Il post razzista sul “rifugiato senza biglietto” diventa virale: un linciaggio pubblico spaventoso e la storia era pure falsa

[Tempo di lettura stimato: 5 minuti]

Ieri mattina Luca Caruso, un passeggero diretto da Roma a Milano, ha pubblicato sul proprio profilo Facebook una foto visibile a tutti gli utenti del social network, accompagnata da un lungo testo in cui raccontava un episodio a cui aveva assistito durante il tragitto. La fotografia ritraeva un ragazzo nero immortalato nel momento in cui la capotreno stava chiedendo il titolo di viaggio. Per tentare di rendere non riconoscibile la persona ritratta nella foto, Caruso aveva applicato dei pallini bianchi per oscurare gli occhi (ma la persona rimaneva riconoscibile. Il volto nella foto è stato oscurato da noi). Un post che è diventato in pochissime ore virale e che sin da subito ha portato al linciaggio pubblico non solo della persona fotografata, ma virtualmente di tutte le persone immigrate nel nostro paese, scatenando sentimenti di odio e commenti razzisti e violenti. La storia risulterà falsa come vedremo, ma il punto non è quello quanto piuttosto questi atteggiamenti apertamente razzisti che alimentano odio e ostilità verso "l'altro". Anche se la storia fosse stata vera, quel post, le intenzioni di quel post, i commenti che ha scatenato - senza alcuna moderazione - vanno stigmatizzati e respinti, è stata sdoganata una forma aperta e quasi autocompiacente di razzismo di cui come società dobbiamo farci carico e che dobbiamo contrastare con ogni mezzo.

Nel testo che accompagnava l'immagine Caruso forniva importanti dettagli per contestualizzare l'accaduto di cui lui era stato testimone oculare:

  • La scena si è svolta di lunedì mattina, sul treno Frecciarossa 9608 del 12 febbraio 2018, partito da Roma Termini e diretto a Milano Centrale (ndr il treno parte ogni giorno da Napoli alle ore 6.10, ferma a Roma alle 7.20, a Bologna alle 9.25 prima di arrivare a Milano alle 10.29).
  • L'uomo ritratto nella foto stava viaggiando sul Frecciarossa con un biglietto per un Interregionale, non parlava italiano, era sprovvisto di documenti e denaro, non aveva bagagli con sé, ma possedeva uno smartphone Samsung S8.
  • Quando si è avvicinata la capotreno ("minuta, esile e giovane, nonché educatissima"), l'uomo che, secondo quanto scritto da Caruso, fino a un attimo prima stava parlando al cellulare, ha abbassato il berretto sugli occhi e ha fatto finta di dormire.
  • Nel momento in cui ha accertato che il passeggero era sul treno sbagliato, la capotreno non ha potuto fargli la contravvenzione perché l'uomo non aveva documenti con sé che permettessero di rilevarne l'identità.

Morale della favola? Quanto accaduto, concludeva Caruso, era "l’esempio lampante della totale assenza di certezza della pena che il nostro paese ha regalato a queste persone che non sono più disponibile a chiamare 'rifugiati'. L'uomo arriverà a Milano, viaggiando su un posto che costa 86€, con 4€. Impunemente. Senza poter sperare che gli facciano neppure in una multa, perché tanto quando l’avrebbe pagata?". Caruso ci teneva a precisare che il suo non era un post razzista, ma poche righe dopo associava quanto accaduto sul treno alla triste sorte di Pamela Mastropietro, "barbarizzata e vilipesa da gente che senza diritto e senza motivo ha varcato l’uscio di casa nostra, perché la porta era ed è spalancata. Senza regole. Senza alcuna sicurezza". Questa associazione tra fatti così lontani ed evidentemente non connessi tra di loro diventava il pretesto narrativo per parlare dell'arrivo in Italia di persone che non meriterebbero di essere accolte:

Questo sta andando a Milano senza alcun bagaglio. Non ha pagato un biglietto e dice di non avere soldi. Non parla la nostra lingua.
Parlano di integrazione. Di comprensione. Di accoglienza.
Ci prendono per il culo e noi li tolleriamo.
E ora mi raccomando scannatevi tra “razzista” e “buonista” eh....

Taccio.

Leggendo le reazioni suscitate dal post, Caruso ha più volte nel corso della giornata modificato il contenuto, sostituendo la fotografia iniziale (nella versione finale con i pallini bianchi sugli occhi), rendendo più sfumate alcune affermazioni

"La signora delle Ferrovie gli ha chiesto un documento per poter elevare la contravvenzione, ma ovviamente ne è sprovvisto" è diventato "La signora delle Ferrovie gli ha chiesto un documento per poter elevare la contravvenzione, ma ne è sprovvisto"

"Ma lui ha detto di non aver soldi (smartphone Samsung S8)" è diventato "Aveva con sé solo lo smartphone da cui guardava un film... aveva un Samsung...S8? Vabbè, indifferente"

e aggiungendo un commento finale che spiegasse il senso delle sue affermazioni:

- Prima che dimostriate di non aver letto il post per quello che è, accusando che sia un post razzista, riflettete.

- E ora mi raccomando scannatevi tra “razzista” e “buonista” eh....

- Questo signore (non mi importa il colore della sua pelle)

- Ho dovuto mio malgrado accettare offese, accuse, minacce, e tutto per aver descritto un fatto accaduto e preso posizione manifestando il mio pensiero come da diritto costituzionale.
Il fatto che la foto ritragga una persona di diversa cultura (“di colore”, questo sì è razzismo) NON DEVE E NON PUÒ IMPEDIRE A NESSUNO di esprimere il proprio pensiero.
Perché contrariamente a quanto cantato per le Foibe, a me le violenze fanno schifo tutte.
Mi avete costretto a dover spiegare il mio post per evitare fraintendimenti, lasciatemi dire che avete fallito. Ed io con voi.

Nel corso della giornata il post diventa virale, ricevendo 120mila like, più di 70mila condivisioni e migliaia di commenti, alcuni di richiesta di ulteriori elementi per verificare quanto raccontato, la stragrande maggioranza offensivi, razzisti contro gli immigrati (che "arrivano senza controlli in Italia", "approfittano della nostra accoglienza" e "possono vivere al di sopra e al di fuori della legge") nei cui confronti "non si deve avere pietà" e "vanno riaperte le camere a gas", portando al linciaggio pubblico di un uomo, parzialmente riconoscibile nella foto pubblicata e di cui non si sapeva nulla se non quanto raccontato da Caruso sul suo profilo Facebook.

Alcuni commenti critici hanno evidenziato la possibilità che la foto fosse passabile di denuncia perché la persona era identificabile e la pubblicazione non era autorizzata, altri hanno messo in discussione il racconto stesso, facendo notare che, stando all'orario della foto postata, lungo quella tratta, subito dopo il controllo ci sarebbe stata la fermata di Bologna e, come da prassi nei casi di passeggeri sprovvisti di biglietto, il controllore avrebbe dovuto far scendere l'uomo alla prima fermata disponibile. Bologna, appunto. Inoltre, come accade quando si è in presenza di passeggeri senza documenti e titoli di viaggio validi, la capotreno avrebbe dovuto chiamare la polizia ferroviaria. Tutti aspetti che l'autore del post ha omesso di specificare. Anzi, Caruso ha iniziato a eliminare i commenti e le osservazioni di chi segnalava questo tipo di incongruenze. Noi stessi, con Arianna Ciccone, abbiamo posto delle domande, successivamente cancellate da Caruso:

1) Sai che la foto è passibile di denuncia visto che la persona non ha autorizzato alla pubblicazione della foto ed è riconoscibile (anche se hai modificato la foto sostituendola rispetto alla prima versione con questa foto con gli occhi in parte coperti da pallini)?

2) Sei sicuro del racconto che hai fatto? Perché in base all'orario della pubblicazione del tuo post lungo quella tratta subito dopo ci sarebbe stata la fermata Bologna. Ho sentito le Ferrovie dello Stato e presumibilmente il controllore avrà fatto scendere la persona sprovvista di biglietto lì. Se poi la persona è priva di documenti ed è senza biglietto per prassi il controllore chiama la polizia.

3) Come mai hai cambiato versione sul tipo di cellulare tre volte?

Trenitalia, da noi contattata per avere un riscontro di quanto accaduto, ci ha inviato la relazione ufficiale della capotreno, che smentisce la versione raccontata da Caruso su Facebook: è vero, il passeggero non parlava italiano, il suo inglese era stentato ed era sprovvisto di documenti, ma aveva con sé due biglietti, quello mostrato in un primo momento, non valido per un Frecciarossa, e un secondo, presentato successivamente, idoneo per il treno 9608. La storia raccontata da Caruso era dunque falsa.

Nel frattempo, col passare delle ore, di fronte al proliferare di commenti critici o razzisti, Caruso ha iniziato a restringere la privacy del proprio profilo e successivamente ha rimosso il post. Restano, però, impressi i commenti razzisti, il linciaggio pubblico e la sensazione di una situazione esplosiva sempre più prossima ad accendersi per la benzina gettata irresponsabilmente - bacheche Facebook incluse.

Iscriviti alla nostra Newsletter

  Consenso all’invio della newsletter: Dai il tuo consenso affinché Valigia Blu possa usare le informazioni che fornisci allo scopo di inviarti la newsletter settimanale e una comunicazione annuale relativa al nostro crowdfunding.
Come revocare il consenso: Puoi revocare il consenso all’invio della newsletter in ogni momento, utilizzando l’apposito link di cancellazione nella email o scrivendo a info@valigiablu.it. Per maggiori informazioni leggi l’informativa privacy su www.valigiablu.it.
Segnala un errore

LINEE GUIDA AI COMMENTI