Post

Scozia, la protesta blocca un raid anti-immigrati della polizia britannica: “Sono i nostri vicini, lasciateli andare”

14 Maggio 2021 4 min lettura

author:

Scozia, la protesta blocca un raid anti-immigrati della polizia britannica: “Sono i nostri vicini, lasciateli andare”

3 min lettura

Giovedì mattina, giorno del giuramento del nuovo parlamento scozzese, circa 200 persone sono scese in strada a Kenmure Street, nel quartiere Southside di Glasgow, una delle zone più multiculturali della città, per protestare contro l'arresto di due immigrati indiani. I due uomini erano stati prelevati dalla loro abitazione dagli ufficiali dell'Immigration Enforcement, l'autorità britannica del Ministero degli Interni, responsabile dell'applicazione della legge sull'immigrazione in tutto il Regno Unito, e fatti salire in un furgone per essere portati via. La folla di residenti ha però circondato la vettura gridando «questi sono i nostri vicini, lasciateli andare», «nessuno è illegale». Uno dei manifestanti si è sdraiato sotto il furgone per impedirgli di partire. Sul posto sono poi arrivati anche decine di agenti della polizia scozzese.

Dopo uno stallo durato quasi otto ore, i due uomini – arrestati per sospetta violazione delle leggi sull'immigrazione, ha dichiarato il Ministero degli Interni britannico – sono stati rilasciati su cauzione, tra gli applausi dei manifestanti presenti. Uno dei vicini dei due uomini arrestati e poi rilasciati ha detto a Sky News che la solidarietà manifestata in questa occasione «mostra che la comunità non sopporterà che i loro vicini vengano trascinati via dalle loro case».

La polizia scozzese – che in precedenza aveva sottolineato di essere arrivata sul posto, dopo una telefonata da parte dell'IE, per sorvegliare la protesta e di non fornire assistenza nell'allontanamento dei richiedenti asilo – ha comunicato che "al fine di tutelare la sicurezza, la salute pubblica e il benessere di tutte le persone coinvolte nella detenzione e nella successiva protesta a Kenmure Street, a seguito di un'adeguata valutazione dei rischi, ha deciso di rilasciare nel frattempo gli uomini detenuti dagli ufficiali britannici dell'IE".

Sulla vicenda è intervenuta la prima ministra scozzese, leader del partito nazionalista e membra del Parlamento Scozzese per la circoscrizione di Glasgow Southside, Nicola Sturgeon che, in una serie di tweet, ha dichiarato innanzitutto di non essere d'accordo con la politica sull'immigrazione portata avanti dal Ministero degli Interni britannico e definito l'azione degli ufficiali dell'IE "inaccettabile": "Agire in questo modo, nel cuore di una comunità musulmana mentre celebrava l'Eid, in un'area in cui si sta avendo un focolaio di Covid, è un rischio per la salute e la sicurezza". Il riferimento della prima ministra è all'Eid al-Fitr, cioè la celebrazione che nell'Islam segna la fine del mese sacro del Ramadan nell'Islam, e al fatto che la protesta iniziata dopo l'arresto si è svolta in una parte di Glasgow che sta registrando un picco di casi legati alla cosiddetta "variante indiana".

Sturgeon ha inoltre affermato di aver chiesto assicurazioni al governo del Regno Unito che "situazioni così pericolose" non si verifichino mai più, specificando di essere orgogliosa "di rappresentare un collegio elettorale e guidare un paese che accoglie e mostra sostegno a richiedenti asilo e rifugiati". Anche diversi politici scozzesi hanno espresso solidarietà ai residenti sui social media. Su Twitter, durante la protesta, Paul Sweeney, un parlamentare laburista, ha invitato i cittadini di Glasgow a recarsi sul posto per dimostrare il loro sostegno.

Da parte sua il Ministero dell'Interno britannico ha definito l'operazione condotta a a Kenmure Street legittima e affermato che continuerà ad affrontare "l'immigrazione illegale in tutte le sue forme", specificando che "il nuovo piano per l'immigrazione deciso dal governo "accelererà l'allontanamento di coloro che sono entrati illegalmente nel Regno Unito". Intervistata dal Guardian, Wafa Shaheen, del Consiglio scozzese per i rifugiati, ha detto: "Indipendentemente dallo status di immigrazione delle persone prese di mira oggi, questo pugno di ferro da parte del Ministero degli Interni è inutile ed evitabile. È spaventoso, intimidatorio e sproporzionato. Le centinaia di persone per strada questa mattina in solidarietà con le persone coinvolte mostrano che la gente in Scozia è stanca e ne ha avuto abbastanza".

Foto in anteprima via @david_millar

Iscriviti alla nostra Newsletter


Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore