Migranti: continua la strage silenziosa | Putin, la Siria e le armi nucleari | Rientro dei capitali: in 130mila dicono sì

[Tempo di lettura stimato: 3 minuti]

Oggi in Rassegna blu: Continua la "strage silenziosa" di migranti. In Grecia affonda un barcone: 11 migranti sono morti di cui 5 bambini. | Rientro capitali dall'estero: in 130mila aderiscono alla "collaborazione volontaria"| Giustizia o giustizieri? A Padova due giovani feriti da un uomo che li aveva scambiati per ladri | Afghanistan: attacco talebano all'aeroporto di Kandhar | Putin e le armi nucleari in Siria

✔ Grecia, affonda barcone: 11 migranti morti di cui 5 bambini. Fondazione Migrantes: "Una strage silenziosa"

Questa mattina, davanti alle coste della Turchia, un barcone carico di migranti è affondato vicino all'isola greca di Farmakonissi. Si contano almeno 11 persone morte, tra cui 5 bambini. Mentre i dispersi sono 13. La Guardia Costiera ha detto che a bordo del barcone c’erano in totale una cinquantine di persone.

L’arrivo dei superstiti. via Repubblica.i
L’arrivo dei superstiti. via Repubblica.i

Ieri altri sei bambini afgani sono morti durante il tragitto per riuscire a raggiungere l’isola greca di Chio, dopo che il barcone che li trasportava è affonadata. I dati della fondazione Migrantes raccontano una realtà drammatica. Ha detto infatti Monsignor Gian Carlo Perego, direttore generale della fondazione:

Continua una strage silenziosa nel Mediterraneo, con i morti che sono più che raddoppiati nel 2015 rispetto al 2014: da 1600 a oltre 3200. Continuano le morti di bambini, dimenticate: oltre 700 dall'inizio dell'anno

 ✔ Rientro dei capitali: "130mila adesione, quasi 4 miliardi di incassi"

Al 30 novembre scorso sono state 130mila le adesioni alla procedura di collaborazione volontaria (detta “Volontary Discoluser”). L’operazione è servita a far emergere i capitali detenuti (illegalmente) all'estero. In questo modo lo Stato ha raccolto un gettito di oltre 3,8 miliardi di euro, con il valore delle attività emerse pari ad oltre 59,5 miliardi.

via La Cronaca italiana
via La Cronaca italiana

Andrea Iannuzzi ha commentato su Facebook che sì «su questi capitali i contribuenti pagheranno tutte le tasse dovute con relativi interessi, ma avranno uno sconto significativo sulle sanzioni»: «Però 130 mila (di cui la metà in Lombardia) sono tanti, sono un medio capoluogo di provincia italiano. E insomma poi penso che anche a questi 130 mila verrà tolta l'Imu sulla prima casa, e che ai loro figli 18enni verrà dato il bonus "culturale" da 500 euro. E un po' mi incazzo».

✔ Giustizia o giustizieri? Due giovani feriti da un uomo che li aveva scambiati per ladri

Tragedia sfiorata a San Giorgio delle Pertiche, vicino Padova. Due giovani, che si erano appartati, sono finiti all'ospedale per le ferite riportate a seguito del colpo sparato da un uomo, che di ritorno da una battuta di caccia alle nutrie, li aveva scambiati per ladri. L’uomo che ha sparato, 54 anni, è stato denunciato dai carabinieri.

Questo episodio fa sorgere ancora più dubbi sulle ipotesi di ampliamento della legittima difesa e fa riflettere su quanto, in alcune occasioni, sia sottile il confine con la giustizia fai-da-te.
Perché si possa parlare di legittima difesa – ha scritto Bruno Saetta su Valigia Blu – ci deve essere un pericolo attuale – cioè si deve essere minacciati in quel momento – e deve esserci proporzione tra offesa e difesa e tra le armi utilizzate. In assenza di questi criteri, non si può parlare di legittima difesa:

Spetta allo Stato difendere i cittadini e le sue proprietà? Oppure è lecito arrangiarsi da soli? Ognuno per sé? Di fatto sarebbe la deresponsabilizzazione dello Stato che sostanzialmente ammette la sua incapacità di fare il suo lavoro: da un lato reprimere gli illeciti e difendere i cittadini onesti, e dall'altro rimuovere le condizioni di degrado sociale che portano alla delinquenza.
Un ampliamento della legittima difesa sarebbe nient'altro che l'ennesimo arretramento dello Stato, uno Stato sempre più ridotto nelle sue funzioni, che delega ai privati qualsiasi cosa, sarebbe la privatizzazione della giustizia con delega del diritto di uccidere (un diritto che nemmeno lo Stato si riserva). Una giustizia senza processo. E senza sentenza.

 ✔ Afghanistan: attacco talebano all'aeroporto di Kandhar

Il Ministero della Difesa afghano ha comunicato che 37 persone, tra civili e membri delle forze di sicurezza, sono morte durante l'attacco lanciato ieri dai Talebani all'aeroporto della città di Kandahar, nel sud del paese. Prima dell'assalto all'aeroporto erano stati compiuti due attentati suicidi in una stazione di polizia della città. L'attacco all'aeroporto a Kandahar coincide con l'inizio della conferenza regionale per la sicurezza, in Pakistan, dove il presidente afgano Ashraf Ghani ha chiesto maggiore aiuto ai paesi vicini nella lotta contro l'insorgenza talebana.

 ✔Putin e le armi nucleari in Siria

Il presidente russo Vladimir Putin, commentando la situazione militare in Siria durante un incontro al Cremlino con il ministro della Difesa Sergey Shoigu, ha dichiarato: «spero che non siano necessarie armi nucleari». Le parole di Putin, così come riportate dal canale russo RT, sono le seguenti:

Dobbiamo certamente analizzare tutto quello che sta succedendo sul campo di battaglia, come le armi funzionano. Sia i missili Kalibr che i KH-101 stanno generalmente dimostrando risultati molto buoni. Vediamo che queste sono armi di alta precisione nuove, moderne e molto efficienti, che possono essere equipaggiate con testate convenzionali o nucleari. Naturalmente non abbiamo bisogno di queste nella lotta contro i terroristi e spero che non ne non avremo mai bisogno.

Segnala un errore
LINEE GUIDA AI COMMENTI