Post

Il Buongiorno di Gramellini a Valigia Blu

5 Settembre 2011 2 min lettura

author:

Il Buongiorno di Gramellini a Valigia Blu

1 min lettura
Due giorni fa Matteo aveva scritto  un post di risposta al Buongiorno di Massimo Gramellini, vice-direttore de La Stampa, dedicato al pane quotidiano.

E ieri Gramellini, che è un grande, ci ha risposto :D

***

Caro Matteo,

ti ho letto con molto interesse e totale partecipazione. Penso ci sia stato un equivoco, dovuto a una mancanza di chiarezza da parte di mia. Quando scrivevo di quelli che “passano 8 ore al computer a fare non si sa cosa”, non alludevo a chi sta a casa a googlare, ma al tipo di lavoro dell’agente di Borsa, da me citato qualche riga più sopra.Il tema del mio articolo non era la gioventù schizzinosa (ho scritto decine di Buongiorno in difesa dei giovani che non trovano lavoro, e di recente ho pubblicato la commovente lettera di una delle loro madri). Mi interrogavo invece sulle ragioni per cui vengono disprezzati socialmente i lavori che producono oggetti concreti. In cui, cioè, si può vedere immediatamente il risultato della propria fatica.

Forse sono condizionato dalla mia totale assenza di manualità, che mi ha sempre portato a invidiare più un idraulico che uno scienziato…

Sogno un mondo dove manualità non sia sinonimo di abbruttimento. E penso che la conoscenza di un mestiere specifico, qualunque esso sia, possa offrire più chance di lavoro e anche di gratificazione personale.

Non sto dicendo che tutti gli europei debbano tornare ai mestieri manuali e alla coltivazione della terra, anche se è indubbio che – per il combinato disposto (e nefasto) di internet e globalizzazione - oggi un’azienda preferisca utilizzare un ingegnere indiano, che è altrettanto bravo di uno italiano, costa la metà, e anche se vive a New Delhi può lavorare via mail.

Credo che in futuro potranno permettersi un lavoro “intellettuale” solo quelli che avranno la capacità di inventarsi qualcosa di nuovo nei settori dove all’Italia viene ancora riconosciuto un ruolo d’eccellenza e soprattutto di unicità: la cultura, il turismo, la moda.

Un caro saluto e i miei migliori auguri per tutto.

Massimo Gramellini
@valigia blu - riproduzione consigliata

Iscriviti alla nostra Newsletter

  Consenso all’invio della newsletter: Dai il tuo consenso affinché Valigia Blu possa usare le informazioni che fornisci allo scopo di inviarti la newsletter settimanale e una comunicazione annuale relativa al nostro crowdfunding.
Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore