • Alessandro Ghio

    Da non credere che si debba ancora lottare per queste cose. La democrazia è morta.

  • Alfien

    Vogliamo il travaglio (nel senso del giornalista) non il bavaglio.

  • Charly

    non ho nulla da temere dalle intercettazioni. Chi le ostacola ha scheletri negli armadi

  • vincenzo

    Così si comincia,non permettiamo si creino le premesse di chissà quale avventura.

  • renzo19

    Vogliamo la libertà

  • Alessia

    LIBERA STAMPA IN LIBERO STATO

  • alessandro

    sanzioni non solo in materia di economia ma anche x la libertà di stampa ed informazione.no al bavaglio!

  • Giorgio

    Vogliamo una vera e libera informazione anche SUI DANNI DEI VACCINI!!!

  • Giorgio

    Vogliamo libera informazione anche sui PERICOLI DEI VACCINI.

  • Franco

    Tutti devono sapere tutto!Questa si chiama democrazia nei fatti e non solo a parole come si cerca di “imporre”….

  • Antonio Aroldo

    “Libertà sul Web”!
    Miei carissimi amici internauti!
    Vi sto parlando col cuore in mano!
    Forse avrete già letto qualche mio articolo apparso sul Web!?
    Spero proprio di Si!
    Mi rivolgo direttamente a voi per sottoporre alla vostra attenzione un’idea molto importante che vi ho già descritto, per sommi – capi, in alcuni articoli. Quella, in sostanza, dell’“Assemblea Costituente Internazionale per il Web”! Sarete tutti d’accordo nel dire che il Web, in quanto tale, deve considerarsi “Patrimonio dell’Intera Umanità”!? Se la risposta a questa domanda, come io spero, è affermativa, allora non possiamo permettere che un “Singolo Paese”, come l’Italia, legiferi su una materia così delicata! Il Web, questo è pur vero, è pieno di “Brutture Pedo-Pornografiche” o che incitano all’odio e alla violenza. Tutto ciò, però, deve necessariamente essere eliminato da “Esperti del Settore” e non da persone che, (non vorrei essere offensivo), dovrebbero stare, secondo il parere di molti, in un istituto geriatrico. Per questo motivo mi permetto di lanciare, attraverso il giornale on-line “Caffè News”, una sottoscrizione per concretizzare finalmente l’idea dell’assemblea costituente internazionale per il Web, l’unico organo in grado a mio parere, di far leggi precise e concrete per il mega-mondo che è il World Wide Web.
    Vi prego non lasciatemi solo in questa battaglia che riguarda tutto il nostro mondo che sicuramente molto più libero di una decina di anni fa.
    W il Web!
    Antonio Aroldo

  • Lorenzo Pavez

    La stampa deve essere libera!!!Vogliamo la libertà!!!

  • Antonio Aroldo

    “Libertà sul Web”!
    Miei carissimi amici internauti!
    Vi sto parlando col cuore in mano!
    Forse avrete già letto qualche mio articolo apparso sul Web!?
    Spero proprio di Si!
    Mi rivolgo direttamente a voi per sottoporre alla vostra attenzione un’idea molto importante che vi ho già descritto, per sommi – capi, in alcuni articoli. Quella, in sostanza, dell’“Assemblea Costituente Internazionale per il Web”! Sarete tutti d’accordo nel dire che il Web, in quanto tale, deve considerarsi “Patrimonio dell’Intera Umanità”!? Se la risposta a questa domanda, come io spero, è affermativa, allora non possiamo permettere che un “Singolo Paese”, come l’Italia, legiferi su una materia così delicata! Il Web, questo è pur vero, è pieno di “Brutture Pedo-Pornografiche” o che incitano all’odio e alla violenza. Tutto ciò, però, deve necessariamente essere eliminato da “Esperti del Settore” e non da persone che, (non vorrei essere offensivo), dovrebbero stare, secondo il parere di molti, in un istituto geriatrico. Per questo motivo mi permetto di lanciare, attraverso il giornale on-line “Caffè News”, una sottoscrizione per concretizzare finalmente l’idea dell’assemblea costituente internazionale per il Web, l’unico organo in grado a mio parere, di far leggi precise e concrete per il mega-mondo che è il World Wide Web.
    Vi prego non lasciatemi solo in questa battaglia che riguarda tutto il nostro mondo che sicuramente molto più libero di una decina di anni fa.
    W il Web!
    Antonio Aroldo

  • Antonio Aroldo

    “Libertà sul Web”!
    Miei carissimi amici internauti!
    Vi sto parlando col cuore in mano!
    Forse avrete già letto qualche mio articolo apparso sul Web!?
    Spero proprio di Si!
    Mi rivolgo direttamente a voi per sottoporre alla vostra attenzione un’idea molto importante che vi ho già descritto, per sommi – capi, in alcuni articoli. Quella, in sostanza, dell’“Assemblea Costituente Internazionale per il Web”! Sarete tutti d’accordo nel dire che il Web, in quanto tale, deve considerarsi “Patrimonio dell’Intera Umanità”!? Se la risposta a questa domanda, come io spero, è affermativa, allora non possiamo permettere che un “Singolo Paese”, come l’Italia, legiferi su una materia così delicata! Il Web, questo è pur vero, è pieno di “Brutture Pedo-Pornografiche” o che incitano all’odio e alla violenza. Tutto ciò, però, deve necessariamente essere eliminato da “Esperti del Settore” e non da persone che, (non vorrei essere offensivo), dovrebbero stare, secondo il parere di molti, in un istituto geriatrico. Per questo motivo mi permetto di lanciare, attraverso il giornale on-line “Caffè News”, una sottoscrizione per concretizzare finalmente l’idea dell’assemblea costituente internazionale per il Web, l’unico organo in grado a mio parere, di far leggi precise e concrete per il mega-mondo che è il World Wide Web.
    Vi prego non lasciatemi solo in questa battaglia che riguarda tutto il nostro mondo che sicuramente molto più libero di una decina di anni fa.
    W il Web!
    Antonio Aroldo

  • rosalba

    vorrei che quest’incubo finisse presto

  • leopoldo attolico

    La politica è moribonda . Esiste solo la società civile . Diamoci sotto !

  • romano

    Ma questo qui,non aveva nient’altro da fare,invece di mettersi in politica?…

  • giuseppe martini

    …ma quando ci svegliamo e prendiamo i forconi????

  • Roby

    Stiamo tornando indietro,anzi ancora peggio,per lo meno in al tempo vi erano servizi garantiti (istruzione,sanita,trasporti,sicurezza etc.) questa e’ pura dittatura,questi parassiti, fanno tutto quello che vogliono……che schifo,l’Italia e’ la barzelletta dell’Europa…..grazie parassiti

  • ignazio

    E’ ora di mandare a case tutti i politici corrotti che fan no i loro interessi e non quelli dell’ Italia e di avere liberata’ di tampa come in tutti i paesi democratici

  • elisa

    nessuno mi deve impedire di sapere cosa succede intorno a me. voglio essere informata su tutto e SEMPRE

  • giuseppe

    non se ne puo’ piu’ di questo premier .la cosa piu’ grave e, che ci ha fatto diventare i figli dei coglioni

  • Paolo

    FAcciamo saltare in aria il parlamento…cosi cominciamo da 0…ci sono troppi interessi perchè cambi qualche cosa!

  • Sandra

    Chi non ha nulla da temere può farsi intercettare 24 ore su 24

  • Gabriele

    cara ragazzi, far girare queste notizie (peraltro lodevole cosa) serve purtroppo a far girare le palle e a farci indignare per il tempo di leggerle (anche se il ricordo ci segue per un pò) A mio modesto parere l’indignazione in noi deve essere profonda e durevole, perché profonde e durevoli sono le ingiustizie che tutti noi subiamo e più siamo deboli (come classe sociale) più ne subiamo. Cosa fare? Io ho iniziato da un pò di tempo a compiere atti di disobbedienza civile, non voto ad esempio, non compilerò il censimento ecc. Non mi riconosco più in questo modello di società, sono pronto ad unirmi a qualsiasi tipo di rivolta non violenta atta a sovvertire lo stato dello cose al di là di qualsiasi colorazione politica possa avere perché, la colorazione politica divide, e questa (la divisione) è il più grosso errore che si possa commettere…. Alla fine ti tutto questo discorso voglio augurare, a chi ci crede, di trovare unità e voglio anche augurare a chi non ci crede di cambiare la propria opinione. Lo so, siamo italiani e siamo individualisti, ma continuando così tra poco non saremo nemmeno più italiani!!!

  • Tina

    Io non ho nulla da nascondere e non voglio una legge bavaglio. E’ mio diritto sapere chi è delinquente e chi no e tu Berlu, con la tua corte di servi, devi pagare davanti alla Legge.

  • daniela

    rimandiamoli nelle loro fogne !!!!

  • Christian

    Il bavaglio bisogna metterlo sulla bocca a berlusconi e alla sua gang.

  • vito

    un innumerevoli leggi antidemocratiche stanno passando tranquillamente dal parlamento,senza che nessuno abbia il coraggio o la capacità di respingerle al mittente, chi le firma e di conseguenza le approva e diventano leggi esecutive……..???

  • Guido

    Mi sentivo fortunato per essere nato dopo la guerra, fuori dal fascismo, in un’epoca di relativo benessere. Sono passati soltanto cinquant’anni e bisogna ricominciare a lottare.
    Ora e sempre, resistenza.

  • michela

    libertà!

  • gianfranco

    Abbasso questo lurido governo liberticida.

  • gianfranco

    abbasso questo governo liberticida e furfante.

  • gianfranco

    carogne, tornate nelle fogna di arcore.

  • da bari daniele29

    …mettere il bavaglio vuol dire dare campo libero a chi per professione e per vocazione, DELINQUE.

  • Luca

    rendiamoci conto che l’unione europea è una truffa! non farà mai nulla contro il regime italiano ma firmo lo stesso, per quel che vale…

  • Sergio

    Libertà di stampa. Libertà di informazione. E’ tutto quel che si chiede, il minimo per un paese democratico.

  • Monica

    Non basta non dover portare un velo per essere liberi

  • Laura

    Questa legge è sbagliata, in un libero stato democratico tutto deve essere trasparente e tutto deve essere messo alla luce del sole, se c’è qualcuno che vuole occultare, e insabbiare, ma soprattutto vuole togliere i diritti fondamentali dei cittadini, beh questo qualcuno deve tornare da dove è venuto e lasci libero il suo posto e soprattutto lasci libero lo stato.

  • giampiero

    Come si gridava negli anni ’70 vietato vietare

  • giampiero

    malfattori, banditi, truffatori,MAFIOSI

  • Giuseppe

    Libera stampa in libero Stato! Intercettateci tutti, tanto non abbiamo nulla da nascondere!!!

  • andrea

    Da tempo hanno esaurito la fantasia per ingannare….gli è rimasta solo la prepotenza!Adesso sono loro a prendersi il boomerang!

  • stefano

    mummieeeeeee!!!!!!!!tutti a casa,corrotti e venduti dal primo all’ultimo.Vergognatevi della figura che voi ci costringete a fare con il resto del mondooooo,cozze attaccate alla poltrona.W movimento 5 stelle …..stiamo arrivando!!!!!!!!

  • enrico

    bisogna lottare e mandarli tutti a casa. Questa classe politica ha veramente stancato, c’è Bossi che sa fare solo le pernacchie e quando parla sa dire solo Roma ladrona, poi quando c’è da votare per mandare in galera un parlamentare vota contro. La sinistra quando c’è da affondare B. non lo fa mai,e il governo continua a prenerci per i fondelli. Ora basta bisogna lottare per evitare di fare la fine dell’Argentina. CACCIAMOLI TUTTI

Valigia Blu - I contenuti di questo sito sono utilizzabili sotto licenza cc-by-nc-nd