Spain will soon approve the most repressive anti-protest law in Europe

The Congress of Deputies has approved the Citizen’s Security Law, a legislative project very dear to those nostalgic for General Franco.


(italian version)

translated by Roberta Aiello

On the 18th of December the Spanish Congress of Deputies approved the controversial Citizen’s Security Law, a legislative project very dear to Rajoy’s Government and to those nostalgic for Francisco Franco. It has managed to gather the unanimous rejection of very different entities. From all opposition parties, organizations, movements of citizens and Amnesty International to trade unions and even police unions. The law was passed with only the votes of the People’s Party, which has the absolute majority in both chambers. The next step will be the vote in the Senate, reduced de facto to a mere bureaucratic formality.

According to a survey conducted by Metroscopia, 82% of respondents opposed the law as it is and asks that it be modified or deleted. Since it was introduced a few months ago, expressions such as “gag law,” “return of the Franco regime” and repression of citizens have become increasingly frequent in the public debate. And not without reason. The Citizen’s Security Law restricts the fundamental rights of dissent and freedom of expression, giving the government the power to punish citizens who are administratively sanctioned (without a judge’s ruling) with penalties ranging from 100 to 600,000 euros. It also introduces a number of serious offenses such as setting up meetings in public places in order to express discontent, taking pictures or filming police officers with mobiles, demonstrating in front of the Parliament, shouting or singing during a “clandestine” demonstration, using a hashtag of an unauthorized protest on Twitter, demonstrating with a working uniform (for doctors, firefighters, police, etc.) trying to prevent an eviction, etc.

The rule is reminiscent of the Law of Public Order set by Franco in 1959, from which it borrows some essential aspects such as the delegation of sanctioning authority to the Ministry of Interior and the intimidating-repressive nature that underlies it. In other words, according to many experts, the fact that a person can be fined up to 600,000 euros, without having to go to court, is a clear violation of the legal rights of citizens. “This law is unnecessary, it violates European law and the European Convention on Human Rights and cancels fundamental rights, such as the right to protest and freedom of association,” a deputy for the UpyD centrist party said in the courtroom on the day of the approval.

The testimony of the police involved will be considered sufficient evidence to proceed to the penalty. In the case of inability to pay the fine, there will be an ex officio seizure proceeding and sale of assets of the “guilty” (without being convicted in court). It will be possible to resort to legal action only after ‘having paid the bill.’

The most critical aspects of the Citizen’s Security Law

Many offenses already contained in the Criminal Code, and sanctioned until today through the courts, with the new rule will be administratively sanctioned (from 100 to 600,000 Euros, depending on the seriousness of the offence, at the discretion of the police). The fined person will go to court to contest the fine only after having paid. The greatest fear is that the Citizen’s Security Law can multiply abuses of power by police with the aim to intimidate.

The complaints made by police officers will be the sufficient basis for adopting the corresponding resolution, unless the fined person can prove the contrary, at the very time of the infringement. Any testimony that contradicts the report of the police will be taken into account subsequently, only if the accused decides to appeal to the courts.

Without committing any criminal offense, you could lose all your assets (including your home) from one day until the next, just for expressing your dissent, which up until now has been possible since 1978.

Offences are divided into “very serious,” sanctioned from 30,000 to 600,000 euros; “serious,” from 601 to 30,000 euros; “minor,” between 100 and 600 euros. We have selected some of the most controversial. They are all situations in which no breach of the Criminal Code would be committed.

“Very serious” offences: from 30,001 to 600,000 euros

Meetings and demonstrations in front of the headquarters of the Congress of Deputies and the Senate, or regional governments, as long as they do not constitute a criminal offense, are considered a very serious attack on citizen safety. Organizers, promoters of the protest on social networks and participants are punishable.

Unauthorized meetings or demonstrations not communicated to the authorities which take place near public installations are considered a very serious transgression of the law because they endanger public safety, according to the legislature. Under the new law, protests of Public Health officials, who in recent years have defended the sacred right of citizens, are illegal. Organizers and promoters will be sanctioned.

It will be sanctionable to organize public performances or recreational activities in order to protest, without prior permission of the authorities.

“Serious” offences: from 601 to 30,000 euros

Photographing or filming a police officer during a demonstration or a protest with cell phones is considered a serious offense sanctioned with a fine of 601 and 30,000 Euros.

Interrupting or disturbing any public act, sport or cultural performance, or religious event is a serious breach of public security. Do you want to peacefully protest with a placard during a public speech of a mayor or a minister? It could cost 30,000 euros.

Disobeying or resisting the authorities, in the case that it does not constitute a crime, as well as the refusal to identify oneself, are considered serious offenses to public safety.

Refusing to abandon a demonstration or dissolve a meeting in places of public transit is an offense that will be punished with the new law, by administrative means.

Disturbing the development of a meeting or an authorized demonstration will be punished by a fine of 601 to 30,000 Euros at the discretion of the police.

Occupying installations in which there are basic services to the community or blocking the operation will constitute a serious offense.

The public use during a demonstration (or protest) of uniforms, symbols, official badges or copies of the same, even in cases where there is not committed any criminal offense, will be sanctioned.

“Minor” offences: from 100 to 600 euros

The lack of respect and personal considerations towards law enforcement, in cases where they do not constitute a crime, are considered, however, a minor offense.

Negligence in the custody of personal documentation will be sanctioned. If citizens lose their identity card three times over three years, a fine of 300 to 600 euros must be paid.

Organizing meetings in places of public transit is punishable by a fine from 100 to 600 euros.

In short, if you live in Spain and the only public event that interests you is the bullfight, you have nothing to fear.

Autore
Creatore del blog 'L'isola dei cassintegrati'. @marconurra



Il piano USA-Europa per il mercato globale: meno costi per le aziende, meno diritti per i cittadini

Svelato un altro documento segreto: dopo TPP e TTIP, TISA si occupa specificamente del settore dei servizi, imponendo la più ampia liberalizzazione ed impedendo ogni forma di regolamentazione da parte dei governi.


Liberalizzazione dei servizi
Un documento riservato pubblicato attraverso la rete della Associated Whistle-Blowing Press rivela altri contenuti del Trade in Services Agreement, ovvero TISA.

Le prime informazioni su questo trattato risalgono al 19 giugno del 2014, quando Wikilekas pubblica una prima bozza. TISA riguarda non i beni bensì i servizi, laddove tale settore fornisce il 70% del Pil mondiale e il maggior numero di posti di lavoro. Al tavolo delle trattative siedono Usa, Unione europea, Svizzera, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Israele, Turchia, Taiwan, Hong Kong, Corea del Sud, Giappone, Pakistan, Panama (noto paradiso fiscale, molto attivo nei negoziati insieme agli Usa e all’UE), Perù, Paraguay, Cile, Colombia, Messico e Costa Rica.
Dai documenti pubblicati da Wikileaks si evince chiaramente che il trattato punta a deregolamentare il settore finanziario e dei servizi in generale (compreso quindi i servizi pubblici essenziali, assistenza sanitaria, servizi idrici, ecc…), in base alle teorie ultraliberiste, imponendo alle parti contraenti (gli Stati) ferrei vincoli alla potestà regolamentare.
Lo scopo dell’accordo è di estendere le regole del GATS (Accordo Generale sul Commercio di Servizi), istitutivo del WTO quale foro mondiale per la liberalizzazione degli scambi, così realizzando uno standard che poi potrà essere recepito dalle Nazioni ed inserito a sua volta nei successivi trattati.

TISA si inserisce, ovviamente, nel quadro di accordi negoziati negli ultimi anni, e in particolare si collega a TPP, CETA TTIP e altri (quali KORUS tra Usa e Corea del Sud).

Un fallimento non è per sempre
Le negoziazioni su TISA risalgono, per quello che si sa, al marzo del 2013, quando, per iniziativa degli Usa, vari Stati furono riuniti a Ginevra, per un incontro che fu definito di “really good friends”.
In realtà TISA nasce dopo il fallimento dei Doha Round, i negoziati iniziati in Qatar nel 2001, nell’ambito del WTO (che prevede la pubblicità degli atti), e falliti nel 2011 per le massicce proteste dei paesi in via di sviluppo. Da quel momento gli Usa hanno preferito spostare le negoziazioni per le liberalizzazioni dei servizi in altro luogo, decisamente più discreto.
Le negoziazioni, infatti, si svolgono in assoluta segretezza (solo la Svizzera pubblica i suoi atti), e ogni partecipante porta le sue proposte. È prevista una desecretazione dei documenti solo 5 anni dopo l’entrata in vigore dell’accordo.
Solo di recente la Commissione europea ha pubblicato alcune informazioni.

Del testo di TISA non si sa molto, e ciò che si conosce riguarda prevalentemente proposte di singoli Stati. Il documento pubblicato in questi giorni è una proposta del Rappresentante Usa per il commercio (USTR), datata aprile 2014.
L’obiettivo perseguito dagli americani con TISA è palese, proteggere il vantaggio competitivo degli Usa e il monopolio nell’ambito della proprietà intellettuale e della tecnologia. Ciò che gli Usa vogliono è impedire ai paesi contraenti di imporre restrizioni ai servizi e al flusso dei dati transfrontalieri. L’impatto di tali liberalizzazioni sui diritti dei consumatori, in primo luogo sulla privacy e la tutela dei dati personali, semplicemente non è considerato.

Proposta Usa
La proposta Usa consta di 7 articoli.

L’articolo 1 (Local Presence) riguarda l’aspetto della “localizzazione”, o presenza commerciale (agenzia, sede secondaria), alla quale si sono opposte principalmente le aziende assicurative e delle carte di credito.
La fornitura di servizi tramite internet consente di raggiungere cittadini di altri paesi rispetto alla sede dell’azienda fornitrice. Un governo potrebbe avere, quindi, la necessità di imporre la presenza di una sede commerciale dell’azienda nel paese, per consentire una maggiore protezione dei consumatori, per avere la possibilità di rivolgersi di persona al servizio clienti, per ottenere una maggiore qualità dei servizi, per eventuali ispezioni o azioni civili e penali, o anche semplicemente a fini fiscali.
L’articolo 1 della proposta Usa vieta ai contraenti l’imposizione di una presenza commerciale, considerata un onere dispendioso. In tal modo risulterebbe difficoltoso per i consumatori ottenere una efficace tutela legale nel caso di malfunzionamento dei servizi o di danni conseguenti al loro uso (pensiamo ai servizi sanitari).

L’articolo 2 (Local Content) si occupa di un’altra forma di localizzazione alla quale si oppone l’industria.
Molti paesi richiedono che un fornitore di servizi (es. un canale televisivo) includa dei servizi prodotti nel territorio, ad esempio produzioni a scopo culturale, principalmente a tutela delle minoranze e dei loro usi e costumi.
L’articolo 2 vieta ai contraenti di imporre tali limitazioni ai fornitori di servizi.

Piuttosto interessante l’articolo X.2.1 (a) (iii) che vieta ai governi di imporre l’utilizzo di server locati nel paese.
È proprio di questi giorni la notizia che alcune grandi aziende tecnologiche stanno abbandonando la Russia a causa della nuova legge antiterrorismo che prevede l’obbligo di archiviare tutte le comunicazioni via Internet in server installati all’interno della Federazione Russa per un periodo minimo di sei mesi. Proposte simili si sono avute anche a livello europeo, per contrastare la sorveglianza di massa operata per anni dall’Nsa americana ai danni dei cittadini europei.
Il trasferimento di dati dall’Europa verso paesi terzi richiede che quel paese abbia una tutela uguale a quella prevista dall’Europa. Per gli Usa il trasferimento è ammesso solo se l’azienda è iscritta al programma Safe Harbor, che però, a seguito dello scandalo della sorveglianza di massa dell’Nsa, è stato massicciamente criticato, al punto che se ne è chiesta la sospensione. In tale caso l’unica possibilità per le aziende Usa di trattare i dati degli europei sarebbe localizzando i server in Europa.
Con l’approvazione di TISA, invece, il trasferimento sarebbe ammesso, e una volta trasferiti i dati all’estero, diventa impossibile impedire l’uso e la cessione a terzi, quindi il governo americano (Nsa) potrà accedere senza problemi ai dati, anche personali, dei cittadini europei, a dispetto delle norme europee in materia.

L’articolo 3 (Local Technology) riguarda i cosiddetti trasferimenti di tecnologia, utilizzati da alcune Nazioni (es. Cina) per ottenere un livello tecnologico equivalente alle altre. L’articolo in questione vieta ai governi di imporre trasferimenti forzati (compreso quelli a titolo oneroso) di tecnologia, così consentendo agli Usa di mantenere il proprio vantaggio competitivo in materia di tecnologia e di proprietà intellettuale.

L’articolo 4 (Movement of information) riguarda la regolamentazione del flusso delle informazioni, e vieta agli Stati contraenti di imporre all’industria il trattamento di dati ed informazioni all’interno del paese, così impedendo il trasferimento dei dati all’estero.
L’articolo si riferisce espressamente ai dati personali (personal information), senza alcuna eccezione per la privacy.
Questa norma si trova in aperto contrasto con la normativa privacy europea che prevede, appunto, maggiori tutele per i dati personali dei cittadini europei (vedi il commento all’art. 2).

L’articolo 5 (Open Networks, Network Access and Use) riconosce un’aspettativa (non un diritto vero e proprio: “should be able”) per i cittadini di ottenere l’acceso alla rete. Tale accesso è soggetto, però, ad un “reasonable network management”. Poiché la gestione della rete ragionevole non è definita nell’ambito del trattato appare ovvio che le condizioni per ritenere “ragionevole” la gestione vengono lasciate alle decisioni dei fornitori di servizi.
Tale norma potrebbe facilmente consentire alle aziende l’introduzione di tecniche di gestione della rete che degradino il traffico sul web, per promuovere i propri servizi a fronte di quelli concorrenti, così incidendo notevolmente sulla neutralità della rete.

L’articolo 6 (Electronic Authentication and Electronic Signatures) prevede che un governo non possa negare la validità di una firma solo perché elettronica. In sostanza un governo non può decidere quale è il miglior modo per autenticare una transazione, con ciò limitando la possibilità di negare validità ad una transazione commerciale.

L’articolo 7 (Exceptions) si occupa delle eccezioni alle norme precedenti, prevedendo in sostanza che esse debbano essere stabilite con liste specifiche e preventivamente.

Dal testo trapelato, che è solo una delle proposte delle parti negozianti, appare evidente che l’intento è quello di favorire gli interessi aziendali senza minimamente considerare la tutela dei diritti dei cittadini, in primis la privacy, limitando enormemente la possibilità per i governi di intervenire nella regolamentazione dei servizi, finanziari ma non solo.
Con la sua approvazione, sarà il TISA a stabilire le politiche economiche dei paesi aderenti, saltando le discussioni parlamentari, mentre le leggi nazionali che fungono da “ostacolo” al commercio internazionale dei servizi saranno eliminate.
Questo tipo di accordo si lega alla giustizia parallela del TTIP e del TTP. Se un’azienda ritiene che un governo stia limitando i suoi diritti come sanciti dal TISA si rivolgerà direttamente agli arbitri internazionali, sfruttando le clausole ISDS.

Alcune di queste proposte vengono direttamente o comunque sono sponsorizzate dalle principali lobby aziendali, quali CSI (Coalition of Services Industries) e Digital Europe, delle quali fanno parte le principali aziende tecnologiche (Google, Intel, AT&T, Ibm…).

Autore
Avvocato e blogger. Mi interesso di diritto applicato ad internet e alle nuove tecnologie di comunicazione. @brunosaetta



La Spagna approverà la legge anti-protesta più repressiva d’Europa

Il Congresso dei deputati ha dato il via libera alla Legge di sicurezza cittadina, un progetto legislativo molto caro ai nostalgici del ‘Generalissimo’ Franco.


(english version)

Il Congresso dei deputati spagnolo ha approvato giovedì la discussa Legge di sicurezza cittadina, un progetto legislativo molto caro al Governo Rajoy e ai nostalgici di Francisco Franco, che è riuscito a raccogliere attorno a sé il rifiuto unanime dei collettivi più diversi fra loro: tutti i partiti dell’opposizione, collettivi e movimenti cittadini, Amnesty International, sigle sindacali e addirittura sindacati di polizia. La legge è passata con i soli voti dei Partito Popolare, che gode della maggioranza assoluta in entrambe le camere. La prossima tappa sarà il voto del Senato, ridotto de facto a mero formalismo burocratico.

Secondo un sondaggio condotto da Metroscopia, l’82% degli intervistati si dice contrario alla legge così com’è e chiede che venga modificata o cancellata. Da quando è stata presentata, pochi mesi fa, concetti come “legge bavaglio”, “ritorno al franchismo” e repressione dei cittadini sono diventati sempre più frequenti nel dibattito pubblico. E non a torto. La Legge di sicurezza cittadina limita i diritti fondamentali di dissenso e di libertà d’espressione, dando al Governo il potere di punire i cittadini per via amministrativa (senza una sentenza del giudice quindi), con sanzioni che vanno dai 100 ai 600.000 euro, e introduce una serie di illeciti gravi come: organizzare riunioni in luoghi pubblici allo scopo di manifestare malcontento, fotografare o filmare gli agenti di polizia con il proprio telefono cellulare, manifestare davanti al Parlamento, gridare o cantare durante una manifestazione “clandestina”, usare su Twitter l’hashtag di una protesta non autorizzata, manifestare con la propria divisa di lavoro (vale per medici, vigili del fuoco, polizia, etc.), cercare di impedire uno sfratto, etc.

La norma ricorda la Legge d’ordine pubblico del 1959 imposta dai franchisti, da cui riprende alcuni aspetti essenziali come la delega della potestà sanzionatoria al Ministero degli Interni e il carattere intimidatorio-repressivo che ne sta alla base. In altre parole: il fatto che si possa multare una persona fino a 600.000 euro per via amministrativa, senza dover passare per un tribunale, sarebbe secondo molti esperti una chiara violazione dei diritti giudiziari dei cittadini. “Questa legge è innecessaria, viola la giurisprudenza europea e la convenzione europea dei diritti umani e cancella diritti fondamentali come quello di manifestazione e di riunione”, ha dichiarato in aula il giorno dell’approvazione un deputato del partito centrista UPyD.

La testimonianza delle forze dell’ordine coinvolte sarà considerata prova sufficiente per procedere alla sanzione. Nel caso di impossibilità a pagare la multa si procederà d’ufficio al sequestro e alla vendita dei beni del “colpevole” (colpevole senza essere stato condannato in tribunale, è bene ricordarlo). Sarà possibile ricorrere per vie legali solamente dopo ‘aver saldato il conto’.

Gli aspetti più critici della Legge di Sicurezza Cittadina

Molte infrazioni già presenti nel Codice penale, e quindi sanzionate fino a oggi per via giudiziaria, con la nuova norma saranno multate per via amministrativa (dai 100 ai 600.000 euro, dipendendo dalla gravità, a discrezione delle forze dell’ordine). La persona multata solo in seguito potrà ricorrere ai tribunali per contestare la multa, dopo averla pagata. La paura più grande è che la Legge di sicurezza cittadina possa moltiplicare gli abusi di potere a scopo intimidatorio delle forze dell’ordine.

Le denunce formulate dagli agenti di polizia costituiranno la base sufficiente per adottare la risoluzione corrispondente, salvo che la persona sanzionata possa dimostrare il contrario nel momento stesso dell’infrazione. Qualsiasi testimonianza che contraddica il rapporto degli agenti sarà presa in considerazione a posteriori, solamente se l’accusato deciderà di fare ricorso ai tribunali.

Senza commettere nessun reato penale, quindi, potreste perdere tutti i vostri beni (compresa la vostra casa) da un giorno all’altro, solamente per aver espresso il vostro dissenso così come si è potuto fare dal 1978 a oggi.

Le trasgressioni, infatti, si dividono in “molto gravi”, multabili da 30.000 a 600.000 euro; “gravi”, da 601 a 30.000 euro; “lievi”, tra i 100 e 600 euro. Abbiamo selezionato alcune delle più controverse: sono tutte situazioni nelle quali non è stata commessa nessuna infrazione al codice penale.

Infrazioni “molto gravi”: da 30.001 a 600.000 euro

Le riunioni e le manifestazioni di fronte alle sedi del Congresso dei deputati e del Senato, o degli organi governativi regionali, sempre e quando non costituiscano un’infrazione penale, sono considerate un gravissimo attentato alla sicurezza cittadina. Sono punibili gli organizzatori, i promotori della protesta sulle reti sociali e i partecipanti.

Le riunioni o manifestazioni non comunicate, o non autorizzate, nei pressi di installazioni pubbliche sono una trasgressione molto grave alla legge perché mettono a rischio la sicurezza pubblica, secondo il legislatore. Le proteste dei medici e infermieri della Sanità Pubblica, che negli ultimi anni hanno difeso un diritto sacrosanto dei cittadini, con la nuova legge sono illegali. Saranno sanzionati gli organizzatori e i promotori.

Organizzare spettacoli pubblici o attività ricreative a scopo di protesta, senza autorizzazione previa delle autorità, sarà sanzionato.

Infrazioni “gravi”: da 601 a 30.000 euro

Fotografare o filmare un agente di polizia durante una manifestazione o una protesta con il proprio telefono cellulare si traduce in un illecito grave e in una multa tra i 601 e i 30.000 euro.

Interrompere o disturbare qualsiasi atto pubblico, spettacolo sportivo o culturale, o evento religioso è una grave infrazione alla sicurezza cittadina. Volete protestare pacificamente con un cartello durante un discorso pubblico di un sindaco o di un ministro? Potrebbe costarvi 30.000 euro.

Disobbedire o resistere alle autorità, sempre nel caso in cui non costituisca reato, così come il rifiuto a identificarsi, sono da considerare infrazioni gravi alla sicurezza pubblica.

Rifiutarsi di abbandonare una manifestazione o di sciogliere una riunione in luoghi di transito pubblico è un’infrazione che verrà punita, con la nuova legge, per via amministrativa.

Disturbare lo sviluppo di una riunione o manifestazione lecita verrà punito con una multa da 601 a 30.000 euro a discrezione delle forze dell’ordine.

Occupare installazioni nelle quali si prestano servizi basici per la comunità o bloccarne il funzionamento costituirà un illecito grave.

L’uso pubblico durante una manifestazione (o protesta) di uniformi, simboli, distintivi ufficiali o repliche degli stessi, anche nei casi in cui non viene perpetrata nessuna infrazione penale, saranno sanzionati.

Infrazioni “lievi”: da 100 a 600 euro

La mancanza di rispetto e le considerazioni personali dirette alle forze dell’ordine, nei casi in cui non costituiscano reato, sono comunque considerate un illecito lieve.

La negligenza nella custodia della propria documentazione personale sarà sanzionato. Più precisamente: se un cittadino smarrisce la carta d’identità tre volte nell’arco di tre anni dovrà pagare una multa da 300 a 600 euro.

Organizzare riunioni in luoghi di transito pubblico è sanzionabile con una multa dai 100 a 600 euro.

Insomma, se vivete in Spagna e l’unica manifestazione pubblica che vi interessa è la corrida, non avete nulla da temere.

Autore
Creatore del blog 'L'isola dei cassintegrati'. @marconurra



Cercasi giovani laureati. Ma nessuno si presenta. Una storia che non convince

Quei luoghi comuni inaccettabili su giovani, università e lavoro.



Aggiornamento 20/12/2014: Diego Malerba, capo di Execo, risponde a Valigia Blu in un commento al post sul blog della società. Conferma che la società si aspettava «qualche risposta in più», «date anche le condizioni discrete» dell’offerta «che con buon senso» pensa «si possa ritenere decente». Scrive inoltre che il post non l’ha scritto lui, ma «una persona che collabora con me il cui pensiero, come quello di tutti, deve essere accettato senza violenza».

Quanto ai dettagli dell’offerta e ai numeri della ricerca, non sembrano arrivare chiarimenti rispetto a quanto abbiamo scritto in questo post.  Difficile valutare in modo obiettivo le aspettative, legittime, della società, se non verificando quanto i risultati della loro ricerca, a partire dal numero di risposte iniziali ricevute, si discostino dal numero medio di candidature che arrivano alle offerte pubblicate ogni giorno in Rete. Ma un’aspettativa delusa, comunque, non giustifica il fatto di trasformare una singola vicenda in un “caso” da prendere ad esempio per valutazioni e conclusioni sommarie, del tipo di quelle espresse su blog. Non fosse che per ragioni statistiche.

Non abbiamo mai attribuito le opinioni espresse in quel post, di cui scriviamo in seguito, direttamente a Diego Malerba, che non abbiamo mai scritto essere l’autore di quel post. Si presume, tuttavia, che quelle opinioni esprimano la visione della società su questo tema (e Malerba, del resto, afferma di essere «responsabile di ciò che appare sul mio blog»). E che, come tali, possano essere criticate, anche aspramente. E non riusciamo a rintracciare nessuna «violenza» nelle critiche che abbiamo scritto.

È un’accusa che non entra nel merito delle questioni che abbiamo sollevato.

Aggiornamento 19/12/2014: Gloria Riva, l’autrice dell’articolo dell’Espresso «Lavoro, “cercasi giovani laureati”. Ma nessuno si presenta», di cui parliamo nel post che segue, ritorna oggi sulla vicenda, riportando alcuni dei numerosi commenti dei lettori, spesso molto critici, seguiti al suo articolo e citando anche la nostra analisi. «Visto il dibattito suscitato dall’articolo, e i dubbi sollevati da Valigia Blu, abbiamo chiesto a Malerba di descrivere nel dettaglio l’offerta di lavoro», scrive la Riva.

Diego Malerba, capo della società di ricerca del personale Execo, conferma, tra l’altro, che l’ammontare della retribuzione prevista era di 22.000 euro lordi l’anno, cifra che non era comunque specificata negli annunci, come scriviamo nel post che segue. Aggiunge inoltre che era previsto un «totale rimborso spese», dettaglio anche’esso non fornito negli annunci diffusi in Rete, almeno in quelli ancora oggi consultabili, e che il candidato «doveva avere una laurea (non specifica)», benché nell’annuncio fosse richiesta una laurea a «indirizzo commerciale».

«Malerba si aspettava centinaia di curriculum, mentre ne sono arrivati complessivamente quindici», scrive Gloria Riva, ma, come essa stessa ammette più avanti citando il nostro post, di candidature ne sono arrivate in realtà 176, di cui 59 giudicate idonee alla selezione. Comunque, «le quattro persone selezionate, dal prossimo mese, cominceranno il percorso di formazione, retribuiti dall’azienda», annuncia Malerba. Dopotutto, quindi, la società è riuscita a trovare le persone che cercava.  È lecito perciò chiedersi, di nuovo, su quale base la Execo abbia giudicato i risultati della ricerca «sconcertanti» e se i numeri delle candidature arrivate, comprese quelle non in linea col profilo richiesto, siano davvero stati espressione di un mancato interesse da parte di chi ha consultato l’offerta.

In tutto questo, continuano a rimanere assenti le voci e le ragioni di quelli che hanno partecipato alla selezione e che hanno ritenuto di non confermare il loro interesse verso l’offerta della Execo. Ci sarebbe piaciuto che la Execo rispondesse direttamente a Valigia Blu, non all’Espresso, che si limita di nuovo a raccoglierne le dichiarazioni. E non solo sui numeri e i dettagli della vicenda, ma anche su quanto scritto in questo post (e che commentiamo di seguito), dove l’autore, oltre ad affermare a dispetto dei numeri che i ragazzi hanno «ignorato l’annuncio», trasforma questa vicenda in un pretesto per lanciarsi in una serie di considerazioni, parecchio superficiali, sulle cause della disoccupazione in Italia.

Chiediamo loro, dunque: con quale diritto una società di ricerca del personale, sulla base di un singola vicenda, decide di puntare il dito contro milioni di disoccupati e di giovani, cioè contro le stesse persone di cui ricerca i titoli e le competenze? Perché un laureato che non esprime interesse verso una posizione di sales account deve essere accusato di “bulimia” di “ideuzze”? Forse perché i clienti, verso cui dimostrare riguardo e rispetto, sono le aziende e non le persone?

——–

«Lavoro, “cercasi giovani laureati”. Ma nessuno si presenta»

Questo il titolo dell’articolo apparso il 15 dicembre sul sito dell’Espresso, in cui si racconta la storia dell’ennesimo caso di cronaca del genere il lavoro c’è ma nessuno lo vuole. Più volte, infatti, in questi anni di crisi economica e di riprese annunciate e rinviate, abbiamo assistito alle sdegnate lamentele contro l’irreperibilità di panettieri, pizzaioli, infermieri (anche quando si trattava di bufale, in cui sono cascati noti editorialisti), alle denunce contro i mestieri ignorati e disprezzati, a causa (va senza dire) delle pretese dei giovani, o meno giovani, che non vogliono adattarsi a ciò che passa il mercato, dopo anni di studio per conseguire lauree e dottorati di ricerca. Come se per accedere a pressoché ogni lavoro non fosse necessaria una minima esperienza e spesso anche una non banale formazione alla spalle.

L’articolo dell’Espresso racconta del caso della Execo, società di selezione e formazione del personale e di consulenza alle aziende. La Execo, nei mesi scorsi, è stata incaricata da una nota azienda «leader nel settore dei prodotti vernicianti destinati alla vendita al dettaglio», come si legge nell’offerta di lavoro ancora consultabile su LinkedIn, di svolgere una ricerca di personale rivolta a laureati a «indirizzo commerciale» in età di apprendistato, cioè sotto i 30 anni, a scopo assunzione a tempo indeterminato dopo un periodo di 18 mesi. La posizione era quella di sales account, per le regioni Liguria, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Basilicata. Tradotto: agente di commercio.

Nell’offerta, almeno in quella ancora pubblicata su LinkedIn, non si specifica la retribuzione prevista, ma si garantiscono ai neoassunti un’autovettura aziendale e i consueti incentivi economici «collegati al raggiungimento di obiettivi», come «parte del pacchetto retributivo». Tuttavia, nei commenti a un post pubblicato sul blog della Execo, in cui la società scrive della vicenda, si parla anche di una retribuzione lorda annua di 20.000 euro, che diventano però 22.000 nell’articolo dell’Espresso. A quanto sembra, l’ammontare della retribuzione non era dichiarata nemmeno su altri siti di ricerca lavoro. Forse era tra le informazioni fornite solo in seguito, durante il contatto telefonico o in sede di colloquio. Anche da questo potrebbe essere dipeso lo scarso successo della ricerca affidata alla Execo, sebbene non sia vero, come recita il titolo dell’Espresso, che «nessuno si presenta». Come scritto sul blog della società, che definisce i risultati della ricerca «sconcertanti», le candidature ricevute «da luglio a oggi» – (ottobre 2014) – sono «176 di cui 59 in linea». Alla chiamata hanno dunque risposto in realtà 176 persone, in tutte le regioni interessate. Dei 59 selezionati:

Basilicata: 6 candidature e nessuno realmente interessato. [...] Emilia Romagna: 17 candidature. Liguria: 8 candidature. Marche, Abruzzo e Molise: 28 candidature

All’Espresso Diego Malerba, responsabile della Execo, conferma che in Basilicata «hanno risposto in 6, ma tutti, dopo essere stati contattati telefonicamente, hanno rifiutato l’offerta» e che «in Liguria hanno risposto in 8, ma solo un paio si sono presentati al colloquio. In Molise solo un giovane ha risposto all’annuncio, ma ha dato forfait al primo appuntamento».

Nessun accenno, nell’articolo dell’Espresso, al destino delle candidature in Emilia, Marche e Abruzzo. Non sappiamo, dunque, quante persone provenienti da queste regioni si siano poi presentate al colloquio o quante siano anche solo state ricontattate. Abbiamo chiesto alla Execo un riscontro su queste cifre, e anche riguardo il fatto se fosse davvero specificata la retribuzione negli annunci diffusi in rete, ma non abbiamo ancora ricevuto risposta. Nell’articolo dell’Espresso Malerba aggiunge:

In Liguria e in Molise più di un giovane da noi contattato ci ha risposto di no, perché preferisce aspettare il prossimo bando pubblico per accedere a un posto statale.

Naturalmente non è dato sapere cosa sia stato realmente proposto ai candidati selezionati, né il motivo che ha convinto molti a rinunciare alla brillante posizione presso l’azienda leader nel settore delle vernici. È lecito supporre che ci sia stata una ragione, forse diversa per ognuno dei 59 candidati selezionati, di fronte a qualche dettaglio fornito dalla società e non specificato nell’offerta iniziale.

Ma la linea difensiva adottata dalla Execo non tradisce alcun dubbio. Soprattutto su quale sia la causa della disoccupazione giovanile in Italia. Sul già citato blog della Execo si legge:

È la sazietà a bloccare questa generazione, una sazietà dovuta al rimpinzarsi bulimico di ideuzze che un tempo si chiamavano “posto fisso”, ” impiego pubblico”…

È difficile comprendere il motivo per cui la legittima aspirazione a un impiego pubblico, attraverso un bando di cui si hanno tutti i titoli per partecipare, nella pubblica amministrazione, nella scuola, nell’università, nella ricerca, nella sanità, debba meritare un giudizio così sprezzante ed essere interpretata come una patologia, una bulimia di «ideuzze» un po’ malsane. Un luogo comune che affonda le radici nel contesto culturale e politico maturato in questi anni, in cui l’impiego pubblico e il famigerato “posto fisso” sono stati eletti il primo a simbolo di ogni spreco e fannulloneria del paese, il secondo a inaudita rivendicazione sintomo di mancanza di umiltà. In linea di principio, prima ancora che di fronte a qualsiasi considerazione realistica sullo stato dell’economia, oggi.

Nessuna «tirata moralista», mette però le mani avanti l’autore.

Alla denuncia contro i bulimici che rifiutano i posti da sales account, l’articolo dell’Espresso fa seguire quella contro un’altra piaga sociale dei nostri tempi: il mismatching:

I giovani sono flessibili, ma è sempre più frequente il caso di mismatching, dove le competenze di chi cerca lavoro non corrispondono a quelle ricercate dalle aziende.

A parlare è Federico Vione, amministratore delegato di Adecco, un’altra società di ricerca e selezione del personale. Anche Vione ha le idee piuttosto chiare su dove ricercare le cause della disoccupazione cronica italiana:

Ci si laurea e ci si diploma in discipline non idonee alla richiesta da parte del mondo del lavoro. Ad esempio, ci sono troppi giovani che scelgono carriere umanistiche, mentre sono pochi quelli che intraprendono un percorso tecnico, che al contrario viene richiesto dalle aziende.

Non si salvano nemmeno le lauree scientifiche:

Anche chi intraprende un percorso di studi scientifico e ad alto contenuto tecnico non possiede le competenze pratiche per entrare nel mondo del lavoro.

Sono almeno due i luoghi comuni sposati in queste affermazioni. Il primo è quello per cui in Italia ci sarebbero, appunto, troppi laureati in materie umanistiche. Naturalmente questo mito esprime anche un giudizio di valore sulla Filosofia, la Storia e le Lettere, il bersaglio facile dei teorici dei saperi inutili e poco attraenti per il mercato.  Ma non esiste nessuna invasione di laureati in materie umanistiche, dal momento che questi non sono maggiori, rispetto al totale dei laureati,  che in altri paesi. E, soprattutto, dal momento che in Italia ci sono pochi, troppo pochi, laureati, in assoluto, in tutte le discipline, come emerge dai dati Ocse ed Eurostat che evidenziano il grave ritardo dell’Italia rispetto all’Europa. Pochi, dunque, anche per soddisfare le legittime richieste di molte aziende. Il secondo luogo comune, quello che vede i laureati umanistici come perenni disoccupati rifiutati da ogni datore di lavoro, viene smentito dai dati di AlmaLaurea, che testimoniano, al contrario, come il lavoro ci sia, e si trovi, anche per le persone con questi titoli di studio.

Ma per Vione, e forse per molti altri, anche dei laureati scientifici italiani il mondo del lavoro non saprebbe che farsene. Anche in questo caso siamo di fronte a una svalutazione del sapere in quanto tale e, di nuovo, a una distorsione della realtà. Ai laureati scientifici vengono richieste “competenze pratiche”, come se il sapere scientifico, e non, non fosse già una competenza, e la sua trasmissione lo scopo principale dell’istruzione superiore. Il sapere scientifico contiene, certamente, anche nozioni “pratiche” come quelle applicate nei laboratori ma queste nozioni non hanno vita propria, vivono del sapere da cui sono state prodotte e che producono a loro volta.

La colpa del mismatching, dunque, ricadrebbe interamente sulle spalle di università e laureati, senza alcuna responsabilità del mondo del lavoro e del mercato, unico giudice  legittimato a valutare la “utilità” di saperi e competenze e la qualità della formazione. Come se il settore privato fosse l’unico destino possibile e l’unico sbocco naturale dei laureati italiani. Dimenticando completamente, per esempio, la ricerca pubblica, soprattutto quella di base, che dovrebbe essere tra gli sbocchi principali dei laureati scientifici. Trattasi del resto di impiego statale, perciò degno di anatema e infatti oggetto di scarsa considerazione e perenni tagli.

Cosa ha fatto il mercato del lavoro in questi anni per dare un futuro ai laureati scientifici italiani? Poco, come sa bene chi conosce la realtà dei fatti, che vede l’Italia in fondo alle graduatorie dei paesi Ocse e dell’Unione Europea per investimenti in ricerca anche nel settore privato. Certo non gioca a favore il costo del lavoro, che toglie risorse agli investimenti in ricerca. Ma la responsabilità non è dei laureati scientifici e della loro istruzione, la cui qualità è testimoniata dai risultati ottenuti dalla ricerca italiana.

Se la colpa del mismatching è, dunque, sempre dei laureati e il mercato è una sorta di stella fissa nel cielo del mondo del lavoro, è inevitabile che la soluzione sia questa:

Entrare nelle scuole e nelle università per raccontare ai ragazzi cosa cerca il mercato del lavoro. Così i giovani sapranno già quello che li attende una volta terminato il percorso di studi.

È una richiesta che va oltre quella legittima e auspicabile di un maggiore incontro tra impresa e università, che già spesso si realizza attraverso collaborazioni feconde. È la pretesa (questa sì) di determinare il futuro e le scelte di un’intera generazione che, sapendo quello che li attende alla fine degli studi, non avrà alcuna esitazione e saprà orientare le sue scelte responsabilmente. Disertando pressoché ogni corso di studio che non risponda alla «esigenza delle aziende», dato che, come si afferma, la qualità dei corsi è scarsa e la quasi totalità del sapere è inutile.

La società Execo, incaricata della ricerca di sales account, scrive, sempre sul proprio blog:

La tirata sul senso di REALTÀ’ [sic, maiuscolo] o sul sano realismo, forse quella si che possiamo permettercela tutta.

L’ultimo rapporto Censis, nel dipingere il quadro desolante di un paese «che ha capitale e non lo sa usare», fa notare anche come l’Italia, pur essendo al primo posto per numero di siti Unesco, occupi nel settore del patrimonio culturale la metà delle persone impiegate in Germania e nel Regno Unito.

Forse quando si fanno tirate sul realismo, per scaricare la colpa della disoccupazione sui disoccupati, sarebbe opportuno osservarla davvero, la realtà.




Tutto quello che sai sulla giustizia in Italia è sbagliato. Ecco perché

‘Più di 5 milioni di arretrati nel civile’: il ritornello a uso mediatico usato spesso dai politici è smentito dai numeri. I processi più lenti sono al Sud mentre al Nord il problema è la mancanza di personale. Ma in entrambi i casi ci sono eccezioni positive.


Articolo in partnership con Fanpage.it

“Una lumaca”. Se a qualcuno chiedete un parere sulla macchina della giustizia italiana, vi risponderà quasi sicuramente con quell’immagine. E non avrebbe tutti i torti, visto che, come scrive Davide Mancino sull’Espresso, secondo gli ultimi dati Ocse, «la durata media di un processo civile è di 8 anni, mentre in Spagna e Francia ne occorrono poco più di due».

Ma dai dati presentati oggi al ministero della Giustizia nel corso della giornata della trasparenza, alla presenza del ministro Andrea Orlando e di Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, lo stato di salute della macchina giudiziaria si manifesta in maniera più articolata e in alcuni casi meno drammatico di quanto si pensi. «Si dicono cose cattive sul conto dell’Italia che non sempre corrispondono al vero» ha detto Mario Barbuto, capo del dipartimento dell’organizzazione giudiziaria. Ad esempio la storia, ripetuta più volte da politici e giornali, dei 5,2 milioni di arretrati nella giustizia civile è «sempre il solito ritornello», ha continuato Barbuto.
Dagli elenchi di produttività, di organico, di durata delle cause e altro ancora (cliccando sui pallini delle due mappe si possono vedere le voci) dei 139 tribunali ordinari e delle 29 corti d’appello in Italia, si può vedere come cambia la rapidità di lavoro dei palazzi di giustizia da Nord a Sud, come si configura il problema della mancanza di personale soprattutto nei tribunali settentrionali o come si quantifica e diversifica nel dettaglio il numero dell’arretrato di cause negli uffici giudiziari.

I numeri dei tribunali ordinari

La durata dei processi

La macchina della giustizia civile in Italia ha dunque diverse marce. Si passa da quella più veloce di Aosta con i suoi 104 giorni, a quella di Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro, che per arrivare a sentenza impiega 1259 giorni, cioè undici volte il tempo del capoluogo della Valle d’Aosta.
Dai dati pubblicati dal ministero, per vedere la fine di un processo di primo grado mediamente ci vuole poco più di un anno e un mese. Sulla totalità dei tribunali, il 41% supera questa media. Di questi più della metà si trova al Sud (il 55%). La restante parte si divide tra il Centro Italia con il 17% e le Isole con il 27%. Al contrario, nessuno dei tribunali del Nord è oltre il valore medio.

Quanti sono gli arretrati

Nel 2011 Matteo Renzi, alla prima Leopolda, parlò di un’Italia intrappolata in «oltre 5 milioni di cause civili pendenti presso i tribunali». Una cifra ripresa, tre anni dopo, quando a fine agosto scorso ha presentato da capo del governo la riforma della giustizia civile, che punta, tra le altre cose, al dimezzamento dell’arretrato.
Mario Barbuto, responsabile del dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, in un’intervista a La Stampa, ha spiegato che la cifra di “5,2 milioni” per indicare gli arretrati nei tribunali italiani non è però statisticamente corretta perché nel computo venivano «considerati 300 mila procedimenti a tutela che per definizione non hanno esito in una sentenza»: 

Più del 70% delle pendenze civili risulta essere stato iscritto nell’ultimo triennio e dobbiamo considerarlo una “giacenza” fisiologica perché i tribunali non sfornano sentenze come una fabbrica che produce “just in time”; soltanto il 30% costituisce tecnicamente un “arretrato” in senso stretto, ossia cause più vecchie di tre anni per gli uffici di primo grado e di due anni per quelli di secondo grado. Questa è la patologia su cui intervenire.  

Partendo da queste considerazioni, si può vedere come secondo i dati pubblicati dal ministero della Giustizia – aggiornati al 31 dicembre 2013 – le cause pendenti nei tribunali civili d’Italia siano oltre 2 milioni, mentre quelle che sono in attesa da più di tre anni sono quasi 620 mila. Queste cause sono «a rischio di risarcimento da parte dello Stato», come scrive Francesco Gragnetti su La Stampa e rappresentano il 28% del totale.
Nella classifica dei tribunali con più procedimenti in corso, nelle prime dieci posizioni è concentrato il 36% delle cause, mentre nelle prime venti se ne trova la metà. Mediamente ogni tribunale ha da smaltire 15.868 cause. Sull’intero territorio nazionale una quarantina di tribunali supera il valore medio e sono distribuiti per il 54% al Sud, il 22% al Nord, il 13% al Centro e  il 10% nelle Isole. 

Nella graduatoria dei palazzi di giustizia in cui l’arretrato supera i tre anni, le primi dieci posizioni corrispondono al 41% del totale, mentre le prime 20 quasi al 60%. In media ogni tribunale ha da smaltire il 27% delle cause ultra triennali. Quarantasei tribunali superano questa valore, distribuendosi anche in questo caso nella maggior parte al Sud (50%), il 24% nelle regioni centrali, solo il 9% al Nord e il 17% in Sicilia e Sardegna.

Questo arretrato non è direttamente collegato e proporzionato alla popolazione. In media ogni tribunale civili serve 11 mila cittadini. «Ebbene, – scrive ancora Grignetti – i migliori 10 tribunali per performance spesso servono bacini più vasti della media: si va dai 15 mila di Asti ai 18 mila di Lanciano, addirittura i 22 mila di Lecco o i 28 mila di Ivrea». «Viceversa – conclude il giornalista –  tra i peggiori 10 il rapporto tra magistrati togati e popolazione servita non è affatto sfavorevole: 7 mila a Patti, 8 mila a Vibo Valentia, 9 mila a Lamezia e Barcellona Pozzo di Gotto, 10 mila a Foggia e Vallo della Lucania».

Posti vacanti dei magistrati e del personale amministrativo

Stando ai dati forniti dal ministero, nei tribunali civili italiani su oltre 5 mila giudici, ci sono quasi 800 posti vacanti. In media il “tasso di scopertura” è del 14,4% per ogni tribunale. Dei 139 palazzi di giustizia, più della metà supera questo valore. Di questi, il 32% si trova al Nord, il 30% al Sud, il 22% nelle Isole, mentre le regioni centrali registrano un dato più basso (il 15%).

Tra i problemi più gravi per il funzionamento dei tribunali c’è la carenza del personale amministrativo. Una questione che alimenta la lentezza della macchina giudiziaria italiana perché, come scrive Valentina Maglione sul Sole 24 ore, «porta con sé udienze ridotte, notifiche bloccate, sportelli con orari di apertura al pubblico ridimensionati». Mediamente, nei tribunali italiani manca il 16,8% del personale. Superano questa percentuale 63 tribunali, il 52% di questi è al Nord. Spostandosi, il dato si abbassa:  il 22% dei tribunali con importante carenza di personale organico si trova nelle regioni centrali, il 17,5% al Sud e il 5% nelle Isole.

 

I numeri delle Corti d’appello

Tra i dati del ministero della Giustizia, ci sono anche quelli che descrivono il lavoro e l’organico delle 29 corti d’appello sul territorio nazionale.
Riguardo la giacenza media di un procedimento emerge che questi giudici arrivano a giudizio dopo tre anni. È dunque nel secondo grado di un processo che i tempi si allungano. Il 31% (9) delle corti di appello in Italia supera questo valore medio. I picchi di lentezza sono toccati a Napoli e Roma dove servono circa 4 anni per avere un verdetto. Reggio Calabria, Catania, Bologna, Perugia e Venezia viaggiano tra i tre e i quattro anni.

Dal punti di vista del numero dei pendenti, le corti di appello hanno in totalità quasi 400 mila cause. Di queste il 30% (118.719) supera i tre anni, risultando quindi l’arretrato più pesante. Il 60% (17) delle corti italiane sono al di là della media del 29,8%. La maggior parte (7) sono al Sud, seguita di poco dal Nord (5), seguito da Sicilia e Sardegna con 3 corti d’appello e infine il Centro con 2.

Tra i giudici di secondo grado il “tasso di scopertura” raggiunge in media il 9%. Su 29 tribunali, il 55% (16) superano però questo valore medio: il Sud guida la classifica con 7 corti, il Nord al secondo posto con 5. Si passa poi alle due nelle Isole. Nelle regioni centrali, al contrario, nessuna corte di appello supera la media del “tasso di scopertura”.
Alto anche il numero delle corti che hanno posti vacanti nel personale amministrativo. Oltre la metà (il 55%) di questi tribunali superano la media (all’11,4%) di carenza di personale. Il numeri più grande di questi si concentrano al Nord (7), poi al Sud (6), due nelle Isole e una in Centro.

 

Autore
"Non è il caso né di avere paura né di sperare, bisogna cercare nuove armi." Gilles Deleuze @andreazitelli_



L’accordo con gli USA farà perdere all’Europa 600mila posti di lavoro

Uno studio sull’accordo di libero scambio su commercio e investimenti avverte: Europa a rischio disintegrazione, disoccupazione e instabilità.


immagine via

L’accordo di libero scambio su commercio e investimenti tra Unione europea e Stati Uniti (TTIP Transatlantic trade and investiment partnership) continua ad essere il tema più controverso all’interno delle istituzioni di Bruxelles.

Proteste
I negoziati sono partiti nel 2013 ma procedono con scarsa trasparenza. Mentre le aziende sono coinvolte direttamente (ai negoziati del 19 dicembre 2013 erano presenti: TimeWarner, Microsoft, Ford, Eli Lilly, AbbVie, LVMH, Nike, Dow, Pfizer, GE, BSA e Disney), ai cittadini questo privilegio non è concesso.
Le proteste dell’opinione pubblica si sono, però, fatte sempre più pressanti, a partire dalla manifestazione di ottobre fino alla campagna Stop Ttip, che ha raccolto oltre un milione di firme di cittadini europei contrari al trattato. La Commissione non vuole riconoscere la legittimità dell’iniziativa, così l’organizzazione Stop Ttip ha deciso di presentare un ricorso alla Corte di Giustizia europea. Anche se l’iniziativa non ha solide fondamenta legali, rappresenta comunque un enorme problema politico per la Commissione e le istituzioni europee.

Le proteste montanti hanno comunque convinto la Commissione europea a rilasciare alcuni dei documenti inerenti le negoziazioni e una bozza del testo. In realtà questa apertura appare un mero espediente di una strategia di comunicazione tesa a superare il crescente scetticismo del pubblico circa i negoziati e la reale utilità del TTIP.
In questa prospettiva la Commissione ha anche indetto una consultazione pubblica su uno degli aspetti più controversi del trattato, cioè le clausole investitore-Stato, consultazione che si è rivelata un vero e proprio boomerang, visto che oltre 115mila interventi hanno reso evidente che il pubblico teme che queste clausole possano minare la democrazia nei paesi europei.

Assunti
L’idea alla base del TTIP (e generalmente degli accordi per la realizzazione delle FTA, aree di libero scambio) è che l’eliminazione della barriere tariffarie e non tariffarie determina un maggiore volume di scambi, e quindi porta a maggiori benefici economici. La Commissione europea e l’USTR americano sostengono che entrambe le economie trarranno benefici, così suggerendo che l’accordo non determinerà “perdenti” nell’economia globale.
Ma le previsioni della Commissione europea appaiono fin troppo ottimistiche, e risultano basate su una serie di premesse di lungo periodo che difficilmente si realizzeranno.

Secondo gli studi presentati a supporto del trattato gli europei dovrebbero ottenere un guadagno di circa 544 euro (45 al mese) a famiglia (gli statunitensi 655), con un aumento dello 0,5% del salario dei lavoratori. Tra 10 anni. In pratica si propongono come vantaggi certi dei vantaggi aleatori e irrisori.
Ma aumenteranno davvero i posti di lavoro? Nei documenti della Commissione non c’è risposta.

Secondo i dati della Commissione il TTIP porterà ad un aumento della esportazioni, e uno studio dell’Economic and scientific policy department del Parlamento europeo chiarisce che i posti di lavoro dipendono dalle esportazioni, ma a patto che l’accordo riesca ad abbattere le tariffe a zero e a ridurre significativamente le barriere non tariffarie di beni e servizi.
Abbiamo già spiegato che le “barriere non tariffarie” sono le misure commerciali non fiscali volte al controllo delle importazioni e delle esportazioni sulla base di svariati interessi, come la sicurezza alimentare, le regole per la sicurezza sul lavoro, le norme ambientali e sanitarie, cioè tutte quelle norme che caratterizzano l’Europa rispetto agli Usa come un luogo che pone maggiore attenzione alla vivibilità e alla sicurezza e ai cittadini.
Insomma, per ottenere, forse, un aumento minimo del PIL (0,05% annuale) e dei posti di lavoro occorre rinunciare agli standard di sicurezza caratteristici dell’Europa. E anche in questo caso si tratterebbe di riallocazione di posti di lavoro da un settore all’altro.

Modelli economici
Gli studi a supporto della posizione della Commissione sono sostanzialmente tre: Ecorys (2009), CEPR (2013) e CEPII (2013). Sono tutti basati sul modello economico della Banca Mondiale (CGE Computable General Equilibrium) sviluppato dalla Purdue University. Un quarto studio della Bertelsmann usa una versione modificata del medesimo CGE.

L’assunto del CGE è che la liberalizzazione del commercio porta ad un nuovo equilibrio macroeconomico, e quindi l’eliminazione delle barriere (o costi commerciali) determina l’apertura dei settori alla concorrenza mondiale. In tal modo i settori in espansione assorbono le risorse (compreso il lavoro) rilasciate dai settori in contrazione. Ma perché ciò accada occorre che i settori si amplino in maniera sufficiente.
Un ulteriore assunto è che le risorse siano immediatamente riallocabili, così, per fare un esempio,  i lavoratori di una catena di montaggio che produce automobili possono passare immediatamente a lavorare in un’azienda di software, oppure, chiude un’acciaieria e gli operai vanno a lavorare la terra.
L’intero processo è guidato dalla riduzione del costo del lavoro che porta all’espansione dei settori economici, e il CGE prevede che non vi sia disoccupazione. Secondo il modello CGE, quindi, i mercati sono sempre in equilibrio, e c’è sempre equilibrio tra offerta e domanda. Per questo il modello CGE non misura l’impatto sulla disoccupazione (domanda di lavoro – imprese – inferiore all’offerta – famiglie -), ma misura come la forza lavoro verrà riallocata da un settore all’altro.

Il limite del modello economico CGE si è palesato con le liberalizzazioni degli anni ’80 e ’90. Tale modello appare puramente teorico considerando che il passaggio immediato dei lavoratori da un settore ad un altro è impossibile, occorre un certo tempo (specializzazione) per cui un settore generalmente si contrae più velocemente rispetto all’espansione degli altri, lasciando così migliaia di lavoratori disoccupati, cosa che comporta una riduzione della domanda, svantaggio che il modello CGE tende a trascurare.

Basta guardare l’esperienza europea degli ultimi decenni per comprendere che gli studi a supporto del TTIP si basano sulla cieca fede nella capacità riequilibrante del mercato e nell’assunto, tutt’altro che provato, che i mercati non sbagliano mai.

Modello economico dell’ONU
Nell’ottobre 2014 il ricercatore Jeronim Capaldo del Global development and environment Institute, si è occupato del problema, usando il Global policy model (GPM) delle Nazioni Unite per simulare l’impatto del TTIP sull’economia globale. Il titolo è illuminante:
The Trans Atlantic Trade and Investment Partnership: European Disintegration, Unemployment and Instability”.

Lo studio di Capaldo non contesta le proiezioni di espansione commerciali proposte dalla Commissione, ma propone una diversa valutazione dell’impatto sull’economia. Lo studio simula l’impatto del TTIP in un contesto di prolungata austerità e bassa crescita (come l’attuale).
La principale differenza del GPM rispetto al CGE è che il primo assume che l’economia sia guidata dalla domanda aggregata (il Pil è determinato da quanto si compra) piuttosto che dall’efficienza produttiva (il Pil è determinato da quanto si produce, vedi CGE), per cui il taglio dei “costi” può anche avere effetti negativi sull’economia se ciò che si taglia è il reddito da lavoro che supporta la domanda aggregata. Inoltre il GPM include una valutazione delle dinamiche di occupazione.

L’utilizzo di un modello economico più realistico cambia drasticamente i risultati. Secondo lo studio di Capaldo, infatti, l’impatto del TTIP sull’economia europea sarà il seguente:

- contrazione del PIL, in particolare i paesi del nord Europa soffriranno maggiormente (riduzione del 2,07%), seguiti dalla Francia (-1,9%) e dalla Germania (-1,14%);
- riduzione dei salari, tra i 165 e i 5.500 euro per lavoratore a seconda del paese (5.500 euro in Francia, 4.200 nel Regno Unito e 3.400 in Germania);
- aumento della disoccupazione, all’incirca 600mila posti di lavoro persi, di cui oltre 220mila nel nord Europa, 130mila in Germania e in Francia, e 90mila nel sud Europa, con effetti destabilizzanti sulle dinamiche dei salari;
- alimentazione del trend che ha portato all’attuale stagnazione economica, cioè trasferimento di risorse dal lavoro al capitale, con le immaginabili conseguenze sociali;
- riduzione del ricavato dalle tasse da parte dei governi.

TTIP scenario

In breve il TTIP porterà una maggiore instabilità finanziaria, e gli investimenti dovranno essere sostenuti tramite l’aumento dei prezzi.

A seguito dell’approvazione del trattato transatlantico il commercio bilaterale tra UE e Usa crescerà (5,9% nel 2027), ma siccome cresceranno anche le esportazioni e le importazioni l’impatto sarebbe ben poco rilevante. Accadrà, però, che i paesi europei sarebbero più portati a commerciare con gli Usa piuttosto che tra di loro, così determinando una dis-integrazione dell’Unione europea. I paesi europei, in tal modo, sarebbero più esposti ad eventuali shock esterni (es. caduta della domanda Usa), a causa dell’eccessivo legame con gli Usa, così legando indissolubilmente il destino economico delle Nazioni europee agli errori di gestione dell’economia americana.
Il TTIP, quindi, ridurrà fortemente il vantaggio principale di una unione economica, e cioè la capacità di assorbire gli shock esterni grazie alla domanda interna.

Ancora una volta viene da chiedersi perché i governanti europei svendono l’Europa, le sue politiche e i suoi standard di sicurezza, solo per consentire ai declinanti Stati Uniti di avere un mercato di sbocco nel momento in cui stanno perdendo quelli dei paesi BRIC.

Autore
Avvocato e blogger. Mi interesso di diritto applicato ad internet e alle nuove tecnologie di comunicazione. @brunosaetta



Il video di Mango, la scelta di pubblicare e i commenti dei lettori

Le critiche aspre alle testate che hanno deciso di riprendere le ultime immagini del cantante. L’incapacità di gestire i commenti e la scelta di non interagire con i lettori.



Su Twitter ieri mi hanno chiesto un parere sulla scelta di pubblicare il video del malore e della morte di Mango. Da lì è nata poi una discussione sulla mia bacheca di facebook.

Non me la sono sentita di entrare nel merito della decisione di alcune testate di pubblicare quel video (che una persona presente al concerto ha realizzato, caricandolo poi su Youtube. Da lì diverse testate lo hanno ripreso caricandolo sulle loro piattaforme video), ma ho risposto dicendo cosa io avrei fatto. Io quel video non lo avrei pubblicato, perché a mio avviso non aggiungeva niente “giornalisticamente” parlando alla comprensione della notizia (il cantante purtroppo era stato stroncato da un infarto mentre era sul palco, notizia tra l’altro arrivata molto prima del video) e perché avrei voluto rispettare il dolore dei familiari.

Impossibile poi evitare la percezione che l’uso di quel video più che diritto di cronaca servisse al traffico e ai click. Ecco perché giornalisticamente e umanamente se fossi stata io a dirigere un giornale online avrei scelto di non pubblicare il video.

Sicuramente non avrei lanciato a pochi minuti dalla notizia un sondaggio così, per sfruttare il potenziale engagement della notizia stessa.

La cosa che mi ha davvero colpito però è stata la reazione pressoché unanime dei “lettori” sui social: la maggior parte dei commenti criticava in modo anche molto aspro le testate che hanno deciso per la pubblicazione. Al di là della testata (Corriere della Sera, Il Fatto, Huffington Post, il Giornale, Fanpage), il tono dei commenti era praticamente lo stesso. Ben sintetizzati in questi screenshot.

Commenti che io avrei cercato di gestire, rapportandomi con le critiche, cercando di capirne le ragione. Interagendo con le persone che hanno deciso di commentare, mettendo in conto anche di rivedere la mia scelta di pubblicare.

A un certo punto durante la discussione su Facebook, ci siamo resi conto addirittura che il Corriere ha deciso di cancellare il post, così senza spiegazioni e senza essersi misurato con i giudizi negativi dei lettori.

Il video però è rimasto sul sito online, dove i lettori continuavano in ogni caso a esprimere senza la minima moderazione le loro perplessità o i commenti che andavano da “sciacalli” a “vergognatevi”. Non moderare, non prendere in considerazione questi commenti è stata a mio avviso una scelta sbagliata. Ed è stato scorretto eliminare il post in seguito agli insulti senza dare spiegazioni.

Solo su l’Huffington Post ho visto un intervento della testata che prova a spiegare i motivi della scelta, anche se ai commenti di risposta si è deciso di non replicare.

Dalla conversazione sulla mia bacheca emerge che la famiglia ha chiesto espressamente ai media di non pubblicare il video, come si può vedere in questa immagine presa da Rainews, che ha accettato di rispettare la richiesta dei familiari.

 

È sicuramente questa la scelta che ho apprezzato, non ho condiviso invece la decisione di non interagire in modo costruttivo con i lettori e di sicuro non posso apprezzare la scelta di alcune testate di inserire addirittura nel video spot pubblicitari come questi: “Perché ho questa fitta dolorosa?”, per poi unirsi ipocritamente al dolore dei familiari. Siamo oltre il cinismo, oltre lo sciacalaggio. Fossi nella testata avrei chiesto umilmente scusa a tutti dai familiari ai lettori.

 

 




La verità sull’occupazione: e il Ministro Poletti smentì se stesso

Nel comunicato lanciato per contrastare i dati Istat, il Governo parlava di 400mila nuovi rapporti di lavoro a tempo indeterminato. Oggi si scopre che quelli andati distrutti nello stesso periodo sono 483mila. Diminuiscono anche i contratti a tempo determinato. Per ora l’effetto del decreto Poletti sul lavoro non si vede.


immagine via

di Marta Fana

Venerdì scorso, giorno in cui l’Istat ha pubblicato i dati sulle forze lavoro mostrando un mercato con forti difficoltà, il Ministro Poletti per attutire il colpo dell’opinione pubblica ha anticipato i dati del Ministero del Lavoro sulle comunicazioni obbligatorie, sbandierando un aumento del 7% dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato. Una notizia che cozzava molto con i dati pubblicati dall’ufficio di statistica e non verificabile, perché appunto basata su un’anticipazione non completa. Qui abbiamo provato a spiegare perché quelle interviste del Ministro apparivano più come un attività propagandistiche che una effettiva situazione del paese reale.

Poletti, nel suo comunicato per contrastare i dati Istat, alludeva unicamente all’avviamento dei nuovi rapporti di lavoro a tempo indeterminato (che sono effettivamente 400mila circa) senza dire però quanti di posti erano andati distrutti (483.027) nello stesso periodo.

Finalmente oggi, il Ministero del Lavoro ha pubblicato i dati relativi al terzo trimestre permettendo di verificare l’annuncio del Ministro. Secondo i dati, e come mostrato nella prima figura, i posti di lavoro a tempo indeterminato diminuiscono di 81.380 unità, un andamento meno negativo rispetto al terzo trimestre del 2013, ma pur sempre maggiore rispetto al terzo trimestre 2011, quello che segnò la fine del Governo Berlusconi e diede il via al Governo Monti.


In particolare, per gli uomini i posti di lavoro a tempo indeterminato distrutti superano del 26% quelli creati, mentre per le donne del 14%, differenza che inverte l’andamento dei trimestri precedenti. Tuttavia però all’interno dei settori produttivi, la riduzione dell’occupazione di tipo standard sembra essere vissuta diversamente da uomini e donne. Ad esempio, gli uomini perdono più posti di lavoro nell’industria in senso stretto e nei servizi, mentre le donne nel settore delle costruzioni.

Ma dell’operato di Poletti è possibile però dire ancora qualcosa. I rapporti di lavoro a tempo determinato, oggetto principale del decreto che porta il nome dell’attuale ministro, diminuiscono, nonostante il saldo sia positivo, dall’inizio del Governo Renzi sia nel secondo che nel terzo trimestre del 2014, periodo in cui il primo atto del Jobs Act è pienamente applicabile. I dati dimostrano quindi che il decreto Poletti non ha favorito un maggiore interesse da parte delle imprese alle assunzioni, sia pure a tempo determinato. 

Da quanto emerge dai dati, sono le assunzioni tramite contratti a tempo determinato che diminuiscono (più che l’aumento in sé delle cessazioni) soprattutto nel terzo trimestre. Ciò può essere dovuto alle attese rispetto al testo finale della legge delega sul lavoro (Jobs Act) oppure al continuo deteriorarsi delle aspettative di ripresa da parte delle imprese (legate al continuo calo di consumi delle famiglie), che appunto non hanno nessun incentivo ad assumere, neppure gratis. L’analisi per genere mostra che per gli uomini le attivazioni nette relativamente al totale dei contratti sono in forte calo tra il I° e terzo trimestre 2014, mentre per le donne a un forte calo tra il primo e secondo trimestre si accompagna un aumento relativo nell’ultimo trimestre.

Inoltre, il decreto Poletti nonostante abbia liberalizzato l’apprendistato – eliminando la causale – non sembra avere creato nessun effetto positivo sull’utilizzo di questi contratti, che diminuiscono del 68% rispetto al primo trimestre 2014 (l’era pre-Renzi) e del 27 % solo tra il secondo e terzo trimestre di quest’anno.  che subiscono un forte incremento (del 41%) tra il secondo trimestre e il primo, seguito da una notevole riduzione tra il secondo e il terzo trimenstre (-27%). In termini assoluti, si nota il numero di contratti di apprendistato attivati nel terzo trimestre supera quelli del primo di sole 2000 unità. Guardando al saldo tra attivazioni e cessazioni, la dinamica positiva del secondo trimeste con un saldo di 39800 contratti è ridimensionata ancora una volta dal terzo in cui il saldo è di soli 10741 unità. Ciò implica che la contrazione tra terzo e secondo trimestre relativamente ai contratti di apprendistato è del 73%


Se è vero che il problema sono le basse assunzioni a tempo determinato o indeterminato, è utile anche guardare perché i rapporti di lavoro terminano così da rendere chiaro – se mai ce ne fosse ancora bisogno – che l’instabilità lavorativa è alla base del nostro mercato del lavoro: Il 64% delle cessazioni riguarda infatti il mancato rinnovo di contratti a termine, il 14% le dimissioni (volontarie, forzate?) dei lavoratori e a seguire i licenziamenti veri e propri.

L’ennesima prova che la disoccupazione e la crisi economica non possono essere affrontate dal lato dell’offerta né precarizzando ulteriormente i rapporti di lavoro, cioè distribuendo incentivi alle imprese che non sanno che farsene (monetizzazione di utili di breve periodo a parte) dato che non vedono nessun miglioramento nei consumi delle famiglie.

 




Centinaia di “like” su Facebook dopo l’omicidio: il fattore troll e le analisi affrettate

Molti dei 300 ‘mi piace’ al messaggio con cui il trentaduenne di Salerno si felicitava sul social network per l’omicidio dell’ex moglie arrivano da provocatori che sfruttano l’ondata di reazione emotiva scatenata dal femminicidio. E che spostano l’attenzione mediatica dal tema dell’omicidio a quello dell’odio che circola in rete. Ma l’odio non è una questione tecnologica. Se davvero siamo cattivi non è certo per via di Facebook


articolo tratto da La Città di Salerno

Dobbiamo smetterla di fare dei “mi piace” l’unità di misura del mondo. Prima di tutto, perché non sono una buona unità di misura del mondo. Quanto accaduto nelle scorse ore lo dimostra. I 300 like raccolti dal post con cui il trentaduenne assassino dell’ex moglie si felicita per l’omicidio (“Sei morta troia”) hanno fatto molto discutere. Ma ogni considerazione è inutile se si parte dal presupposto, errato, che significhino tutti un’adesione sincera ai propositi dell’omicida, un disimpegnatissimo modo di aggiungere il dileggio al reato.

In realtà, come confermato proprio a partire da un post segnalatomi su Facebook

Buona parte erano troll, provocatori che non si fanno problemi a sfruttare la prevedibile ondata di reazione emotiva scatenata da un femminicidio per mostrare quanto poco utenti e media tradizionali capiscano delle dinamiche di manipolazione del consenso sui social media. In sostanza, un gruppo di disturbatori si accorda non appena trova la notizia giusta – basta leggere su un giornale che l’omicida si è confessato su Facebook – e, tramite profili multipli, gonfia enormemente i like al post bersaglio, così da attirare ulteriore attenzione mediatica e del pubblico, e da spingerlo a parlare di quanto odio ci sia in rete e non di un omicidio e delle circostanze che vi hanno condotto.

È una dinamica vista all’opera in Italia almeno dall’attentato di Massimo Tartaglia a Silvio Berlusconi , a dicembre 2009, e dalle pagine che inneggiavano all’attentatore e alla morte dell’allora presidente del Consiglio. Eppure i giornali continuano a cascarci (pare) e gli utenti pure. Ma non c’è solo questo modo cinico, da una parte, e ingenuo, dall’altra, di cavalcare la viralità, la semplicità dell’indignazione social.

C’è anche la apparente impossibilità di comprendere che anche se quei 300 “mi piace” fossero tutti e soli di convinta adesione ai propositi dell’omicida non ci sarebbe alcuna notizia, e nessuno dei significati più vasti che di norma finiscono per essere tirati in ballo in questi casi: Twitter e Facebook non sono il mondo , e di certo non lo è un post su quelle piattaforme. E anche nell’era dei dati il metodo scientifico, fortunatamente, conta: semplicemente, il campione non è rappresentativo di alcunché; ergo, non significa nulla. Nulla sul rapporto tra odio e rete; nulla sull’emergenza che sempre ne consegue quando il problema venga sollevato a questo modo; nulla per il dibattito, vero e proprio prodotto dell’idiozia di pochi più che del carattere dei molti o dello strumento che usano, sulla necessità dunque di regolamentare più rigidamente Internet e ciò che possiamo dire su Internet.

L’ultimo a esserci cascato è il governatore toscano, Enrico Rossi , per i commenti razzisti alla sua foto coi vicini di casa rom, ma è una lunga tradizione e annovera politici di destra come di sinistra. Incapaci di comprendere che l’esito ultimo sono le uscite inaccettabili su Facebook “sporco di sangue” o, dice il governo britannico, “rifugio dei terroristi ”: ottimo capro espiatorio per evitare di criticare l’intelligence che – nonostante controlli il mondo – non è stata in grado di sventare l’omicidio di Lee Rigby. E la Russia, dove un post sgradito basta per chiudere una piattaforma; nelle scorse ore, il rivale di YouTube, Vimeo . Prima di condividere e indignarsi, meglio fermarsi a pensare: la rete che vogliamo è quella di Putin o una rete libera?

Ma il punto è ancora più ampio: che quella dell’odio non è, e non dovrebbe essere, una questione tecnologica. Parliamo di Facebook quando dovremmo parlare di un omicidio; di come regolare un algoritmo invece che una società; del mezzo, e non di chi lo abita. Peggio: del mezzo, pensando di parlare di chi lo abita. E se davvero odiamo, e siamo cattivi, non è certo per via di Facebook. È comodo crederlo, ma non è così. Facebook è lo specchio, e noi in esso ci guardiamo come mai prima d’ora. Inutile incolpare ciò che riflette l’immagine: meglio usarla per migliorarci, se lo vogliamo.




Condoni: 30 anni di malaffare e distruzione ambientale. E si continua a cementificare

Dal 1985 ad oggi tre sono state le sanatorie di abusi fatte dai governi. Legambiente denuncia da tempo il danno ambientale e il giro d’affari illegale.


Dopo 50 anni dal blocco dei lavori, ieri l’”ecomostro” di Alimuri è stato abbattuto. Per Legambiente Campania il messaggio che arriva dalla demolizione del rudere del maxi albergo costruito sulla scogliera sorrentina è chiaro: «mai più condoni, mai più abusivismo».
L’11 novembre scorso lo stesso Gian Luca Galletti, ministro dell’Ambiente, durante gli Stati generali contro il dissesto idrogeologico, ha promesso: «Mai più condoni edilizi, sono dei tentati omicidi alla tutela del territorio». Nella scorse settimane la responsabilità politica per questo tipo di provvedimenti legislativi che negli ultimi 30 anni hanno sanato l’abusivismo edilizio e alimentato le cause dei gravi danni del dissesto idrogeologico in Italia, è stata al centro di un acceso scambio tra Matteo Renzi e Claudio Burlando, governatore della Liguria, regione che a causa delle recenti alluvioni ha subito danni per 1 miliardo di euro. Secondo il presidente del Consiglio «le politiche territoriali degli ultimi 20 anni devono essere rottamate». Burlando gli ha risposto dicendo che «i condoni li fanno a Roma».

La storia, 30 anni di sanatorie e condoni edilizi

Una storia che inizia con l’articolo 4 della legge n.10 del 1977 che, come racconta Amedeo Martorelli per Tv7,  «allarga molto le maglie delle concezioni edilizie». Ma è dal 1985 ad oggi che sono stati approvati i tre maggiori provvedimenti legislativi in materia di condoni.
Si parte con la sanatoria del governo Craxi-Nicolazzi (legge n. 47/1985), che forniva un quadro normativo sull’edilizia “provvisorio”. La sua maggiore conseguenza è stata  l’ammissione al condono edilizio di tutti gli abusi realizzati fino a ottobre 1983. «Secondo dati Cresme (centro ricerche sull’edilizia ndr) – scriveva il Corriere della Sera nel 2003 – l’effetto annuncio del primo condono avrebbe provocato l’insorgere nel solo biennio 1983/1984 di 230.000 manufatti abusivi, mentre quelli realizzati fra il 1982 e tutto il 1997 sarebbero 970.000».

Nel 1994 il primo governo Berlusconi con la legge n. 724 (Misure di razionalizzazione della finanza pubblica) estende il condono agli abusi realizzati fino al 31/12/1993, ponendo però alcuni limiti, come ad esempio che «le opere – spiega ancora il Corriere – non abbiano comportato un ampliamento superiore al 30% della volumetria originaria». Sempre il Cresme ha calcolato che da dicembre del 1993, tra nuove costruzioni e ampliamento delle esistenti, sono stati realizzati altri 220.000 abusi.

Per i successivi due anni, fino al 1996, sono stati emanati 14 decreti che contenevano, oltre ad alcune norme di rilievo ambientale, articoli di legge per semplificare i procedimenti urbanistico/edilizi e per la denuncia d’inizio attività e condono delle opere abusive. Tutti provvedimenti decaduti perché non convertiti in legge. Nel 1996 poi la Corte Costituzionale è intervenuta con la sentenza n. 360/1996, stabilendo che la prassi di reiterare all’infinito le decretazioni d’urgenza, facendone poi salvi gli effetti, fosse incostituzionale.

Negli anni successivi tentativi simili sono comunque continuati da parte delle forze politiche. Poi nel 2003, sotto il secondo governo Berlusconi, è arrivata la terza legge (n. 269/2003Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell’andamento dei conti pubblici“) che ha riaperto con l’articolo 32 la possibilità della sanatoria per le opere realizzate abusivamente fino a marzo 2003. Alcune Regioni avevano impugnato la norma davanti alla Corte Costituzionale perché ritenevano che andasse contro la loro competenza legislativa in materia di governo del territorio. I giudici con la sentenza n. 194/2004 hanno dato in parte ragione alle Regioni, che hanno così potuto emanare proprie leggi per regolare i limiti, le condizioni e le modalità per l’ammissibilità alla sanatoria.

Passati 10 anni, «l’abusivismo – scrive Alessandro Galimberti sul Sole 24 ore – è tutt’altro che finito, anche se non è più ai livelli degli anni ’80 quando le abitazioni abusive realizzate toccavano punte del 28,7% sul totale del costruito (nel 1984, prima del primo condono, 435mila abitazioni realizzate di cui 125mila abusive)». «Negli anni ’90 – continua il giornalista – scendono i dati assoluti ma non le percentuali (83mila case abusive su 281mila, il 29,6%, nel 1994, anno del secondo condono edilizio). Nel 2010, quando si ricorda un tentativo di irruzione della sanatoria nel Milleproroghe, si calcolano 27mila abitazioni abusive su 229mila, cioè l’11,8%, l’anno successivo 26mila su 213mila».

Arrivando ai giorni nostri, l’ultimo provvedimento in materia è il Ddl Falanga (presentato dal forzista Ciro Falanga) approvato al Senato a gennaio scorso, con il voto compatto del Partito Democratico (dopo una dichiarata mancanza di unità del gruppo parlamentare). Il testo riguarda la «razionalizzazione delle competenze in materia di demolizione dei manufatti abusivi». Nella norma vengono stabilite delle priorità nelle demolizioni. All’ultimo posto della classifica ci sono le abitazioni «la cui titolarità è riconducibile a soggetti appartenenti a nuclei familiari che non dispongano di altra soluzione abitativa». Qui sta il punto conteso perché, come spiegato su Edilizia e Territorio, in pratica «tutte le famiglie che abitano fabbricati abusivi ma non hanno altri posti dove vivere potrebbero beneficiare di una sanatoria di fatto della loro situazione». Il testo deve essere approvato alla Camera, ma Ermete Realacci (Pd), presidente della commissione Ambiente di Montecitorio, ha detto che si tratta di un «provvedimento che rende più difficile la lotta contro l’abusivismo» e che per questo «non passerà mai».

Numeri e danni delle politiche contro l’ambiente

Tra i settori più colpiti dalla crisi economica c’è quello edile. Nonostante questo, nel 2013, secondo i dati forniti dal Cresme, sarebbero stati costruiti 26mila immobili illegali, tra ampliamenti e nuovi costruzioni. Un dato che rappresenta oltre il 13% del totale delle nuove costruzioni. Legambiente, inoltre, nel dossier ”Abusivismo edilizio: l’Italia frana, il Parlamento condona“, denuncia che tra il 2003, ultimo anno in cui era possibile presentare la domanda di condono edilizio, e il 2011, lo stesso «Cresme ha censito la cifra record di 258mila case abusive, per un giro di affari illegale, basato sui numeri e sui valori immobiliari medi, valutato in circa 18,3 miliardi di euro».

Al netto di ciò, l’associazione ambientalista spiega che il rapporto tra ordinanze ed esecuzioni (nei Comuni capoluoghi di Provincia), dal 2000 al 2011, è bassissimo: di 46.776 ordinanze ne sono state eseguite 4.956, poco più del 10%. Realacci aveva presentato nel marzo dell’anno scorso una proposta di legge con l’intento di favorire e disciplinare le attività di demolizione degli immobili abusivi. Il testo però non è stato ancora calenderizzato alla Camera.

Altra importante questione è l’enorme arretrato di pratiche ancora da valutare sui tre condoni edilizi dei 30 anni passati. Una fenomeno che si può riscontrare da Nord a Sud del territorio nazionale. Scriveva Maurizio Caprino sul Sole 24 ore:

Spesso si è creata una situazione paradossale: molti fascicoli sono totalmente istruiti, ma restano fermi in attesa di adempimenti dei cittadini. Un po’ perché il conto finale degli oneri di sanatoria è alto, un po’ perché il Comune aveva accumulato un ritardo iniziale di anni e, quando lo ha colmato, i proprietari degli edifici non erano più interessati o si erano dimenticati della procedura in corso e non avevano più documenti.

Legambiente calcola (su dati del 2011) che nei capoluoghi di provincia su oltre 2 milioni di richieste, 844.097 di esse (il 41,37%) sono in attesa di valutazione. Nel frattempo, come denuncia l’associazione, queste case restano «nella disponibilità dei loro proprietari» che, in attesa che le loro domande di sanatoria vengano esaminate, possono affittarle o venderle, «indifferentemente se siano agibili o meno».

Ma il consumo del suolo non si ferma

Il consumo del suolo in Italia sembra inarrestabile. Secondo il rapporto 2014 dell’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), il suolo perso a livello nazionale è passato dagli 8.700 chilometri quadrati (2,9%) degli anni ’50 ai quasi 22.000 chilometri quadrati (7,3%) del 2012. «Un fenomeno – specifica l’ente – che non sembra risentire dell’attuale congiuntura economica e continua a mantenersi intorno ai 70 ettari al giorno»:

Si tratta di un consumo di suolo pari a circa 8 metri quadrati al secondo che continua a coprire, ininterrottamente, notte e giorno, il nostro territorio con asfalto e cemento, edifici e capannoni, servizi e strade, a causa dell’espansione di aree urbane, spesso a bassa densità, di infrastrutture, di insediamenti.

Un processo che non può essere spiegato con il solo aumento demografico. «Se nel periodo tra gli anni ’50 e il 1989 – spiega ancora l’Ispra – il rapporto tra nuovo consumo di suolo e nuovi abitanti era pari a meno di 1.000 metri quadrati per ogni nuovo abitante, negli anni ’90, a fronte di una crescita demografica quasi nulla, la perdita di aree naturali e agricole è continuata con tassi di crescita simili a quelli del periodo precedente».

La maggiore incisività del processo si può riscontare al Nord, secondo la stima del suolo consumato a livello regionale negli anni ’50 e nel 2012.

Clicca sull’immagine per ingrandire.

Sono varie le tipologie di consumo del territorio in Italia, con la percentuale maggiore che spetta agli edifici e capannoni.

Lo stesso governo Renzi con lo Sblocca Italia, divenuto legge il 6 novembre scorso, punta a sbloccare edilizia, infrastrutture, ferrovie, appalti, ecc. Da parte di cittadini, associazioni ed enti locali, il testo di legge, tra le varie cose, è stato accusato di continuare lungo la strada di una cementificazione inesorabile del suolo italiano.
Inoltre, nella legge di stabilità in discussione in Parlamento è stato approvato un emendamento presentato da Mario Marchi del Partito democratico che prevede la proroga, anche per il 2015, della possibilità per i Comuni di utilizzare gli oneri di urbanizzazione per la spesa corrente. Per Mario Catania, ex ministro alle Politiche agricole, è un scelta sbagliata perché «oltre ad incentivare nuova cementificazione, esponendo il Paese ad un maggior rischio idrogeologico, si permette ai Comuni di fare cassa sottraendo risorse preziose alla comunità per la realizzazione di opere di costruzione».

Autore
"Non è il caso né di avere paura né di sperare, bisogna cercare nuove armi." Gilles Deleuze @andreazitelli_



Valigia Blu - I contenuti di questo sito sono utilizzabili sotto licenza cc-by-nc-nd