Post

Polpo di scena. Le mirabolanti inchieste del TG1!

11 Luglio 2010 2 min lettura

author:

Polpo di scena. Le mirabolanti inchieste del TG1!

1 min lettura

Da settimane prosegue la ormai celebre saga del novello Nostradamus, il polpo Paul, oracolo di Oberhausen in Germania, unico animale ad esser riuscito a mettere in crisi le agenzie di scommesse scegliendo di cenare da una scatola piuttosto che da un'altra. Sempre grandi spazi gli sono stati riservati dall'informazione italiana, sempre dedita a trovare nuovi dettagli scandalistici pur di parlarne. 

 
Ed ecco che il tg1 è partito in quarta nel tentare di capire se la pronuncia esatta del nome del polpo, nato in Inghilterra e trasferitosi in Germania, fosse “Paul” o “Poul”, ma dopo le notte insonni degli spettatori che si ponevano l'amletico dubbio arriva la notizia shock, il polpo è italiano, lo dice il sito ufficiale in prima pagina, ne parla il conduttore in studio nell'edizione delle 13.30: è stato pescato nelle acque dell'isola d'Elba. 
 
Si parla già di biografia ufficiale e non ufficiale, di anni di nascita diversi, versioni che non coincidono e le donna della sua vita, l'istruttrice, azzarda già uno scambio involontario di animali. L'amo è stato lanciato, il tg1 con una grande inchiesta è riuscito a scoprire il luogo di origine del polpo ribattezzato Paolo, le indagini continuano, il tg2 smentisce, ma i suoi fan di facebook già rilanciano un nuovo nome, Pablo.

Aggiornamento 12 luglio: il tg1 non molla e prosegue con le sue indagini da vero cane da guardia del potere: anche Zapatero è intervenuto per proteggere il polpo, ipotizzando una concessione di asilo politico per salvarlo dalla padella, mentre nel frattempo spuntano 5 fratelli pescati contemporaneamente dalla ormai mamma istruttrice. Si infittisce invece il mistero sullo scambio con il polpo del 2008 che sbagliò il risultato della finale, ma il tg1 ne è certo “sbagliare non è roba da Paul”.

Paolo Agnelli
©valigia blu - riproduzione consigliata

Iscriviti alla nostra Newsletter

  Consenso all’invio della newsletter: Dai il tuo consenso affinché Valigia Blu possa usare le informazioni che fornisci allo scopo di inviarti la newsletter settimanale e una comunicazione annuale relativa al nostro crowdfunding.
Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore