Cosa pensano i lettori di Valigia Blu. Ecco le risposte

[Tempo di lettura stimato: 6 minuti]

A un anno dal crowdfunding, che ci ha permesso di potenziare qualità e quantità delle nostre pubblicazioni, abbiamo chiesto a chi ci ha sostenuto e a chi ci segue di valutare la nostra attività informativa, di esprimere critiche, di proporre idee e suggerimenti per migliorare.

La partecipazione è stata alta, oltre le nostre aspettative e questo ci ha riempito di gioia. Tra il 19 e il 30 settembre, ben 712 persone hanno dedicato una piccola parte della propria giornata per rispondere alle domande – alcune molto tecniche, lo sappiamo – del questionario che abbiamo proposto. Ma, soprattutto, ci ha fatto piacere vedere i tantissimi messaggi di sostegno, di suggerimenti, di critiche che ci sono arrivati, nonostante si trattasse di domande facoltative a cui non era obbligatorio rispondere. Segno della volontà di essere parte attiva di un percorso.

Il questionario permetteva a chi partecipava di valutare diversi aspetti della nostra attività, dall’utilizzo di diversi formati e piattaforme informative alla moderazione dei commenti, esprimere le proprie esigenze informative, raccontare la propria percezione (e alla luce di quella formulare critiche e suggerimenti) di Valigia Blu.

Questa indagine è stata svolta utilizzando il sito Surveymonkey.

Quanto sei soddisfatto di Valigia Blu?

I partecipanti potevano esprimere una valutazione da 1 a 5, dove 1 costituiva il valore più basso ("per niente soddisfatto") e 5 quello più alto ("del tutto soddisfatto"). Il risultato ottenuto è stato 4,69.

N.B.: L'impostazione di default del grafico mostra una scala da 1 a 10. Noi abbiamo chiesto, invece, di indicare valori tra 1 ("Per niente soddisfatto") e 5 ("Del tutto soddisfatto").
N.B.: L'impostazione di default del grafico mostra una scala da 1 a 10. Noi abbiamo chiesto, invece, di indicare valori tra 1 ("Per niente soddisfatto") e 5 ("Del tutto soddisfatto").

Nel complesso il lavoro di Valigia Blu è stato ritenuto quasi ottimo per indipendenza e qualità dei contenuti, buono per imparzialità, formati scelti per fare informazione, ampiezza dei temi trattati, la gestione e moderazione dei commenti e la frequenza delle pubblicazioni.

qualita-complessiva-lavoro-vb

In particolare, abbiamo poi chiesto di valutare l'efficacia dei formati informativi utilizzati da Valigia Blu per fare informazione: gli approfondimenti tematici sul nostro sito, l’aggregazione di contenuti sulla nostra pagina Facebook, articoli di selezione, aggregazione e verifica dei contenuti su Medium, la realizzazione di piattaforme partecipative con storie segnalate dai lettori sui migranti, le unioni civili e il referendum costituzionale, i nostri approfondimenti in formato long form, i video nativi su Facebook, le card e le infografiche, i quiz a risposta multipla, la newsletter per essere informati ogni settimana.

Chi ha risposto aveva 5 opzioni con indice di gradimento da 1 (per niente) a 4 (del tutto) più la possibilità di indicare la risposta “non saprei”, nel caso in cui non si fosse a conoscenza dei format su cui erano chiamati a esprimersi.

In media, i format utilizzati sono stati valutati in tutti i casi “abbastanza efficaci”. In particolare sono risultati più efficaci gli articoli di fact-checking (“del tutto efficaci” per il 68% dei partecipanti), i “Cosa sappiamo/cosa non sappiamo” su Medium (58,3%), gli approfondimenti tematici sul sito (55,2%) e i post direttamente sulla pagina Facebook (54,6%). Il 40% non ha saputo esprimere una valutazione sull’utilizzo della newsletter, probabilmente perché non era a conoscenza dell’esistenza. Sono richiesti più articoli di fact-checking, card e infografiche e approfondimento sul sito.

Per quanto riguarda la moderazione dei contenuti, infine, i lettori sono più che soddisfatti del tono della moderazione, del rispetto dell’opinione e della parità del trattamento dei lettori, della qualità delle risposte, della frequenza della moderazione.

Critiche e suggerimenti costruttivi

Chi alla prima domanda ha risposto di essere "per niente" o "parzialmente" soddisfatto (per i valori 1 e 2) di quanto fatto da Valigia Blu in questo primo anno di attività, poteva esprimere i propri dubbi o perplessità e spiegare il motivo della propria insoddisfazione in una domanda aperta facoltativa. Sebbene solo il 2% delle risposte sia stato negativo, per noi sono commenti importanti altrettanto quanto quelli positivi.

Talora percepisco l'adesione o la vicinanza a campagne politiche (non su argomenti riguardanti media e giornalismo) per questo non riesco a vedervi completamente "neutri": molte battaglie (non tutte) le condivido, ma questo aspetto forse limita la vostra efficacia. In ogni caso complimenti per il grande e stupendo lavoro che fate

Quando le testate fanno bei pezzi vi inglobate i testi, ci fate traffico e poi in fondo mettete il link

La mediazione su Facebook necessita secondo me di un tono più neutro e più professionale, nonostante la natura colloquiale del medium in questione

Non ho mai trovato che aveva una qualche linea editoriale di valore. In altre parole non sono io a dire perché non sono soddisfatto ma siete voi a interessarmi. E al momento non trovo gli argomenti di Valigia Blu e l'approfondimento che tratta interessanti. Non ricordo un solo articolo di Valigia Blu che ho letto con interesse e ho condiviso

Pubblica pochi contenuti originali. Un articolo ogni 2 o 3 giorni

In un'altra domanda abbiamo chiesto di suggerire in massimo 500 caratteri dove e come Valigia Blu debba crescere. Le risposte hanno puntato su aspetti diversi, dalla tipologia di contenuti ai formati informativi da sperimentare e utilizzare, dall'etica del lavoro (ci è stato chiesto di rimanere indipendenti, neutrali e obiettivi) all'esigenza di rafforzare un progetto che favorisca la partecipazione di lettori che non si sentono solo lettori. C'è stato chi ha formulato delle critiche indicandoci come migliorare e chi, dicendoci di continuare a lavorare come abbiamo fatto finora, ci ha proposto idee per ampliare la diffusione dei nostri contenuti. Tra i tanti suggerimenti, ne segnaliamo alcuni:

Mantenere più aggiornate e monitorate le pagine di approfondimento come quella su costituzioni e migranti

I long-form potrebbero essere a più mani e più data-driven. Su alcuni temi evergreen potrebbe essere fatta una pagina / dashboard che aggreghi dati, metriche e articoli relativi (sempre aggiornati) e abbia così una vita "lunga"

Ogni tanto sarebbe utile affiancare all'articolo un riquadro che spieghi il lessico tecnico o il contesto più ampio

Farsi promotori di quei processi partecipativi collettivi di civil hacking

Creare delle connessioni con realtà apolitiche specializzate su determinate tematiche e quindi fare network. Ad es. se dovete fare un approfondimento di scienza/salute contattare CICAP, o Medbunker... cose così... Se dovete fare approfondimenti su ambiente e clima interpellare chi ha competenze e si occupa da sempre di quello

Rispetto ai suggerimenti, alle critiche e anche alle richieste che ci sono arrivate, un piccolo chiarimento è dovuto sulla nostra metodologia di lavoro. Usiamo Facebook come la nostra homepage: lì aggreghiamo contenuti, conversiamo, ci confrontiamo e proponiamo i nostri articoli. Quando aggreghiamo contenuti non generiamo traffico sul nostro sito, se non su quelli delle fonti di riferimento che indichiamo e linkiamo sempre. Il nostro modello d'altra parte non è interessato al traffico ma solo ai contenuti, uno dei motivi per cui non abbiamo pubblicità su sito.
La periodicità dei nostri lavori, inoltre, dipende dal tipo di approfondimento e dalle risorse che abbiamo a disposizione. Non lavoriamo su cronaca e breaking news. Per aggiornare sui nostri contenuti abbiamo attivato una newsletter settimanale.

Ti piacerebbe essere più coinvolto?

Uno degli aspetti che più ci premeva approfondire era conoscere le esigenze informative dei lettori (come si informano, quali sono gli argomenti che vorrebbero che fossero trattati di più) e capire quale fosse la percezione del loro ruolo di lettori coinvolti. Volevamo sapere se chi ha partecipato al questionario volesse partecipare attivamente al processo informativo di Valigia Blu.

Per quanto riguardare le esigenze informative, si poteva indicare fino a un massimo di tre risposte tra alcune opzioni da noi indicate. Quasi 2 persone su 3 preferiscono aspettare 24 ore dopo un evento prima di leggere un approfondimento sull’accaduto; il 40% ama leggere articoli lunghi nel fine settimana; poco meno di un terzo vorrebbe leggere pochi contenuti al giorno e solo quando è davvero necessaria. Le risposte date suggeriscono che i partecipanti al questionario vanno alla ricerca informazioni chiare e approfondite. Indicazioni rafforzate da quanto indicato nella categoria "altro": confronto tra voci e fonti diverse, affidabilità delle fonti, notizie verificate.

esigenze-informative

Diritti civili, Unione Europea, Lavoro e “Storie positive” sono i temi maggiormente indicati tra quelli che si vorrebbe che Valigia Blu trattasse di più. Anche in questo caso i partecipanti potevano esprimere fino a tre risposte. Più di un terzo ha espresso l’esigenza di articoli che affrontino legati ai diritti civili e sociali, poi storie legate ai temi dell’Unione europea (in chiave sociale, politica, economica e rispetto al ruolo dei nostri rappresentanti in Europa e al ruolo dell’Ue rispetto alle politiche nazionali) e approfondimenti sul lavoro. Spicca anche la richiesta di attenzione verso “storie positive”.

L’ordine completo delle risposte è disponibile nella tabella sottostante. Nella categoria "altro" sono stati indicati in particolare quattro aree tematiche: patrimonio culturale, governo del territorio e giustizia ambientale; cultura, ricerca e divulgazione scientifica; innovazione sociale, beni comuni e mobilità sostenibile; discriminazione delle donne e femminicidi. Alcune risposte hanno riguardato i format attraverso i quali fare informazione: c’è chi ha richiesto più quiz interattivi (è stato fatto proprio l’esempio del quiz trivelle realizzato da Valigia Blu in occasione del referendum trivelle) e più spazio a giornalismo fotografico e giornalismo visivo (racconti lunghi e multimediali).

argomenti-da-trattare

Poi abbiamo chiesto un passetto in più. Siccome guardiamo a chi frequenta il nostro sito e i nostri social network non come semplici lettori ma come parte attiva di una community, abbiamo chiesto ai partecipanti se volessero essere più coinvolti da Valigia Blu. Il 60% si è detto favorevole a un maggiore coinvolgimento. Di questi, quasi la metà vorrebbe che Valigia Blu sviluppasse temi da loro proposti, il 36% parteciperebbe attivamente al processo giornalistico, il 14% proporrebbe direttamente un articolo.

tipologie-coinvolgimento

Parteciperesti a un nuovo crowdfunding di Valigia Blu?

La domanda prevedeva due percorsi diversi a seconda se i partecipanti avessero già partecipato al crowdfunding dello scorso anno.
Il 61% di chi ha compilato il questionario non ha partecipato al crowdfunding dello scorso anno. Di questi, l’81% sosterrebbe Valigia Blu in una nuova campagna.
Il restante 39% aveva già sostenuto Valigia Blu. Di questi il 95% si è detto soddisfatto di questo anno di attività e parteciperebbe in caso di una nuova campagna. A loro abbiamo poi chiesto per quale motivo avessero deciso di sostenere Valigia Blu. Si trattava di una domanda facoltativa e ben l’84% ha voluto dare una risposta. Parole che ci inorgogliscono e aumentano il nostro senso di responsabilità.

  • Indipendenza, ricerca dell’obiettività, aderenza ai fatti, senso del progetto

 

Perché è l'unica iniziativa di giornalismo degna del mondo digitale, perché non fa uso di advertising né di native advertising, perchè deve essere un modello per tutte le altre realtà editoriali

  • Rispetto dei lettori e giornalismo che mette nelle condizioni di informarsi e informare

 

Perché verificate quello che scrivete, perché mettete il lettore nelle condizioni di informarsi e a sua volta informare gli altri. Perché combattete la disinformazione e fornite strumenti affinché chi casca in una bufala possa essere informato ed educato, non umiliato

  • Qualità del lavoro e attenzione ai dettagli, qualità dell’informazione e degli approfondimenti

 

Onestà intellettuale, imparzialità nell'affrontare i vari temi, rispetto delle opinioni altrui, attenzione al significato e all'uso delle parole, rifiuto del sensazionalismo: tutto ciò costituisce secondo me la forza di Valigia Blu, il vostro modo diverso e alternativo di fare informazione

Segnala un errore

LINEE GUIDA AI COMMENTI