Il giornalista italiano del Guardian ‘intercettato’ dalla Procura di Palermo: “Stanno screditando il mio lavoro”

[Tempo di lettura stimato: 11 minuti]

di Angelo Romano e Andrea Zitelli

Scoprire durante un’udienza in tribunale di essere stato intercettato e che alcune conversazioni registrate sono state ritenute rilevanti nel caso giudiziario riguardante l’arresto di un pericoloso trafficante di migranti che stai seguendo da un anno e mezzo per la testata per cui lavori, durante il quale hai rilevato in più occasioni che potrebbe esserci stato un errore e in carcere è finita la persona sbagliata. E notare, leggendo gli scambi inseriti nel documento depositato dal pubblico ministero, che quanto riportato sembra del tutto irrilevante dal punto di vista investigativo.

È quello che è accaduto a Lorenzo Tondo, giornalista siciliano, che per il Guardian sta seguendo le vicende giudiziarie del cosiddetto “caso Mered”: l’arresto di un eritreo, che per la Procura di Palermo sarebbe il pericoloso trafficante di migranti, Medhanie Yehdego Mered, mentre per la difesa si tratterebbe di Medhanie Tesfamariam Behre, un richiedente asilo che mungeva vacche in Sudan prima di provare a raggiungere l’Europa. In base a molti elementi raccolti e alle ricostruzioni di diverse testate italiane e internazionali, il "caso Mered" potrebbe configurarsi come uno scambio di persona.

In un post su Facebook di una decina di giorni fa, Tondo ha definito lesivo del diritto di cronaca e del suo mestiere di giornalista l’episodio che l’ha visto direttamente coinvolto, mostrando tutta la sua amarezza, sorpresa e preoccupazione per quanto accaduto: «Citare le mie relazioni con una fonte (relazioni che, ripeto, non hanno alcuna rilevanza investigativa) e inserirle deliberatamente in un’indagine contro un trafficante di uomini, significa ledere quel principio. Con l’effetto di screditare il nostro lavoro. Mi auguro che questo non sia l’obiettivo degli investigatori. Ho rispetto del lavoro della magistratura. E questo rispetto non deve e non può però diventare sudditanza. Quando si tratta di sollevare dubbi fondati su un’operazione o un’indagine, io, da cronista, devo essere libero di poterli sollevare».

Ieri è successa una cosa davvero spiacevole. Una cosa che in Italia, nella mia categoria, è considerata oramai...

Pubblicato da Lorenzo Tondo su Sabato 11 novembre 2017

Abbiamo ripercorso le principali tappe di questa controversa vicenda giudiziaria e sentito Lorenzo Tondo per provare a tracciare il contesto in cui è arrivata la trascrizione delle sue conversazioni.

Il “caso Mered”

A fine maggio del 2016, grazie a un’operazione congiunta di Italia e Gran Bretagna, viene arrestata una persona che si ritiene essere Medhanie Yehdego Mered. È considerata una figura chiave nel traffico di migranti in fuga dal Nord Africa verso l’Europa. L’8 giugno viene estradato in Italia e in un articolo del Corriere della Sera che riporta la notizia si leggono i dettagli dell’arresto:

L’hanno preso in Sudan, dove si era rifugiato, grazie a un’operazione dei servizi segreti di quel Paese in collaborazione con gli inglesi della National crime agency (NCA). Ma l’ordine d’arresto viene dalla Procura di Palermo, che l’ha individuato come uno dei più attivi trafficanti di esseri umani sulla rotta libica-subsahariana, al termine delle indagini (ndr basate anche su intercettazioni) del Servizio centrale operativo della polizia e delle Squadre mobili della Sicilia occidentale. Ecco perché martedì sera è stato estradato in Italia Medhane Yehdego Mered, cittadino eritreo di 35 anni, chiamato dai suoi complici «il Generale»”.

L’arrivo dell’uomo arrestato in Italia via AFP

L’allora ministro dell’Interno, Angelino Alfano, lo stesso giorno affermò che “l’arresto e l’estradizione in Italia di Mered Yehdego Medhane è un risultato straordinario conseguito grazie a una intensa attività investigativa e di cooperazione transnazionale”.

Il 9 giugno, il giorno seguente la notizia dell’arresto di Mered, i media inglesi pubblicano però le testimonianze di alcuni amici e parenti dell’eritreo arrestato che affermano che da parte degli inquirenti c’è stato un scambio di persona che ha portato all’arresto dell’uomo sbagliato. In realtà, infatti, secondo la loro testimonianza, la persona in carcere si chiama Mered Medhanie Tesfamariam Behre e ha 28 anni. Tra le testimonianze raccolte dal media britannico c’è anche quella di Meron Estefanos, una giornalista svedese di origine eritrea, che afferma di aver contattato i rifugiati che conoscono il vero trafficante di persone, di aver mostrato loro la foto dell’uomo arrestato dalle autorità italiane e che tutti quanti hanno assicurato che non si tratta della persona che li ha condotti illegalmente in Europa. Estefanos ha poi aggiunto: «Credo che abbiano la persona sbagliata: questo è un rifugiato che si trovava a Khartoum [capitale sudanese] nel posto sbagliato al momento sbagliato».

A sinistra, l’uomo che secondo la difesa è Medhanie Tesfamariam Berhe, a destra Medhanie Yehdego Mered in una foto segnaletica – via Guardian

In risposta a queste testimonianze, un portavoce dell’NCA (National Crime Agency), riportano ancora i media inglesi, afferma che «si tratta di un'operazione complessa con più partner ed è troppo presto per fare congetture su queste affermazioni», aggiungendo comunque di essere fiduciosi del processo di raccolta di informazioni che hanno portato all’arresto dell’uomo condotto dal Sudan in Italia. Dopo il primo interrogatorio davanti ai magistrati siciliani, avvenuto il 10 giugno 2016, il procuratore capo di Palermo, Francesco Lo Voi, commenta di essere fiduciosi «perché l'indagato ha riconosciuto che una delle telefonate intercettate il 23 maggio era stata fatta da lui, con il telefono che poi è stato ritrovato al momento dell'arresto e che è stato consegnato a noi. Per questo gli accertamenti proseguono e non abbiamo alcuna certezza sull'errore di persona. Verrà fatta una perizia fonica e solo così si potrà stabilire se effettivamente la persona che intercettavamo era quella che poi è stata arrestata».

Davanti al Giudice delle indagini preliminare (Gip), riporta Repubblica Palermo, l'uomo ha “sostenuto di chiamarsi Mered Tesfamarian, eritreo, rifugiato in Sudan” e non quindi “Mered Yehdego Medhane”, nome del presunto trafficante di uomini. I suoi legali hanno presentato una richiesta di scarcerazione, ma è stata respinta dal gip, perché, racconta RaiNews, “le ragioni prospettate dalla difesa poggerebbero solo sulle dichiarazioni dell'eritreo e dei suoi amici. ‘Mentre - scrive il gip richiamandosi alla memoria dei pm - ci sono elementi chiari e plurimi a suo carico’”.

A settembre il Gip rinvia a giudizio l’uomo in carcere, che nel frattempo era stato trasferito da Roma a Palermo, con l'accusa di essere uno dei più pericolosi trafficanti di esseri umani al mondo. Nel corso del processo – la cui prima udienza è stata rinviata più volte e andato a rilento perché alcuni giudici sono cambiati per diverse questioni –, l’avvocato presenta diverse prove a sostegno dello scambio di persona: le foto di un matrimonio del 2015 in cui appare quello che secondo la difesa sarebbe il vero trafficante, un documento di identità a nome Tasmafarian, rilasciato in copia conforme dal dipartimento Emigrazione dell'Eritrea, che dimostrerebbe che il suo assistito si trovasse in Sudan in procinto di partire per l'Italia come migrante, altri migranti che hanno conosciuto il trafficante Medhanie Mered – a lui hanno pagato soldi per arrivare in Italia – che hanno testimoniato che l’uomo arrestato non è la persona che i pm di Palermo accusano. In precedenza, riporta il Fatto Quotidiano, anche la Procura di Roma aveva affermato che la foto di Mered non corrispondeva all’uomo in carcere, sulla base delle testimonianze di un collaboratore di giustizia, Seifu Haile, e di altre perizie.

La copia del documento di riconoscimento di Medhane Tesfamariam Berhe inviata dal dipartimento Emigrazione dell'Eritrea.

La Procura ha sempre respinto invece la tesi dello scambio di persona in base alle prove raccolte durante le indagini (come il traffico telefonico e i collegamenti con altri soggetti). Il 25 ottobre 2017, la difesa ha presentato, come ulteriore prova, il test del DNA che ha attestato che al 99,99% la madre della persona in carcere è Meaza Zerai Weldai, la donna che, pochi giorni prima, in un’intervista a Repubblica, aveva affermato che «non è lui Medhanie Yehdego Mered. Il nome di mio figlio è Medhanie Tesfamariam Berhe». L'avvocato ha così commentato l’esito del test del DNA: «Ad oggi un dato certo c'è. Il mio assistito si chiama Medhanie Tesfamariam Berhe e non ha altri nomi».

Il mese successivo, il 10 novembre, i pm hanno portato nuove prove di colpevolezza, derivanti da un’attività integrativa d'indagine partita dall'analisi del cellulare sequestrato all'eritreo al momento dell'arresto, spiega LiveSicilia: “Contatti con trafficanti di uomini libici e un ruolo attivo nell'organizzazione dei viaggi di migranti verso le coste siciliane: sono gli elementi d'indagine nuovi che, per i pm di Palermo, confermerebbero che l'eritreo sotto processo per tratta, arrestato ed estradato dal Sudan nel 2015, è quello che per anni hanno cercato. Nessun errore di persona. (...) Che si chiami Mered Medhanie Yedhego o, come ritenuto dai difensori, Mered Tasmafarian Behre, in cella dal 23 maggio 2016, ne sono certi i pm, c'è uno dei più importanti e spietati trafficanti di uomini dell'Africa”.

L’intercettazione di Tondo

È a questo punto che s’inserisce la vicenda che riguarda direttamente Lorenzo Tondo.

Tondo è stato uno dei pochi giornalisti italiani a seguire sin dall’inizio il caso per il Guardian, introducendo di volta in volta, con i suoi articoli, elementi che mettevano in discussione le conclusioni cui era giunta la Procura di Palermo e, cioè, che l’uomo finito in carcere fosse effettivamente Medhanie Yehdego Mered. Il 9 giugno 2016 (il giorno dopo l’annuncio dell’arresto del pericoloso trafficante di migranti, ndr) scrive un articolo insieme a Patrick Kingsley, giornalista che all'epoca per il Guardian si occupava di migrazione, in cui segnala per la prima volta che potrebbe esserci stato uno scambio di persona e che l’eritreo arrestato sarebbe “Medhanie Tesfamariam Berhe, noto ad alcuni amici col suo nome ancestrale di Kidane”. A testimoniarlo, Fshaye Tasfai, un esiliato eritreo di 42 anni, che viveva in Sicilia, cugino di Berhe, che assicurava che la persona arrestata provenisse dalla sua famiglia e avesse lasciato l’Eritrea nel 2014 per trasferirsi a Khartum, in Sudan. Affermazioni confermate anche da uno dei coinquilini di Berhe nella capitale sudanese. Nei mesi successivi, Tondo continua a scrivere sul quotidiano britannico portando alla luce sempre più aspetti che generavano più di una perplessità sull’identità della persona arrestata: i racconti della famiglia dell’imputato, i dati provenienti dal controllo del suo profilo Facebook, persino la testimonianza della moglie del vero trafficante, Medhanie Yehdego Mered, supportavano l’ipotesi dello scambio di persona e che in carcere ci fosse il Mered sbagliato.

Al centro, Lorenzo Tondo, premiato ai Dig Awards per il progetto "Hunting the General" – via The Vision.

Nell’udienza del 10 novembre il pubblico ministero Calogero Ferrara deposita la “Comunicazione di Reato redatta nei confronti di Mered Yehdego Medhanie, nato in Eritrea l’1 gennaio 1981, alias Tesfamariam Medhanie Berhe, nato in Eritrea il 12 maggio 1987”. In altre parole, i pm non prendono considerazione l’ipotesi dello scambio di persona e i due nomi diversi non sarebbero identificativi di due persone differenti, ma sarebbero alias, pseudonimi, dell’imputato.

La comunicazione, divisa in 9 capitoli, contiene informazioni ritenute rilevanti dal pubblico ministero ai fini istruttori. Ricevuta l’informativa dalla polizia giudiziaria, spiega Giuseppe Francaviglia su The Vision, il pm la presenta al presidente della Corte dopo aver valutato quali sono gli elementi di interessi investigativi per istruire il processo. Le trascrizioni delle intercettazioni riguardanti Lorenzo Tondo sono in questo documento.

All’interno del nono capitolo, intitolato “I collegamenti tra Medhane e stranieri presenti a Palermo”, vengono identificate due utenze contattate dal cellulare sequestrato all’imputato prima della partenza verso l’Europa. Una è quella di Haile Fishaye Tesfay: per l’accusa un possibile “collegamento in Italia per conto dell’organizzazione criminale transazione capeggiata da Medhanie/Mered”, per la difesa, ricostruisce Francaviglia, “semplicemente un familiare di Medhanie/Berhe”. Fishaye Tesfay è la stessa persona (Fshaye Tasfai) che dice a Kingsley e Tondo, il 9 giugno 2016, che c’è stato un errore e l’eritreo arrestato non è il pericoloso trafficante, ma un suo "cugino". Per questo motivo è importante distinguere tra Mered e Berhe e stabilire chi sia l’uomo sotto processo.

Sospettando che Fishaye Tesfay potesse avere un ruolo di collegamento in Italia per conto dell’organizzazione criminale guidata da “Medhanie/Berhe”, i pm chiedono di procedere all’intercettazione, autorizzata a partire dal 15 febbraio 2017. È tra queste intercettazioni che finiscono le conversazioni di Tondo.

“Inoltre – si legge nella Comunicazione – sono state intercettate anche due conversazioni ed un sms tra Haile Fishaye Tesfay e il giornalista Lorenzo Tondo, corrispondente in Italia del giornale britannico “The Guardian”, dal cui ascolto si è evinto che è in atto la preparazione di un reportage giornalistico sul trafficante Mered. Si è potuto chiaramente ascoltare che il giornalista si avvarrà anche dell’opera di Haile Fishaye Tesfay, invitato anche a sostenere delle interviste ‘di spalla’”.

In un’altra trascrizione, viene fatto riferimento a un incontro con altre persone, “Gabriele e Silvia”, che, come ci ha detto Tondo, sono due suoi colleghi del quotidiano siciliano MeridioNews.

 

I passaggi evidentemente ritenuti importanti dai pm sono in grassetto ma resta difficile capire come le conversazioni trascritte possano essere rilevanti per fare luce sull’identità dell’imputato e sui reati che gli sono contestati e all’organizzazione. Nel documento, i pm scrivono che dalle “conversazioni di interesse investigativo (...) si è potuto evincere come Fishaye Tesfay sia stato sempre interessato alle vicende riguardanti il detenuto Medhane”. Se anche Medhanie Berhe fosse il terribile trafficante e Fishaye Tesfay una persona interessata alle vicende riguardanti l’imputato, nelle conversazioni con Tondo questo interesse non si evidenzia. Risulta difficile così comprendere, quale possa essere l’effettivo interesse investigativo delle conversazioni trascritte.

A caldo Tondo scriveva su Facebook:

Nelle conversazioni, depositate ieri, non c’è nulla di rilevante dal punto di vista investigativo. Davo appuntamento al ragazzo a casa mia. Doveva aiutarmi a tradurre alcuni documenti e a farmi da interprete per alcune interviste. È cresciuto insieme all’uomo detenuto a Palermo questo ragazzo, era un suo vicino di casa quando abitava ad Asmara. E siccome la Procura è certa di aver arrestato il più pericoloso trafficante di uomini in Africa, allora ecco che gli investigatori ci tengono a sottolineare nel loro fascicolo che il ‘’corrispondente del Guardian Lorenzo Tondo aveva contattato un amico dell’uomo arrestato per un articolo che stava scrivendo sul caso’’. Un uomo che, per via di quell'amicizia, viene ritenuto vicino al traffico dei migranti. E poi via con una lunga trascrizione delle nostre conversazioni.

«L’unica spiegazione che mi sono dato – dice Tondo a Valigia Blu – è che volessero screditarmi in quanto giornalista. Non si spiega altrimenti il riferimento al “corrispondente del Guardian Lorenzo Tondo" nel documento».

Un tentativo di delegittimazione che non si limita al “caso Mered”, ma che si estende anche ad altre inchieste giornalistiche. «Hanno fatto problemi anche per altri lavori, anche a persone che stavano collaborando con me, come ad esempio a una giornalista del New York Times». Tondo fa riferimento qui a un episodio citato da Ben Taub sul New Yorker: una giornalista del New York Times avrebbe contattato il procuratore di Palermo, Calogero Ferrara, per una storia potenziale sulle migrazioni e quando il pm ha saputo della sua collaborazione con Tondo per un altro lavoro, avrebbe minacciato il quotidiano statunitense di interrompere ogni collaborazione. «Se Tondo firma con te un lavoro, per la magistratura di Palermo il New York Times non esiste più», sarebbero state le parole di Ferrara, che ha negato l’accaduto, specifica Taub.

L’intercettazione non sembra essere, dunque, un episodio isolato. «Sospettavo che potesse accadere una cosa del genere, ma non me l’aspettavo», dice Tondo con una punta di amarezza. A metterlo in guardia un episodio oscuro, avvenuto alcuni mesi prima, che non era riuscito a spiegarsi. «Durante un’udienza sempre relativa a Mered, un uomo che non avevo mai visto prima ha cominciato a fotografarmi con il cellulare. A un certo punto ho visto che si è avvicinato al tavolo dove erano i procuratori e ha cominciato a parlare con loro. Quando ho deciso di avvicinarmi anche io, per spiegare ai pm che quell’uomo mi aveva fotografato, lui si è rivolto a me e ha detto: “Stai tranquillo, Lorenzo!”. “Lorenzo? E come faceva a conoscere il mio nome se era la prima volta che ci incontravamo?”. In un’udienza successiva, quella stessa persona fu chiamata sul banco dei testimoni dell’accusa: era un agente di polizia. «E se vai a controllare tra le firme del documento della Procura dove ci sono le mie trascrizioni, trovi anche la sua», racconta Tondo. «E se ci penso, il periodo in cui sono stato fotografato e quello a cui risalgono le intercettazioni è lo stesso: marzo 2017».

Tutto questo, prosegue il giornalista, contribuisce a creare un contesto sfavorevole e difficile per fare giornalismo investigativo, mette a rischio la difesa delle fonti e genera un clima generale di sfiducia e diffidenza tra soggetti che dovrebbero rispettare i propri ruoli. «Se tu sai che un telefono è intercettato è più difficile mantenere contatti e i colleghi con cui lavori chiedono di stabilire contatti più sicuri per comunicare».

Il Guardian ha chiesto un commento sull’accaduto ma il procuratore di Palermo non ha risposto.

Gli ultimi sviluppi

Lo scorso 16 novembre, i periti della difesa e della Procura hanno fatto il “riconoscimento fonico dell’imputato”, analizzando conversazioni del 2014. Sia per l’esperto chiamato dalla difesa sia quello indicato dalla Procura non sono stati in grado di individuare con certezza nel trafficante di migranti la persona ascoltata nelle intercettazioni. Come scrive Lorenzo Bagnoli su Lettera43:

La domanda a cui i periti di accusa e difesa dovevano rispondere era relativamente semplice: la persona sotto intercettazione della procura è la stessa che oggi è in carcere? L’esperto della difesa, Milko Grimaldi, fonico forense che dirige Centro di Ricerca Interdisciplinare sul Linguaggio dell’università del Salento, ha scritto nella sua relazione che «nessuna delle voci anonime riscontrate nelle intercettazioni esaminate è compatibile con il saggio fonico rilasciato dall’imputato». Ha escluso al 99,98% che le voci delle intercettazioni possano combaciare con quella dell’imputato, registrata in un secondo tempo in un «saggio vocale». Il perito della Procura, Marco Zonaro, invece, non ha potuto confermare né smentire l’identificazione: le probabilità sono troppo basse in entrambi i casi. La prova, quindi, è stata definita inconclusiva, inutilizzabile.

Dopo la prova del DNA, il riconoscimento fonico potrebbe essere la chiave per avviare un processo di scarcerazione, ha spiegato Tondo a Valigia Blu. Resta da capire quali saranno i prossimi passi della Procura di Palermo in una vicenda che al di là del «caso giudiziario – ci dice il giornalista siciliano – mostra che non si è capito nulla di come funziona il traffico di essere umani. Non è possibile affrontare con le intercettazioni, accordi che si fanno faccia a faccia». Da tutta questa storia, «resta che non sappiamo più chi è il vero Mered, nonostante sappiamo che ha una faccia e 2 figli. Gli hanno cambiato il volto, il nome, l’età, Mered ora può essere chiunque, può essere ovunque».

*Nell'articolo abbiamo ripreso citazioni da diversi giornali che hanno chiamato erroneamente la persona in carcere "Mered Tasmafarian Behre". Il suo vero nome è Medhanie Tesfamariam Berhe.

Foto in anteprima via Lettera43

Segnala un errore

LINEE GUIDA AI COMMENTI